chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Che cos'è e come funziona la moda etica?

È dopo aver visto la serie televisiva Sweatshop [no], che parla del viaggio di tre giovani norvegesi in Cambogia e della scoperta delle miserabili condizioni di vita dei lavoratori dell'industria tessile, che Rut Abrain comincia a interessarsi alla moda etica.

La scelta di materie prime utilizzate per la creazione dei vestiti etici, così come i metodi di fabbricazione, contribuiscono a proteggere l'ambiente. Allo stesso modo, persone rispettose dei diritti dell'uomo si coinvolgono nella promozione e nel supporto del commercio equo internazionale, senza concorrenza sleale. Rut ci invita a riflettere su un utilizzo responsabile e spiega che malgrado l'assenza di regolamentazioni sulla moda etica [es], esistono delle marche che si servono di certificazioni:

- El más reconocido es GOTS (Global Organic Textile Standard), la norma líder mundial en el procesamiento de textiles hechos con fibra orgánica, que incluye criterios ecológicos y sociales, y sustentada por certificaciones independientes en toda la cadena de provisión textil.

- Otros como Textile Exchange, también conocido como Organic Exchange, que opera a nivel internacional y está comprometido con la expansión responsable de sostenibilidad textil.

- Un tercer sello es Oeko-tex, que se dedica al control de las sustancias nocivas. Se definen como un sello de garantía para todo tipo de productos textiles inocuos para la salud.

- Il più conosciuto è GOTS (Global Organic Textile Standard), leader mondiale degli standard per la fabbricazione di tessuti con fibra organica tessile, che comporta dei criteri ecologici e sociali, rinforzato da certificazioni indipendenti su tutta la catena della creazione tessile.

- Textile Exchange, anche conosciuto con il nome di Organic Exchange, che opera a scala internazionale e promuove uno sviluppo responsabile del tessile etico.

- Una terza etichetta, OEKO-TEX, si occupa di sostanze nocive. Si definisce come un'etichetta di garanzia per tutti i prodotti tessili inoffensivi.

Potete seguire Rut Abrain su Twitter.

Questo post fa parte del 28° #LunesDeBlogsGV (Il lunedì dei blog sudamericani su GV). Pubblicato il 10 novembre 2014 su GV in spagnolo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.