chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Maldive: un paese così dipendente dal turismo può permettersi di stare in isolamento?

Image by David Mark from Pixabay. Used under a Pixabay License.

Un molo alle Maldive. Immagine di David Mark da Pixabay. Utilizzata sotto Licenza Pixabay.

Leggi la copertura speciale di Global Voices sull’impatto globale del COVID-19 [it].

Il COVID-19 [it] ha stravolto la vita agli abitanti delle Maldive. In una conferenza stampa del 25 marzo, il presidente Solih ha annunciato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] che il paese sarebbe stato messo in isolamento e che tutti i visti all'arrivo sarebbero stati cancellati a partire dal 27 marzo 2020. Ha anche esteso la chiusura di uffici governativi, scuole e università fino al 5 aprile 2020.

Presidente Solih: Alcune delle decisioni che sono state prese ci impediscono di vivere una vita normale, ma hanno l'obiettivo di garantire la sicurezza di tutti. Applicheremo ulteriori disposizioni adattandole alla situazione in cui ci troviamo. Dalla prossima domenica, uffici governativi, scuole e università rimarranno chiusi per un'altra settimana.

Presidente Solih: A partire dal 27 marzo, interromperemo il rilascio di visti all'arrivo a stranieri. I resort saranno messi in quarantena per 14 giorni dopo che gli ultimi turisti se ne saranno andati. Anche se i contagiati sono in via di guarigione, non dobbiamo escludere che il virus possa diffondersi ancora.

Il 17 marzo, tutti gli uffici governativi tranne i servizi di emergenza, i tribunali, i media e le istituzioni finanziarie sono stati chiusi dal 19 al 26 marzo per contrastare la pandemia di coronavirus. Il presidente ha anche affermato che il paese fosse totalmente preparato al peggio avendo predisposto 200 letti per la terapia intensiva. Tuttavia, dato che il paese dipende dagli introiti generati dal turismo, gli utenti di internet si stanno domandando se le Maldive possono permettersi questo isolamento.

Cronologia della diffusione dell'epidemia

I primi casi, individuati il 7 marzo, sono due cittadini stranieri che lavoravano in un villaggio turistico. Entrambi sono stati a contatto con un turista italiano risultato positivo al virus dopo essere tornato in Italia. Il numero dei contagiati adesso è salito a 13, otto dei quali sono guariti.

Dal momento che il settore turistico si è fermato completamente a livello globale, i paesi che dipendono completamente da esso stanno subendo un'immensa pressione economica poiché gli arrivi dei turisti sono agli sgoccioli. Più di 50 resort hanno già deciso di chiudere temporaneamente a causa del calo di turisti e di ridurre lo stipendio dei dipendenti.

Il 12 marzo il governo ha dichiarato l'emergenza sanitaria per 30 giorni mentre l'HPA (Health Protection Agency, Agenzia per la Tutela Sanitaria) ha introdotto misure radicali tra cui un divieto di accettare turisti per le strutture alberghiere che si trovano sulle isole abitate. La HPA ha vietato ai dipendenti dei resort di spostarsi da e andare verso il luogo di lavoro e, inoltre, è stata interrotta la possibilità di consumare pasti all'interno di bar e ristoranti nella capitale, Malé.

Gli abitanti di Malé, una minuscola isoletta di neanche 2 km quadrati dove vivono più di 150.000 persone, sono stati incoraggiati a rimanere in casa il più possibile.

Tanto di cappello, Maldive. Nessuna quarantena, nessun coprifuoco e comunque le persone rispettano l'avviso del governo di rimanere a casa. Restate al sicuro.

L'azan di oggi a Malé, nelle Maldive, è cambiata a causa del coronavirus.

Invece di “hayya alas-salah” (venite a pregare), il muezzin dice “al-salatu fi buyutikum” (pregate nelle vostre case).

Che Allah ci protegga e ci permetta di tornare presto nella sua dimora, se Iddio lo vorrà.

L'impatto sull'economia

Lo scorso anno, più di un milione e mezzo di turisti hanno visitato le Maldive. Il paese aveva stabilito l'obiettivo di arrivare a 2 milioni di turisti nel 2020. Tuttavia, il COVID-19 non fa altro che infrangere ogni speranza di raggiungere questo scopo.

Il 9 marzo 2020, il paese ha imposto a Cina, Iran, Italia, alcune zone della Corea del Sud, Bangladesh e a tutte le navi da crociera delle sanzioni per contenere i flussi turistici. Il 15 marzo alcuni paesi europei sono stati aggiunti alla lista.

La Cina e l'Italia, due dei paesi più colpiti dall'epidemia, sono anche i principali mercati per il turismo nelle Maldive. Gli arrivi di turisti sono diminuiti del 14.3% a febbraio di questo anno. A marzo, dopo i divieti, il numero è sceso ancora di più.

Qualsiasi calo significativo degli arrivi turistici genera gravi ripercussioni sull'economia delle Maldive: il presidente.

La totale messa al bando del turismo, incluse le crociere, colpirà l'economia del paese, che probabilmente affronterà una grave mancanza di introiti in valuta estera.

Gli utenti dei social media si dividono tra quelli che vedono nel completo isolamento l'unica opzione per impedire al virus di fare ulteriori danni e quelli che credono che il paese semplicemente non possa permettersi di vietare l'ingresso ai turisti stranieri chiudendosi completamente.

Jenny Latheef considera l'isolamento completo come la giusta soluzione:

Un isolamento totale fara risparmiare PIÙ soldi rispetto a un isolamento parziale. E anche rispetto a un'apertura anticipata del paese prima che il resto del mondo abbia contenuto il virus! Il mondo può liberarsi da questo coronavirus solo se agiamo insieme.

Ali Hussain risponde a Amhar che si chiede se il paese può concedersi un isolamento totale:

Mettersi in isolamento completo significa chiudere scuole, uffici, bar, ristoranti, negozi, supermercati. Ma a fine mese le persone dovranno comunque pagare le bollette e l'affitto. Come potranno permetterselo?

—-

L'affitto e le bollette costerebbero meno che infettarsi, portare il virus nella propria casa e infettare la propria famiglia. E se tu perderai un familiare per il virus…potrai permetterelo?

Isra mette in discussione il provvedimento che confina i lavoratori, anche quelli che non sono più occupati, nei resort mentre ai turisti è stato permesso di venire in vacanza, prima dell'ultima decisone di non rilasciare visti all'arrivo:

Quindi, le persone sono forzate a rimanere in un'isola dove non lavorano più e senza alcun caso sospetto di Covid19, ma allo stesso tempo non è stato limitato l'arrivo dei viaggiatori che potrebbero trasportare il virus nei resort?

Umran scrive su Twitter:

uh-huh. Finché continuano ad esserci collegamenti dai vilaggi turistici ai centri abitati, l'eccezione della quarantena solo per gli ospiti dei resort rimane un rischio elevato…Isolate i centri abitati prima di darvi da fare con i vostri ultimi disperati tentativi per salvare il turismo…La situazione sta diventando davvero faticosa.

—-

Avviso di qurantena per tutti i viaggiatori che arrivano alle Maldive in aereo tranne per i turisti che soggiorneranno nei resort.

Tuttavia, alcuni lavoratori dei resort come Saaif Zaryr supportano le iniziative del governo per isolare i dipendenti:

Io lavoro in un villaggio turistico e approvo la decisione del governo di isolare i resort. La maggior parte dei casi alle Maldive derivano dai resort. È nell'interesse del grande pubblico evitare che i dipendenti dei resort non entrino in contatto con altre persone.

Nel frattempo, Faraz chiede se il denaro che deriva dal tuismo dia veri benefici alle persone:

Il turismo genera più valore rispetto, ad esempio, alla pesca.

Ma dove va quel valore? In conti all'estero! Quindi quali benefici dovrebbe portare alle persone?

—-

Spesso le persone mettono in dubbio chi dice ciò aggiungendo “ma quale altro settore è redditizio come quello turistico?”. È redditizio al momento?? O in crisi?? Uno dei settori più fragili del mondo e le Maldive dipendono esclusivamente da esso. Guardate che fine ci ha fatto fare.

Le Maldive stanno anche usando diversi villaggi turistici per mettere in quarantena persone con sospetta infezione, in isole separate vicino alla capitale Malé. Secondo le decisione precedente all'isolamento, i cittadini delle Maldive arrivati dall'estero sono stati messi in quarantena per 14 giorni negli appositi luoghi ad eccezione dei turisti che soggiornano nei resort che avevano già prenotato.

Arrivata alle Maldive dopo aver viaggiato per più di 24 ore e mi è stata affidata una stanza in una delle strutture messe a disposizione dal governo per la quarantena, che sono fantastiche. Tutto è davvero ben organizzato e sono tutti così carini e collaborativi. Grazie mille e complimenti per il lavoro incredibile che state facendo!

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.