chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Da dove vengono gli antichi progenitori degli indiani? Il dibattito sulla migrazione indoariana imperversa ancora

Mappa delle migrazioni indoeuropee. Immagine di Joshua Jonathan via Wikimedia Commons. CC BY SA 4.0

La teoria della migrazione indoariana [it], una controversia da tempo immemorabile, sta alimentando nuove discussioni in India, dopo la pubblicazione di un articolo nel giornale The Hindu [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], che illustra l'evidenza genetica che i popoli indoari [it] sono arrivati dall'Asia Centrale e dall'Europa nell’ Asia meridionale.

Le popolazioni indoariane sono un gruppo etnolinguistico di popoli che parlano diverse lingue indoarie [it] e vivono attualmente prevalentemente nella regione dell’ Asia meridionale. La popolazione dei discendenti moderni di questo gruppo è di oltre 1 miliardo, ovvero un settimo della popolazione mondiale.

C'è stato un lungo braccio di ferro tra coloro che sono in favore e contrari alla teoria che gli indoari sono arrivati in India dall'esterno. Fra quelli che si oppongono alla teoria in India ci sono i nazionalisti hindu – che a volte la qualificano come un prodotto del colonialismo, designata per denigrare l'India – oltre ad alcuni ricercatori.

La teoria alternativa, proposta dagli opponenti basati a Rigveda, una delle più antiche sculture religiose dell'induismo, suggerisce che gli ariani erano indigeni del subcontinente indiano. L'idea di una razza ariana pura e la divisione sociale che molte scritture hindu raccomandano, basate sulla propria razza, hanno inasprito ulteriormente il conflitto.

I ricercatori convenzionali tendono a respingere la teoria sulla base di studi linguistici e genetici. Dicono, invece, che l’evidenza indica [it] che gli indoariani e gli iraniani si sono originati dai proto indoiranici [it]. Dopo la separazione nel periodo 1800-1600 a.C. l'ultimo gruppo si è stabilito intorno all'Iran, mentre il primo è migrato in Anatolia (la maggior parte della moderna Turchia), Pakistan, India settentrionale e Nepal. I classici modelli indoariani cercano di spiegare come le migrazioni si siano realizzate intorno al 1500 a.C. dall'Asia Centrale e dall'Europa orientale verso l'Asia meridionale e l'Anatolia, portando verosimilmente i progenitori dei popoli indoariani e la loro lingua sanscrita in India.

Un dettagliato articolo pubblicato il 16 giugno 2017 su The Hindu, intitolato “Come la genetica sta influenzando il dibattito sulla migrazione ariana”, tocca molti altri aspetti sociali correlati all'ipotesi, come la struttura sociale patriarcale in India e come la lingua sanscrita è giunta nel subcontinente indiano insieme con gli ariani.

La migrazione ‘ariana’ all'interno dell'India intorno al 2000 a.C. non è più una teoria. Un'enorme quantità di dati converge nel dibattito. Il mio articolo.

L'articolo cita molti casi di ricerche realizzate in diverse nazioni, che approvano o rinnegano questa teoria. Una citazione è di un recente articolo di ricerca realizzato da 16 scienziati, che ha portato alla pubblicazione di un articolo su una rivista con revisione analitica (peer-reviewed), intitolato “Una cronologia genetica per il subcontinente indiano indica una significativa dispersione influenzata dal sesso“, pubblicato nella rivista “BMC Evolutionary Biology”:

In particular, genetic influx from Central Asia in the Bronze Age was strongly male-driven, consistent with the patriarchal, patrilocal and patrilineal social structure attributed to the inferred pastoralist early Indo-European society. This was part of a much wider process of Indo-European expansion, with an ultimate source in the Pontic-Caspian region, which carried closely related Y-chromosome lineages, a smaller fraction of autosomalgenome-wide variation and an even smaller fraction of mitogenomes across a vast swathe of Eurasia between 5and 3.5 ka.

In particolare, l'influsso genetico dall'Asia Centrale nell'Età del Bronzo è stato fortemente influenzato dal sesso maschile, coerente con la struttura sociale patriarcale, patrilocale e patrilineale attribuita alla iniziale società indoeuropea, presumibilmente dedita alla pastorizia. Questo era parte di un processo più ampio di espansione indo-europea, con un'ultima fonte nella regione pontico caspica, che portava lignaggi di cromosoma Y strettamente correlati, una minore frazione di variazione di genoma autosomatico e una frazione ancora minore di mitogenomi attraverso un'ampia fascia di Eurasia tra 5 e 3.5 ka.

Anche David Reich, un professore di Harvard che ha lavorato per molto tempo su questo soggetto, favorendo le teorie della migrazione indoariana, è menzionato. Nel 2009 ha pubblicato l'articolo scientifico “Ricostruzione della storia della popolazione indiana” e poi nel 2016 in una intervista ha illustrato le razze miste del subcontinente indiano:

In the beginning of 2007, we started studying at the whole genome level, the whole organism level, the DNA from initially twenty-five diverse Indian populations. It’s now more than 200 that we’ve studied. We picked these populations to be as diverse as possible, capturing the linguistic diversity of India. […]

[…] the great majority of Indian groups today are descended from a mixture of basically just two ancestral populations, one which we call the ancient ancestral North Indian and one which we call the ancestral South Indian. Everybody is mixed in India without exception. Even the most isolated groups, which are hunter-gatherers living in the forest or isolated places, everybody is mixed with at least 20 percent of each of these ancestries.

All'inizio del 2007 abbiamo iniziato a studiare a livello dell'intero genoma, a livello dell'intero organismo, il DNA di inizialmente 25 diverse popolazioni indiane. Adesso ne abbiamo già studiate più di 200. Abbiamo selezionato queste popolazioni affinché fossero il più diverse possibile, catturando le diversità linguistiche dell'India. […]

[…] la gran maggioranza dei gruppi indiani contemporanei discendono da una mescolanza essenzialmente di soltanto due popolazioni ancestrali, una che chiamiamo l'antica ancestrale nord indiana e un'altra che chiamiamo l'ancestrale sud indiana. Tutto è mescolato in India senza eccezioni. Persino i gruppi più isolati, che sono cacciatori raccoglitori e vivono nella foresta o in luoghi isolati, tutti sono mescolati con almeno 20% di ciascuna di queste stirpi.

Schema delle migrazioni indoeuropee dal 4000 al 1000 a.C secondo l'ipotesi di Kurgan. Immagine via Wikimedia Commons di DBachmann. CC BY SA 3.0

‘Se l'evidenza linguistica è davvero cambiata, cambierò anche la mia opinione’

Audrey Truschke, professore assistente di storia dell’ Asia meridionale presso l'Università di Rutgers negli USA, ha comunicato l'articolo per tweet:

L'evidenza linguistica per la teoria #MigrazioneAriana è molto forte. Per coloro che necessitano vera scienza, anche:

Sitaram Yechury, un leader veterano del Partito Comunista d'India [it], e Devdutt Pattanaik, un mitologo e scrittore, hanno accolto in modo simile l'articolo:

L'evidenza storica della migrazione ariana e la confluenza che è l'India. Articolo brillante di @tjoseph0010

Articolo eccellente. Gli studi scientifici sbaraglieranno così i nemici di miti e leggende.

Anand Ranganathan, un editor consulente presso l'organo indiano di notizie Newslaundry.com, ha tuttavia attaccato l'articolo di Hindu:

Alcuni rapidi appunti sull'interessante articolo pubblicato sulla Migrazione Ariana pubblicato oggi in Hindu.

Nityanand Jayaraman, un utente Facebook, ha indicato anche la possibilità di una stretta connessione degli indiani settentrionali con i popoli di Afghanistan e Pakistan:

Interesting article on how Yogi Adityanath and Vishnu Bhagwat may be more closely related to their brothers in Pakistan and Afghanistan than they care to acknowledge. And about India's multiculturalism.

Interessante articolo su come Yogi Adityanath e Vishnu Bhagwat potrebbero essere più strettamente legati ai loro fratelli in Pakistan e Afghanistan di quando desiderano riconoscere. E sul multiculturalismo dell'India.

Sanjeev Sanyal, uno scrittore che in passato si è opposto alla teoria dell'invasione ariana, ha scritto su Facebook che vuole leggere gli articoli scientifici recentemente pubblicati ed è disposto a cambiare la sua opinione, se c'è una prova del cambiamento:

The genetic evidence on “Aryan Invasion” appears to have shifted to support a migration around 2000 BC (according to this article anyway). Have not closely followed the latest papers, will need time to read the new papers on this. If the evidence has really changed, I will also change my view. Only way to do research.

L'evidenza genetica sulla “Invasione Ariana” sembra essersi evoluta, per supportare una migrazione intorno al 2000 a.C. (secondo questo articolo, comunque). Non ho seguito nei dettagli gli ultimi documenti, avrò bisogno di tempo per leggere l'ultima documentazione correlata. Se l'evidenza è davvero cambiata, cambierò anche la mia opinione. L'unico modo per fare ricerca.

Il dibattito se gli indoariani sono migrati dall'esterno dell'India e hanno portato la loro antica lingua, il sanscrito, nella regione dell’ Asia meridionale continua a perseverare, aprendo la strada per ulteriori ricerche antropologiche sui popoli, le culture e le lingue della regione. Esistono oltre 780 lingue in tutta l'India, che rendono l'India una delle nazioni linguisticamente più diversificate nel mondo. Tuttavia, di queste lingue, soltanto 22 godono di tutela costituzionale, mentre più di 196 lingue sono in pericolo di estinzione.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.