chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Tonnellate di pesci e balene continuano a morire misteriosamente in Vietnam

Screenshot of a YouTube video of residents trying to rescue a stranded whale at Diễn Thịnh’s shore in Vietnam.

I residenti cercano di salvare una balena spiaggiata sulla costa Diễn Thịnh in Vietnam. Immagine: YouTube

Questo articolo [en, come tutti link successivi, salvo diversa indicazione] di Nguyễn Linh Chi è tratto da Loa, un nuovo sito web di notizie e podcast sul Vietnam. Viene ripubblicato da Global Voices come parte di un accordo per la condivisione dei contenuti.

Negli ultimi due mesi, tonnellate di pesci sono stati ritrovati senza vita sulle spiagge vietnamite. Secondo quanto riportato dal sito di notizie Lao Động [vi], negli ultimi cinque mesi gli abitanti della provincia di Nghệ An hanno ritrovato sette balene morte, evento che coincide proprio con la crescente scomparsa delle specie marine più piccole.

Il 25 maggio, mentre le autorità locali si dedicavano alla promozione [vi] dei prodotti di mare e alle attività marittime nella provincia di Quảng Bình, una balena di 17 tonnellate [vi] si è spiaggiata sulle coste di Diễn Thịnh.

Un filmato amatoriale caricato su Youtube mostra i tentativi da parte delle autorità di salvare il cetaceo ma senza risultati: la balena è morta poco dopo essere stata rimessa in mare.

Dopo solo due giorni, un'altra balena [vi] di 10 tonnellate è stata ritrovata sulla stessa spiaggia. Purtroppo però, questa volta il cetaceo era già morto e in avanzato stato di decomposizione. Non appena la marea ha iniziato a salire, le autorità hanno gettato la carcassa in mare.

Thái Văn Dung, attivista di Nghệ An, dubita però della buona fede delle autorità locali e afferma:

Sono d'accordo sul fatto che abbiano aspettato l'alta marea per gettare la carcassa in mare, ma perché tutta questa fretta? Perché non hanno aspettato almeno per chiarire le cause del decesso dell'animale?

Dung è uno dei tanti attivisti a credere che ci sia un legame diretto tra la morte di pesci e balene e le emissioni di acque reflue dell'acciaieria taiwanese Formosa, nella vicina provincia di Ha Tinh. Ad ogni modo, il governo ha deciso di aprire un'indagine sulla morte della fauna marina in quelle aree.

Bisogna ricordare che l'attuale crisi ambientale continua a danneggiare le attività dei pescatori locali e ha innescato svariate proteste su scala nazionale e in altre località. I pescatori vietnamiti considerano le balene creature sacre e mentre Hanoi si è rifiutata di commentare queste morti misteriose, gli abitanti del posto sostengono che la scoperta di nuove carcasse metterà in luce la negligenza delle autorità locali nel gestire il problema.

Clicca sotto per ascoltare il podcast sulla morte delle balene e molte altre notizie sul Vietnam.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.