chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Spagna: ministro regionale dell'educazione cade in un errore di traduzione

Il ministro regionale spagnolo dell'educazione nelle Isole Baleari, Joana Maria Camps (@joanamariacamps), ha dimostrato di non avere molta familiarità con uno dei più importanti studi sull'educazione: il Programma per la valutazione internazionale dell'allievo [it] (PISA [en]) dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. Il 21 novembre, durante una sessione parlamentare, la Camps ha parlato [ca] per alcuni minuti di un importante studio chiamato “trepitja”, traduzione catalana della parola spagnola “pisa”, una coniugazione del verbo che significa “calpestare”. L'errore, probabilmente derivato dai suoi consiglieri che hanno usato un traduttore automatico per tradurle il testo dallo spagnolo al catalano, dimostra che il ministro non sapeva molto bene di cosa stesse parlando.

In un video di YouTube è possibile trovare l'audio del discorso della Camps, che si è concluso affermando che il sistema scolastico ha bisogno di una riforma. Su Twitter, i netizen hanno usato l'hashtag #InformeTrepitja (Rapporto Trepitja) per pubblicare commenti indignati e battute sulla scena tragicomica.

Camps è lo stesso ministro che si è occupato delle proteste e dello sciopero di massa degli insegnanti [en] avvenuto nella regione a Settembre e Ottobre 2013.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.