chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Attivisti indiani contro un progetto di raffineria petrolifera, i loro timori per l'ambiente e le proteste che esplodono

Raffineria di petrolio. Patrick Hendry via Unsplash (CC BY-SA 2.0)

A marzo 2019, a seguito di ampie proteste degli agricoltori e attivisti ambientali, il governo indiano ha spostato il progetto di una raffineria petrolifera “verde” da 44 miliardi di euro fuori dalla regione ecologicamente sensibile di Nanar, a Ratnagiri, sulla costa di Konkan [it]. Recentemente gli appelli dei sostenitori pro-raffineria, per riportare il progetto a Ratnagiri, hanno alimentato i timori fra gli attivisti e gli agricoltori che il progetto sarà ripristinato in questa regione, causando danni all'ambiente e mettendo a repentaglio il sostentamento. 

La joint venture tra le società petrolifere dell'Arabia Saudita, Aramco e Adnoc [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], e le imprese indiane Indian Oil Corporation, Bharat Petroleum Corporation e Hindustan Petroleum Corporation, è stata inizialmente trasferita in seguito alle proteste della popolazione locale e degli attivisti, che sono critici nei confronti dei continui investimenti dell'India nei combustibili fossili. Il progetto è stato spostato a Raigad, a 100 chilometri dalla capitale finanziaria indiana, Mumbai, mentre il governo ha annunciato di acquisire 40 villaggi per l'avvio del progetto.

Il 28 luglio 2019, il gruppo pro-raffineria Konkan Vikas Samiti (KVS) ha organizzato un raduno, chiedendo che il progetto sia ripristinato a Ratnagiri, menzionando le opportunità economiche che porterebbe alle comunità locali. 

Una controprotesta è stata poi tenuta in risposta da un gruppo anti-raffineria, per impedire il progetto. Gli attivisti affermano che le leggi sull'acquisizione dei terreni in India siano state usate impropriamente, per ottenere i terreni per il progetto dagli agricoltori. Secondo Satyajit Chavan, coordinatore della raffineria Virodhi Sangharsh Samiti di Konkan, l'organizzazione ombrelloche guida le proteste, rilanciare il vecchio progetto della raffineria petrolifera implicherebbe problemi per la regione: 

We are being careful and alert to avoid resurrection of the project in Ratnagiri's Nanar as it will destroy farmlands, mango orchards and pose a threat to the wildlife in the region. Investors in the region, who have vested interests are trying to revive the project and have politicized the issue despite the government canceling and relocating it under a gazette notification. This is dangerous.

Siamo rimasti attenti e in allerta, per evitare il ripristino del progetto a Nanar in Ratnagiri, poiché distruggerà i terreni agricoli, i frutteti di mango e costituisce una minaccia per la fauna e flora selvatica nella regione. Gli investitori nella regione, che hanno interessi consolidati, stanno tentando di rilanciare il progetto e hanno politicizzato la questione, sebbene il governo lo abbia cancellato e ricollocato mediante una notificazione nella gazzetta. Questo è pericoloso.

Nanar in Ratnagiri è nota per i terreni rocciosi e i ruscelli, che costituiscono un habitat propizio per varie specie marine La regione è anche un'importante area agricola e migliaia di agricoltori dipendono dai frutteti di mango per la loro sopravvivenza. La popolazione locale teme che la biodiversità della regione e la sua sussistenza subiscano un impatto negativo, derivante dall'inquinamento proveniente dal progetto della raffineria.

Stratagemma per lo sviluppo?

Si stima che il progetto richieda circa 16.000 acri di terreno, quindi molti attivisti locali mettono in discussione la sua dichiarazione che sia una raffineria ‘verde’ e un requisito per un'economia emergente come l'India.

“Pur avendo spostato il progetto da Nanar a Raigad a causa dell'impatto ambientale, non creerebbe lo stesso problema anche a Raigad?” ha chiesto l'attivista sociale Ulka Mahajan. 

“The governing party shifted the location but how can they bring it elsewhere and are people of Raigad dispensable? All these issues cannot be questioned in isolation and the government needs to answer if we really need the project and do a cost-benefit analysis.”

“Il partito al governo ha spostato l'ubicazione, ma come possono portarlo altrove? E la popolazione di Raigad è insignificante? Tutte queste questioni non si possono discutere in isolamento. E il governo deve rispondere se necessitiamo davvero del progetto, facendo un'analisi di costi e benefici.”

Mentre gli esperti dicono che il progetto, con una produzione stimata di 1.2 milioni di barili al giorno, potrebbe offrire all'india approvvigionamenti stabili di combustibili, altri discutono sul potenziale inquinamento generato nel distretto Raigad di Maharashtra. Altri interrogativi riguardano anche l'impatto sui villaggi di pescatori e i frutteti di mango.

Prashant Jade, un agricoltore di Ratnagiri, ha informato Global Voices:

Protests were instigated by groups affiliated with the government to prevent the project from moving out of Nanar. I don’t want this project to come here as Konkan is an eco-sensitive zone with diversity. We don’t follow pollution control norms in India as stringent as in Europe. The project is called green refinery but we know it will be polluting the local environment.

Le proteste sono state istigate da gruppi affiliati al governo, per impedire che il progetto sia spostato all'esterno di Nanar. Non voglio che questo progetto venga qui, poiché Konkan è una zona ecosensibile con diversità. In India non seguiamo le norme di controllo dell'inquinamento in modo così rigoroso come in Europa. Il progetto è chiamato raffineria verde, ma sappiamo che inquinerà l'ambiente locale.

Le leggi di acquisizione dei terreni agrari in India sono state manipolate, ha aggiunto Ulka Mahajan. In India le leggi di acquisizione di terreno agrario hanno imposto il consenso di almeno il 70% dei proprietari interessati e hanno richiesto anche un test sull'impatto sociale. Questa legge, approvata dal Parlamento nel 2013, ha anche quadruplicato quattro volte l'indennizzo per il terreno agricolo, incluso il terreno coltivato.

The 2013 central land acquisition faced four ordinances and they could not pass the bill in the parliament. Despite that, they are using the Land Acquisition Act in the name of large scale projects. We don't know who will benefit since the law for the first time had helped weak and voiceless citizens raise their voices regarding their land.

L'acquisizione centrale di terreno agrario del 2013 ha affrontato quattro ordinanze e il progetto di legge non è stato approvato in parlamento. Ciò nonostante, utilizzano la legge di acquisizione dei terreni in nome di progetti su larga scala. Non sappiamo chi ne beneficerà, poiché la legge ha aiutato per la prima volta i cittadini deboli e senza voce a farsi sentire in merito ai loro terreni.

C'è stato un piccolo spazio democratico che ha offerto una piattaforma per esprimere le preoccupazioni, dopo la realizzazione di indagini di valutazione sociale. Questa disposizione è stata abolita con un emendamento nelle leggi statali. Questo è contro la volontà degli agricoltori e delle locali comunità, pensa Mahajan. 

L'India è un'economia dipendente dal petrolio e più di 80% delle sue necessità sono soddisfatte dalle importazioni dal Medio Oriente, inclusi Arabia Saudita e Iraq. Gli analisti dicono che le sanzioni in Iran e la mancanza di greggio dal Venezuela hanno colpito l'economia indiana, risultando in un rallentamento dei dati di crescita.

Nel 2015 il Primo Ministro dell'India, Narendra Modi, ha annunciato una nuova alleanza di nazioni per un'espansione a larga scala dell'impiego dell'energia solare, dichiarando che i combustibili fossili mettono in pericolo il pianeta. Mentre l'India sta cercando di diversificare e incrementare i suoi investimenti nell'energia solare ed eolica, i progetti correlati all'uso di combustibili fossili continuano ad aumentare e ricevere ininterrottamente investimenti. Come riporta Modi:

Solar technology is evolving, costs are coming down and grid connectivity is improving. The dream of universal access to clean energy is becoming more real. This will be the foundation of the new economy of the new century. 

La tecnologia solare si sta evolvendo, i costi diminuiscono e l'allacciamento alla rete migliora. Il sogno di un accesso universale all'energia pulita sta diventando sempre più reale. Questo sarà il fondamento della nuova economia del nuovo secolo. 

Mentre l'India continua a investire localmente in combustibili inquinanti, gli attivisti e gli esperti si interrogano sulle promesse del governo alla comunità globale sul cambiamento climatico.

Un locale attivista ambientale che ha lavorato con il governo ha detto a condizione di anonimato che il progetto prevede 50.000 camion tra la capitale finanziaria dell'India, Mumbai, e lo Stato occidentale di Goa per finalità di trasporto, incrementando così l'inquinamento derivante dal traffico veicolare, con un conseguente impatto sugli ecosistemi.

Per Mahajan, simili progetti sono miopi: 

At the international level, they commit a lot about tackling climate change and focusing on renewables but here, they focus on export-driven trade and GDP and we have environmental losses and loss of livelihood. But will they achieve anything in the near future? 

A livello internazionale si impegnano molto nella lotta contro il cambiamento climatico e puntando sulle [energie] rinnovabili, ma qui sono orientati al commercio di esportazione e PIL, e subiamo i danni ambientali e le perdite di sostentamento. Riusciranno mai a raggiungere qualche risultato nel prossimo futuro? 

Le fonti di questa storia sono state intervistate da Vishal M per Global Voices

Vishal è un membro dell'hub Climate Tracker South Asia. 

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.