chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Bangladesh: valorosa protesta contro la pratica della dote

Per secoli la dote[it] ha fatto parte integrante dell'organizzazione sociale di molti paesi del mondo e, nei paesi in via di sviluppo, essa è un notevole sforzo economico, insostenibile per la famiglia della sposa. In molti paesi dell'Asia meridionale è stata proibita per legge nel secolo scorso, ma la pratica della dote è tuttora dilagante e illegalmente perpetuata.

Ogni anno nuovi casi di violenza domestica collegata alla questione della dote si concludono con la morte della moglie per mano del marito. Di recente, un movimento di protesta, che combatte la tradizione della dote, infiamma i dibattiti sui social network del Bangladesh.

Il giorno 11/11/11 è stato prescelto quale data perfetta per la celebrazione del matrimonio dei sogni da Farzana Yasmin, che lavora presso una compagnia di assicurazioni, e dal suo sposo Shawkat Ali Khan Hiron, che è dirigente scolastico presso una scuola elementare statale. Il matrimonio è stato regolarmente celebrato lo scorso venerdì [bn], ma durante il ricevimento alcuni membri della famiglia dello sposo, hanno richiesto pubblicamente, nell'ordine:un set TV, un frigorifero e una moto,[en] più altre cosette in “regalo” alla famiglia della sposa.

La sposa è rimasta stupefatta nel vedere come il neo sposo appoggiasse[en] le loro richieste ed ha provocato un vero e proprio terremoto in tutto il paese divorziando da lui direttamente durante la festa di matrimonio. I parenti dello sposo hanno tentato di appianare le cose fino a notte inoltrata ma la sposa Farzana è rimasta fermissima nelle sue posizioni.

Più tardi lo sposo ha scritto in uno status su Facebook che l'accaduto corrispondeva a verità e che il suo matrimonio era davvero finito e che si scusava con gli ospiti. Ha anche aggiunto che non ha chiesto lui personalmente la dote. Ha addirittura lanciato una campagna d'odio [bn] contro la sposa su Facebook. I netizen si sono subito sollevati in protesta ed hanno criticato il suo gesto e tutti i post che incitavano all'odio sono stati rimossi. La ex-sposa, Farzana si è invece così espressa:

L'istituto della dote è diventato un cancro della società. Ne ho letto sui giornali e mi sono meravigliata molto di come ciò possa accadere. [..] Quando il tutto si è svolto sotto i miei occhi, qualcosa è scattato dentro di me. Ho sentito che dovevo far sentire la mia voce e che dovevo fare qualcosa…. [..] Magari non ho fatto molta differenza, magari solo per poche persone, ma voglio che la gente sappia che le donne possono fare qualcosa.

Si è chiesta se lei che ha un'istruzione non poteva fare nulla allora, chi poteva? Riportiamo qui il video di un'intervista [bn] che lei ha rilasciato ai media locali (caricata da Priyochannel).

Unheard Voice blog posts translations from the interview:

Cosa c'è di strano se chiedo il divorzio? Non ho bisogno di sposarmi. Posso mantenermi da sola. Non potrei mai costruirmi una famiglia con un uomo così… Le donne pensano che una volta sposate non si possa più divorziare. Fanno commenti del tipo, come ha potuto divorziare? Perché avrei dovuto vivere in un inferno se lo conosco prima… Noi tutte siamo contrarie alla dote ma essa continua ad esistere. Se io non mi oppongo adesso, almeno altre cinque donne non lo faranno… Nonostante le denunce, le lotte, essa continua ad esistere. Questa società è sempre governata da uomini. Come ha potuto un'insegnante pretendere la dote? Cosa può insegnare alla società un'insegnante del genere? Che addirittura è insegnante statale. E il governo è contro la dote. Queste persone vanno punite, devono essere isolate dalla società. Sono orgogliosa di essermi tirata fuori, anche se avevo addosso l'abito da sposa.

Farzana durante l'intervista. Image courtesy Kowshik

Kowshik era presente durante l'intervista ecosì ha scritto sul blog BDNews24.com [bn]  

তার যুগান্তকারী ঘটনা শুনছি। ফারজানাকে দেখে সজাগ হতে হয়। এমন সাহসী সিদ্ধান্ত ক’জন নিতে পেরেছেন? যৌতুকের দাবী মেটাতে গিয়ে নির্যাতনের শিকারের ঘটনা আমরা অহরহ শুনি। কিন্তু এভাবে ঘুরে দাঁড়াবার দৃষ্টান্ত বিরল।

Ascoltando la sua incredibile vicenda, si rimane increduli per la sua impresa. Quante persone sono in grado di prendere una decisione così coraggiosa? Si sente spesso di casi di violenza domestica perpetrata ai danni delle donne per questioni di dote. Ma questa coraggiosa presa di posizione è un fenomeno raro.

Il post di Kowshik ha suscitato molti commenti. Gias Uddin Bhuiyan si è congratulato con lei e scritto:

তিনি যে এই সাহসী পদক্ষেপটি নিয়েছেন তা প্রতিটি ঘরে ঘরে প্রতিটি মানুষের মনে রাখা উচিত এবং সকলের জীবনে তার প্রতিফলন ঘটানো উচিত। শুধু তাকে বাহবা দিলেই দায়িত্ব শেষ হবে না।

Tutti dovrebbero ricordare questo passo coraggioso compiuto da lei e dovrebbe servirci da lezione per la vita. Non possiamo limitarci a farle i complimenti.

Pankaj Chowdhury ha detto:

ফারজানা তোমাকে অনেক অনেক ধন্যবাদ। তুমি দেখিয়ে দিয়েছ মেয়েরা বাজারের পন্য নয়। মেয়েরাও মানুষ তাদেরও স্বাধীনতা আছে।

Farzana, molte grazie. Tu hai dimostrato che le donne non sono da trattare come merci al mercato. Esse sono esseri umani indipendenti.

Muktadir S. Hossain commenta un articolo su the Daily Star:

Questo è solo l'inizio. E per tutti quei poveracci che pretendono la dote, anche un avvertimento.

Manzor H. sarkar scrive:

La mia piena ammirazione per il fegato e il coraggio di questa ragazza e il suo deciso rifiuto di sottomettersi a questa stupida tradizione anti-diluviana che è la pratica della dote nel nostro arretrato paese. Lei si è perfettamente resa conto del tipo di unione che stava per contrarre. Sembrava molto più un atto di compravendita piuttosto che un legame di matrimonio basato sulla fiducia e l'amore reciproci.

La realtà è che Farzana è solo l'eccezione su milioni di donne che devono subire i traumi della dote. Quando si sveglierà la società?
Excerpt

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.