chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Persa e ritrovata: la lotta per preservare l'eredità linguistica del Nepal

Image by Monika Deupala. Via Nepali Times. Used with permission.

Immagine di Monika Deupala. Presa dal Nepali Times. Utilizzata su autorizzazione.

Questo articolo di Alisha Sijapati [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] è stato inizialmente pubblicato sul Nepali Times e una sua versione modificata è ripubblicata su Global Voices come parte di un accordo di condivisione.

Secondo le ultime stime, nel 2019, in Nepal si parlavano 129 lingue, ma proprio mentre se ne riconoscono di nuove, altre si stanno estinguendo.

Almeno 24 tra lingue e dialetti in Nepal sono “a rischio estinzione”, e le lingue Dura, Kusunda e Tillung, ognuna delle quali è parlata da una sola persona, sono sul punto di scomparire.

“Non mi sorprenderei se queste tre lingue fossero le prossime a scomparire. Senza qualcuno che le parli non potremo salvare”, dice Lok Bahadur Lopchan della Commissione Linguistica del Nepal, alla quale è affidato il compito di preservare la diversità linguistica del paese.

Se una lingua è parlata da meno di 1.000 persone, viene classificata come “a rischio estinzione”. Lopchan prevede che più di 37 lingue parlate in Nepal fanno parte di quella categoria e probabilmente scompariranno entro i prossimi 10 anni.

Secondo la relazione annuale del 2019 della Commissione Linguistica del Nepal, le lingue più comunemente parlate nel paese sono, secondo l'ordine: nepalese, maithili, bhojpuri, tharu, tamang, nepal bhasa, bajjika, magar, doteli e urdu.

Ma mentre queste vanno scomparendo, delle nuove lingue che non sono mai state riconosciute sono state trovate in remote zone del paese, quali il rana tharu che è parlato nell'ovest del Terai, il narphu in una lontana valle di Manang, il tsum nella Tsum Valley del Gorkha del Nord e il nubri larke nelle regioni del Manaslu, del Poike e del Syarke.

Child reading Newa folk story, Dhaplaan Khyaa, by Durgalal Shrestha. Photo: Ashish Shakya via Nepali Times. Used with permission.

Una bambina legge una storia popolare in Newari: “Dhaplaan Khyaa”, di Durgalal Shrestha. Foto di Ashish Shakya attraverso il Nepali Times. Utilizzata su autorizzazione.

“È una fortuna che tali lingue siano state riconosciute, ma è un peccato che siano parlate da davvero poche persone e potrebbero estinguersi presto”, afferma Lopchan, che aggiunge che ogni due settimane una lingua indigena si estingue in qualche parte del mondo.

Anche quelle che sono tra le prime 10 lingue più parlate in Nepal, stanno perdendo la loro posizione di lingue principali. I genitori insistono sull'insegnamento del nepalese e dell'inglese nelle scuole per garantire prospettive di lavoro buone per i propri figli; e fin dal regno di Re Mahendra, il paese ha spinto il nepalese come lingua veicolare a discapito di altre lingue nazionali.

Supral Raj Joshi, 29 anni, è un doppiatore cresciuto parlando il nepal bhasa (lingua Newari) a casa. Però a partire dalla scuola elementare, dove si parlavano solo il nepalese e l'inglese, ha dimenticato la sua lingua d'origine. Parlare in nepalese con la sua famiglia lo ha colpito molto in merito a quanta della sua cultura è andata perduta attraverso la lingua.

“La perdita delle lingue del Nepal è il risultato di una politica statale volontaria; la nostra eredità linguistica è stata spazzata via per promuovere un carattere nazionale”, afferma Joshi.

Il Re Mahendra istituì misure per creare un'identità nepalese unica attraverso gli abiti, la lingua e lo smantellamento della democrazia, istituendo il sistema di Panchayat e affermando che: “era adeguato al territorio nepalese”.

Gli esperti asseriscono che la decisione di implementare l'idea di nazionalismo attraverso una lingua, abbia limitato le comunità indigene dal parlare le loro lingue antiche.

Maithili script. Image via nepali Times.

Maithili script. Image via Nepali Times. Used with permission.

“La classe dominante ha reso la propria lingua, lingua nazionale e nel fare ciò altre lingue hanno subito un danno collaterale”, afferma Rajendra Dahal, editor del Shikshak magazine. “La fine di una lingua non è una perdita legata solamente a una comunità, ma all'intero paese e al mondo”.

Alla Commissione Linguistica del Nepal c'è un senso di urgenza nel salvare le tre lingue parlate da una sola persona ciascuna. Pertanto ha collaborato con la quarantacinquenne Kamala Kusunda, l'unica persona al mondo che parla il kusunda, che adesso gestisce una piccola scuola privata nel distretto di Dang dove insegna la lingua a più di 20 studenti.

“Se muoio, la mia lingua madre muore con me. Dovevo rianimare questa lingua per il valore che ha per la nostra gente, e per la speranza di mantenere la nostra lingua antica in vita”, ha detto Kamala Kasunda al Nepali Times per telefono.

Muktinath Ghimire, nel distretto di Lamjung, ha un compito simile. Essendo l'unico a parlare il dura, si prepara ad aprire una scuola per insegnare la lingua alla comunità. “Non possiamo permettere che questa lingua muoia”, afferma.

Altre lingue come il tsum, più recentemente classificato come dialetto, erano già in pericolo da quando sono state riconosciute come uniche.

“Gli anziani della Tsum Valley parlano esclusivamente il tsum, ma le nuove generazioni stanno perdendo la lingua”, afferma Wangchuk Rapten Lama, che parla il tsum fluentemente e che sta lavorando per estendere il suo uso introducendo la lingua ai bambini attraverso attività culturali.

L'antropologo linguistico che vive in Canada, Mark Turin, ha lavorato con i Thami nel distretto di Dolakha e di Sindhupalchok per documentare la loro lingua a rischio.

“Parlare di linguisti che salvano le lingue è tanto ridicolo quanto suggerire che le app e le tecnologie digitali salvano la lingua”, asserisce. “Nessuna delle due cose è vera, e il campo della linguistica è ancora dominato da modelli di produzione di conoscenze piuttosto estrattivisti e coloniali”.

Afferma che coloro che parlano lingue indigene come i Thami meritano un riconoscimento dato che lavorano senza sosta per recuperare, ringiovanire e rianimare le loro lingue antiche, spesso andando contro un'opposizione notevole.

Linguistic map of Nepal

Dopo che il Nepal è entrato in modalità federale, ci si aspettava che le scuole del paese avrebbero insegnato le lingue regionali. L'Articolo 31 della Costituzione dice: ‘Qualsivoglia comunità nepalese che vive in Nepal avrà il diritto di ricevere l'educazione nella propria lingua madre fino al livello secondario, oltre al diritto di aprire e gestire le scuole e le istituzioni educative come previsto dalla legge’.

Il Centro di Sviluppo degli Studi ha introdotto insieme alle comunità rurali un “programma locale” da 100 punti. Mentre alcune scuole offrono l'insegnamento delle lingue madri come opzione, la maggioranza di esse scelgono il “programma locale”.

Nell'ottobre del 2020, Kathmandu Mayor Bidya Sundar Shakya ha reso obbligatorio per le scuole insegnare il nepal bhasa dalla prima elementare alla terza media. Tuttavia, ci sono state reazioni contrastanti da parte dei genitori dato che che molti pensano che ciò potrebbe gravare sugli studenti e il loro nepalese e inglese ne potrebbero risentire.

Le lingue smettono di evolvere dal momento che le persone smettono di parlarle. Le lingue antiche sono necessarie per consolidare il bagaglio culturale delle persone e dar loro un'identità precisa. Tutto ciò sta diventando sempre più difficile in tutto il mondo a causa della globalizzazione e di internet.

“I miei bambini parlano solo inglese”, dice Saraswati Lama che è sposata con un Rai e lavora per un'organizzazione non profit a Katmandu.  “Mia figlia l'ha imparato tramite YouTube e l'ha insegnato al suo fratellino”. Né Lama né suo marito parlano la loro lingua madre e usano il nepalese per parlare tra loro.

Ma in questi giorni è nella diaspora nepalese che l'eredità linguistica del paese sembra essere più valorizzata. Sujan Shrestha è nato a Katmandu ma si è trasferito negli Stati Uniti durante il liceo. Adesso è professore all'Università del Maryland, a Baltimora, e afferma che sua moglie e i suoi figli parlano solamente inglese e nepal bhasa, niente nepalese.

“Il nepal bhasa da ai ragazzi un'identità e li connette ai loro parenti, soprattutto ai nonni. Si tratta di insegnare ai nostri figli sensibilità culturale e apertura mentale verso le loro culture e la loro gente”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.