chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

La prima monaca Theravada della Thailandia nominata nella lista delle 100 donne più influenti per la BBC

Dhammananda Bhikkhuni (Fonte: thaibhikkuni.com)

Questo articolo [en, come i link seguenti] è tratto da Prachatai, un sito di notizie indipendente in Thailandia ed è ripubblicato su Global Voices come parte di un accordo di condivisione di contenuti.

Dhammananda Bhikkhuni, la prima donna thailandese ad essere ordinata monaca buddhista Theravada [it] e attuale badessa del monastero Songdhammakalyani, è nella classifica delle 100 donne della BBC nel 2019.

Mentre la Thailandia ha circa 300.000 di monaci buddisti, le donne sono ancora escluse dall'essere ordinate sul territorio thailandese. Nel 1928, dopo il tentativo di ordinazione di due donne, il principe Bhujong Jombunud Sirivaḍḍhano, allora patriarca supremo della Thailandia, emise un editto che proibiva ai monaci di ordinare donne come monache o novizie. Il consiglio supremo Sangha di Thailandia ha inoltre emesso due sentenze nel 1984 e 1987 che vietavano l'ordinazione delle donne. Tuttavia, il Sangha Act del 1962, la legge secolare che disciplina i monastici thailandesi e l'emendamento del 1962 non vietano l'ordinazione delle donne.

Inoltre, la commissione nazionale per i diritti umani della Thailandia (NHRC) ha stabilito nel 2015 che il divieto del consiglio supremo Sangha di ordinare le donne è una violazione della convenzione sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione nei confronti delle donne (CEDAW), a cui la Thailandia è un partito di stato. NHRC ha anche stabilito che tale divieto viola la Costituzione thailandese e il patto internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR), entrambi i quali proteggono la libertà di religione.

Gli sforzi di Dhammananda per ristabilire il lignaggio Theravada bhikkhuni in Thailandia sono stati accolti con resistenza sia dai laici che dai monaci che sono contrari all'ordinare donne, la maggior parte dei quali ha affermato che l'ordinazione delle donne non è possibile poiché il lignaggio Theravada bhikkhuni è già scomparso. “Bhikkhuni” si riferisce a una monastica femminile completamente ordinata. Nonostante la mancanza di una legge secolare che proibisca l'ordinazione delle donne, le bhikkuni sono viste come una tradizione straniera e i due principali ordini buddisti in Thailandia devono ancora accettare ufficialmente le donne ordinate come parte del Sangha, la comunità buddista di monaci.

Dhammananda è attualmente la badessa del monastero Songdhammakalyani a Nakhon Pathom, fondata da sua madre Voramai Kabilsingh, che fu ordinata monaca nel lignaggio Dharmaguptaka di Taiwan nel 1971, ricevendo il nome religioso di Ta Tao Fa Tzu. Il monastero è attualmente l'unico tempio femminile della Thailandia. Varanggana Vanavichayen, la prima donna ad essere ordinata monaca in terra thailandese, è stata ordinata nel monastero di Songdhammakalyani nel 2002.

Tuttavia, le autorità thailandesi non riconoscono il monastero come un tempio buddista e quando Dhammananda e altre monache dal monastero sono andate rendere omaggio al defunto re Bhumibol, nella sala del trono di Dusit Maha Prasat dove il suo corpo giaceva in questo stato, l'ingresso è stato loro negato. I funzionari hanno affermato di averle respinte perché era illegale per le donne indossare la tunica color zafferano nel buddismo thailandese. Altre 22 monache e novizie sono state allontanate dopo che gli è stato detto che avrebbero potuto rendere l'ultimo omaggio al defunto re se avessero tolto le loro vesti e indossato i normali abiti neri delle persone laiche.

L'elenco delle 100 donne della BBC include coloro che “hanno fatto notizia o influenzato storie importanti negli ultimi 12 mesi, così come quelli che hanno storie stimolanti da raccontare, hanno realizzato qualcosa di significativo o influenzato le loro società in modi che non avrebbero necessariamente reso notizia.”

Il tema per il 2019 è “il futuro femminile” e la lista include anche: l'attivista per i diritti delle donne kuwaitiane Alanoud Alsharekh, che lavora all'abolizione della legge del Kuwait sull’ “omicidio per onore”, la modella e autrice giapponese Yumi Ishikawa, fondatrice della campagna #KuToo contro l'obbligo per le donne di indossare tacchi alti al lavoro, il lottatore di sumo Hiyori Kon, che ha combattuto per cambiare le regole che impedivano alle donne di competere professionalmente nel sumo, la deputata americana Alexandria Ocasio-Cortez (la donna più giovane che abbia mai servito al congresso americano), la giornalista filippina e sostenitrice della libertà di stampa Maria Ressa, una critica schietta della “guerra alla droga” del presidente Rodrigo Duterte, e anche l'attivista ambientale svedese Greta Thunberg, i cui scioperi nelle scuole hanno mobilitato milioni di giovani in tutto il mondo, formando il movimento “Fridays for future”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.