chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Una nuova diga in Portogallo sta per distruggere una regione vinicola patrimonio UNESCO

A nova Barragem do Tua. em construção. Foto: Captura de tela

La nuova diga sul Tua è entrata nella fase finale di costruzione. Screenshot dal documentario The Last Days of Tua.

Un gigantesco muro di cemento alto 108 metri, che una volta completato costituirà la diga sul fiume Tua, nel nord-est della regione di Tras-o-Montes in Portogallo, è entrato nella fase finale di costruzione. Il muro si colloca nella regione vinicola dell'Alto Duero, inserita dall'UNESCO nella lista dei patrimoni dell'umanità a partire dal 2001.

La costruzione della diga idroelettrica si protrae da diversi anni. Il governo afferma che la diga [pt, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] non aiuterà solo ad attenuare la forte dipendenza energetica del Portogallo, ma anche a ridurre le emissioni di gas serra e a creare 4000 posti di lavoro, seppur temporanei.

Tuttavia, gli ambientalisti credono che i costi superino i vantaggi. Nel 2013, diverse organizzazioni si sono riunite per creare una piattaforma denominata “Save Tua” – “salva Tua” con il fine di proteggere la valle del Tua. I membri di tali organizzazioni hanno avvertito che questa diga causerà “un disastro ecologico, distruggendo ecosistemi rari e coltivazioni tramite l'inondazione di circa 400 ettari tra uliveti, vitigni e habitat protetti”.

Quella dell'Alto Duero è la più antica regione di produzione vinicola riconosciuta da un governo, avendo avuto i propri confini tracciati ufficialmente nel 1976. Oltre ad essere un sito UNESCO patrimonio dell'umanità, l'intera area è rinomata per la produzione di vini di qualità. Gli agricoltori (per lo più giovani che hanno deciso di restare nella zona ed investire nella produzione di vino) sono sconfortati per la situazione. “La diga non porterà nulla”, dice Pedro Almeida, un produttore di vino che compare in uno dei cinque documentari girati da Jorge Pelicano per la piattaforma Save Tua:

Le società parzialmente privatizzate dietro alla diga 

Sulla riva destra del fiume Duero, in un territorio conosciuto anche come “le calde terre del nord-est”, scorre il fiume Tua [it], un affluente del Duero. Questa terra fertile e principale meta del turismo legato agli sport di montagna è ora minacciata dalla diga idroelettrica eretta sulla foce del Tua.

La costruzione della diga porta la firma di Energias de Portugal (EDP), una delle società energetiche più grandi operanti nella Penisola Iberica e produttrice di energia tra le più costose in Europa. La compagnia è stata sottoposta a monopolio per molti anni e Mariana Mortágua, deputato del Parlamento, ha affermato:

Em Portugal, a cada inverno, repete-se um excesso de mortalidade em resultado do frio. As casas são mal isoladas e a pobreza não deixa ligar o aquecimento. A austeridade e as rendas excessivas na energia matam mesmo. Temos das energias mais caras da Europa (preços antes de impostos), um negócio que dá à EDP lucros anuais em torno dos mil milhões de euros.

In Portogallo, il tasso di mortalità dovuto al freddo aumenta ad ogni inverno. Le abitazioni sono malamente coibentate e le ristrettezze economiche non permettono di accendere il riscaldamento. In più, si aggiungono l'austerità e le bollette energetiche estremamente alte a rendere l'idea del tutto inapplicabile. Abbiamo l'energia più cara d'Europa (senza IVA), un giro economico che fa guadagnare a EDP circa 1 miliardo all'anno.

La EDP ha attraversato diverse fasi di privatizzazione a partire dal 2011, quando il gruppo cinese Three Gorges ha acquistato il 21,35% delle azioni. Successivamente, un accertamento della Corte dei Conti sul processo di privatizzazione ha rilevato che “lo stato potrebbe non aver garantito l'interesse strategico nazionale durante la vendita”.

Tre anni dopo, anche la Rede Eléctrica Nacional (REN), la compagnia che possiede le infrastrutture elettriche portoghesi ed è incaricata di portare l'energia nel paese, è stata parzialmente privatizzata. Il governo ha venduto l'11% delle sue azioni per un totale di 157 milioni di euro. Gli oppositori hanno affermato che la privatizzazione, come successo con la EDP, lascia il consumatore in ostaggio delle logiche di profitto del settore privato.

Queste due società sono le stesse che si stanno preparando a finire la diga sulla foce del Tua. Il progetto non è solo accompagnato dalle paure degli ambientalisti. Le ispezioni svolte dall'Autorità Nazionale per le Condizioni di Lavoro hanno riscontrato che i lavoratori impegnati nella costruzioni della diga erano esposti a gravi pericoli dovuti alle precarie misure di sicurezza adottate.

La diga inonderà alcuni dei terreni circostanti, quelli interessati verranno rimborsati e si trasferanno altrove. Tuttavia, molto probabilmente le conseguenze non si fermeranno qua. L'umidità prodotta dalla grande massa d'acqua raccolta dalla diga potrebbe modificare le condizioni ambientali locali, mettendo in pericolo le coltivazioni.

La questione è delicata per il settore vinicolo del Portogallo. Esporão, una famosa etichetta di vini di Alentejo (regione nel Portogallo meridionale) che ha interessi economici anche nel Duero, è diventata una delle voci più attive nella campagna “Salva il Tua, proteggi il Douro”.

La diga segna anche la fine di una delle tratte ferroviarie più rappresentative del paese, la ferrovia del Tua [en], che ha contribuito grandemente alla crescita del turismo nella regione e che verrà parzialmente sommersa.

‘Non ci servono nuove dighe’

La EDP afferma che la diga produrrà fino al 6% del fabbisogno energetico del paese. Tuttavia, questa previsione non è stata accettata sin dall'inizio da diverse organizzazioni. La diga sulla foce del Tua fa parte di un più esteso progetto di costruzione di nuove dighe finanziato dal governo. Secondo l’Associazione Nazionale per la Conservazione dell'Ambiente, ma anche secondo alcune ONG come GEOTA, LPN e COARGET, l'intero programma nazionale delle dighe produrrà solamente lo 0,5% del fabbisogno energetico del paese, con un contributo dello 0,1% apportato della diga sul Tua.

Inoltre, l'associazione sostiene che il programma, una volta completato, potrebbe portare alla decomposizione dei terreni agricoli, dell'acqua, del paesaggio e degli ecosistemi caratteristici del luogo:

Parar a barragem de Foz Tua agora é 30 (trinta) vezes mais barato do que deixá-la avançar e pagar a posteriori os custos de uma eletricidade inútil e caríssima. Sendo certo que a hidroeletricidade é uma parte importante do mix energético nacional, já temos hoje 67 grandes centrais hidroelétricas, 10 das quais equipadas com sistemas de bombagem; muitas barragens existentes estão a ser ou podem vir a ser reequipadas para maior produção; Não precisamos de barragens novas.

Fermare la costruzione della diga sul Tua ora è 30 volte più economico che completarla e pagare i costi derivanti da una fonte di energia cara e quantitativamente trascurabile. Dato che l'energia idroelettrica costituisce una grande fetta del mix energetico nazionale, possediamo già 67 centrali idroelettriche, che sono dotate di sistemi di pompaggio; molte delle dighe già esistenti sono o potrebbero essere riattrezzate per aumentarne la produzione. Non abbiamo bisogno di nuove dighe.

Il programma nazionale delle dighe potrebbe costare al governo tra i 16 e i 20 miliardi di euro, investimento che gli oppositori considerano inadeguato visto che saranno gli investitori privati, non il popolo, a spartirsi i profitti.

Dall'altra parte ci sono i sostenitori del programma, come il Primo Ministro Jose Socrates. Quando sono iniziati i lavori di costruzione della diga, quest'ultimo ha affermato che progetti come questo, o come i nuovi aeroporti o i treni ad alta velocità, sono costosi e in alcuni casi controversi, ma anche necessari:

O problema de Portugal foi não se construírem os empreendimentos polémicos. Esse foi o erro que cometemos durante demasiado tempo.

Il problema del Portogallo è stato non costruire nessuna struttura considerata controversa. Questo è un errore che abbiamo commesso per troppo tempo.

Gli oppositori alla diga affermano che un'argomentazione di questo tipo non considera molti dei progetti che sono stati realizzati nonostante la loro dubbia utilità, come ad esempio gli stadi costruiti per gli europei di calcio del 2004 (alcuni dei quali sono ora in stato di semi-abbandono), o le autostrade, il cui numero è sicuramente molto maggiore di quello considerato necessario.

Tuttavia, gli sforzi delle associazioni e il grande numero di cittadini che si oppongono al proseguimento dei lavori di costruzione della diga non sono in linea con la posizione dell'UNESCO rispetto alla questione. In un rapporto preliminare, l'UNESCO ha concluso che “la costruzione della diga sulla foce del Tua non mette in pericolo lo status della regione vinicola dell'Alto Duero come patrimonio dell'umanità”. Anche se questa non è la stessa visione delle persone che affidano il proprio sostentamento alla regione, come testimoniato nella serie di documentari “Save Tua”.

Per molti, opporsi alla diga è una causa persa. Per altri, invece, la battaglia finirà soltanto il giorno in cui l'acqua avrà inondato la valle. Tuttavia, una cosa è certa: queste contestazioni sembrano essere le prime avvisaglie di un movimento nuovo e mirato ad eliminare un programma nazionale delle dighe e che presumibilmente “rivolgerà la sua attenzione verso le questioni più importanti del Portogallo“, come ha affermato António Mexia, presidente del Consiglio di Amministrazione di EDP.

La piattaforma Save Tua ha scritto una petizione da spedire all'UNESCO che può essere firmata attraverso il loro sito.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.