chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Hong Kong perseguita dissidenti politici bloccando i loro conti bancari

Un'immagine della campagna Boycott HSBC molto condivisa sui social media.

La legge per la sicurezza nazionale recentemente entrata in vigore a Hong Kong ha dato alle forze di sicurezza il potere di congelare i conti correnti dei sospettati [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] durante un'indagine, erodendo così la fiducia del pubblico nel sistema bancario.

Negli ultimi mesi diversi casi hanno suggerito che le forze della sicurezza nazionale stiano usando il sistema bancario come arma per reprimere attivisti e ONG filodemocratiche.

Il caso più controverso riguarda il congelamento dei conti bancari del parlamentare di Hong Kong in esilio Ted Hui e dei suoi familiari.

Hui, ex-legislatore filodemocratico, ha dichiarato il suo stato di esule durante un viaggio in Danimarca per una conferenza il 3 dicembre, dopo che anche la sua famiglia aveva lasciato Hong Kong. Due giorni dopo, il 5 dicembre, Hui ha dichiarato che il suo conto in banca e quelli di almeno cinque dei suoi familiari sono stati congelati senza spiegazioni da diversi istituti bancari, incluso HSBC.

HSBC ha congelato i conti di Ted, l'ex legislatore in esilio, e dei suoi parenti. HSBC agevola la persecuzione politica da parte del PCC, mettendo in pericolo i dissidenti politici e, cosa ancora più scioccante, anche le loro famiglie. Il Governo del Regno Unito deve agire e non mostrare alcuna tolleranza verso questa collusione con l'autocrazia.

Le azioni dell'istituto, uno dei più grandi gruppi bancari al mondo, hanno causato indignazione nel pubblico, dato che non sia ha notizie di alcuna violazione della legge per la sicurezza nazionale da parte della famiglia di Hui. Le voci critiche sostengono che le banche abbiano agito su base politica, non legale. La banca ha sbloccato brevemente i conti di Hui e della sua famiglia il giorno dopo, per poi congelarli nuovamente il 7 dicembre, dopo che la polizia di Hong Kong ha pubblicato una dichiarazione in cui accusa Hui di aver colluso con forze straniere e di aver usato i conti bancari dei suoi familiari per operazioni di riciclaggio.

Il giornalista indipendente Timothy McLaughlin ha ricapitolato così le accuse della polizia di Hong Kong contro Hui:

Li ha sostenuto che le telefonate per raccogliere sostegno da parte della comunità internazionale costituiscono atti di collaborazione con forze straniere, un crimine sotto la legge per la sicurezza nazionale, imposta da Pechino a Hong Kong il 30 giugno.

Ted Hui è stato inizialmente accusato di nove reati [zh] legati all'interruzione di sedute del Consiglio legislativo, alla partecipazione a proteste non autorizzate e alla cancellazione di foto dai telefoni cellulari dello staff del Consiglio legislativo. Nessuna di queste accuse è stata collegata ai reati menzionati nella legge per la sicurezza nazionale o al riciclaggio finché Hui non ha annunciato il suo status di esule.

Le nuove accuse della polizia puntano il dito contro una campagna per la raccolta dei fondi necessari a fare causa a un tassista che aveva guidato la sua auto contro una folla di manifestanti e un poliziotto che aveva sparato a distanza ravvicinata a un manifestante durante le proteste contro l'estradizione dello scorso anno. La campagna di raccolta fondi è stata in realtà gestita da uno studio legale che non ha legami con Hui o membri della sua famiglia. Hui ha contestato la polizia [zh]  su Facebook:

This is clearly the regime’s attempt to take political revenge via economic oppression, and to use collective punishment to oppress my family to persecute dissenting voices.

Questo è chiaramente un tentativo del regime di ottenere una vendetta politica tramite l'oppressione economica, usando forme di punizione collettiva per opprimere la mia famiglia e perseguitare le voci di dissenso.

Tuttavia, in base alla legge per la sicurezza nazionale, le forze di sicurezza hanno il potere di congelare conti bancari durante un'indagine senza bisogno di un ordine del tribunale, e non c'è alcun canale attraverso cui le persone colpite possano contestare o fare appello contro queste misure.

Nonostante la preoccupazione del pubblico sull'uso arbitrario del potere da parte della polizia per la sicurezza nazionale, il governo di Hong Kong ha rifiutato di rispondere alle domande sulla possibilità che il potere della polizia di ordinare la sospensione dei conti bancari possa compromettere la fiducia del pubblico nel sistema bancario di Hong Kong, un centro finanziario di importanza globale.

Gli ultimi casi riguardano la sospensione di conti bancari appartenenti alla Chiesa Good Neighbour North District, nonché dei conti personali del pastore della chiesa, Roy Chan, e di sua moglie. Su Twitter l'utente Karen Tse ha riportato così la notizia una volta diventata pubblica:

I conti bancari HSBC della Chiesa Good Neighbour North District sono stati congelati senza preavviso o giustificazione. Anche i conti personali del Pastore Roy Chan e di sua moglie sono stati congelati. Roy Chan è l'organizzatore del gruppo Protect the Children.

La chiesa è stata fondata nel 2014 e ha ottenuto lo status di organizzazione benefica nel 2016 e dalla sua fondazione ha offerto rifugio a persone senzatetto. La chiesa ha descritto la sospensione dell'unico conto della chiesta come “un atto di ritorsione politica”:

This is no doubt an act of political retaliation. In the past year, our group “Safeguard Our Generation” mainly comprised of middle-aged and elderly volunteers was determined to offer humanitarian aid to protestors at the frontline…

Questo è indubbiamente un atto di ritorsione politica. Nell'ultimo anno il nostro gruppo “Salvaguardia della nostra generazione”, perlopiù composto da volontari di mezza età o anziani, ha continuato a offrire sostegno ai manifestanti in prima linea…

La chiesa ha sollecitato HSBC a sbloccare il suo unico conto bancario, senza il quale dovrebbe cessare immediatamente il proprio servizio a favore dei senzatetto.

Un numero crescente di voci sui social media di Hong Kong sta usando l'hashtag #boycottHSBC per esprimere la propria sfiducia nei confronti del gigante dei servizi bancari:

Quando l'Avidità di Denaro sovrasta i valori umani fondamentali.

Facciamolo diventare virale.

Ad agosto HSBC aveva congelato il conto personale di Jimmy Lai, fondatore della testata Apple Daily, e di altri manager di Next Digital, l'azienda a cui appartiene la popolare testata, in seguito ai loro arresti per accuse legate alla sicurezza nazionale, a frodi e altre.

A giugno 2020, prima dell'entrata in vigore della legge per la sicurezza nazionale, l'Associazione della banche di Hong Kong aveva pubblicato una dichiarazione in favore della legge, sostenendo che essa avrebbe favorito un ambiente stabile per gli affari. HSBC e Standard Charter, colossi mondiali del settore, si erano adeguate pubblicando le proprie dichiarazioni di sostegno alla legge.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.