chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Venezuela: l'orchestra giovanile che cambia la vita

Nel 1975 José Antonio Abreu cominciò a dedicarsi alla realizzazione del suo sogno: mettere in piedi un'orchestra in Venezuela. Insieme ad altri otto studenti fondò la Scuola di Musica José Ángel Lamas, che istituì un programma basato su nuove forme di apprendimento, adattando diverse metodologie didattiche alla realtà specifica del Paese. Questo progetto innovativo fece convergere giovani musicisti da tutto il Venezuela, specialmente dalle città di Maracay e Barquisimeto (assai note per l'ottima produzione musicale). L'orchestra si esibì per la prima volta il 30 aprile 1975. Oggi, trentatré anni dopo, sono centinaia i bambini che hanno fatto parte del gruppo orchestrale.

Modello esemplare del talento musicale, sociale e interculturale del Paese, il Fesnojiv (acronimo della fondazione per il Sistema Nacional de Orquestas Juvenilese Infantiles de Venezuela), altrimenti detto “Il Sistema”, è motivo di grande orgoglio per i venezuelani, perché dimostra come persone di origine diversa (c'è chi proviene da zone violente e poverissime) siano in grado di comprendere ed eseguire splendidamente opere di compositori di Paesi lontani. Questi giovani musicisti arricchiscono l'anima venezuelana, sempre in cerca delle proprie radici, oltre che la loro identità personale. I concerti sono emozionanti, le storie commoventi,  le commistioni e gli stili di grande effetto.

Scrive Domingo:

Los integrantes que conforman hoy día esta orquestacomenzaron con orquestas de barrio, a lo que le siguen orquestasdepartamentales y regionales, algunos de sus integrantes llevan consigohistorias de delincuencia juvenil, problemas de drogas, robos, vida en lacalle, y para todos ellos “El sistema” ha significado la transformación desus vidas en plena adolescencia y juventud. Los integrantes más jóvenespueden tener dos años de edad y el promedio no supera los 22 años. El Sistema ha sobrevivido a todos los eventos políticos, sociales y económicosque han ocurrido en Venezuela durante los últimos 30 años, recibiendosiempre el apoyo de los Gobiernos de turno.

Gli attuali componenti dell'orchestra hanno esordito in gruppi musicali di quartiere per poi passare a orchestre provinciali o regionali. Fra di loro c'è chi ha alle spalle un vissuto di delinquenza giovanile, problemi di droga, furti, vita di strada. Per tutti loro, durante gli anni dell'adolescenza o della gioventù, “Il Sistema” è stato una vera occasione di cambiamento. Fra i musicisti più giovani ve ne sono di appena due anni, e l'età media nel gruppo non supera i ventidue. Il Sistema è sopravvissuto a tutti i problemi sociali, economici e politici che hanno colpito il Paese in questi ultimi trent'anni, e ha sempre ricevuto il sostegno dei governi in carica.

Nicodemo onora l'orchestra ricordando il premio d'arte Principe de Asturias 2008 di cui è stata insignita.

El fundador de las Orquestas Juveniles de Venezuela, Jose Antonio Abreu, fuedesignado recientemente miembro honorario de la “Royal PhilharmonicSociety” del Reino Unido, y uno de sus ex alumnos, Gustavo Dudamel,recibió el premio al mejor artista joven del año. Son premios a la esperanza, al papel restaurador de humanidad que puede tener elarte.

Recentemente il fondatore del sistema Orquestas Juveniles del Venezuela, Jose Antonio Abreu, è stato nominato membro onorario della Royal Philharmonic Society britannica, mentre uno dei suoi ex-allievi, Gustavo Dudamel, ha ricevuto il premio come miglior giovane artista dell'anno. [Sono riconoscimenti che premiano la speranza, sottolineando il ruolo dell'arte nell'arricchire l'umanità].

Il documentario Tocar y luchar (Suonare e Combattere) traccia la storia del progetto e di alcune delle persone che vi hanno preso parte.

4 commenti

  • Tamara Nigi

    “Per i bambini con cui collaboriamo, la musica rappresenta sostanzialmente l’unica via per un futuro dignitoso. La povertà significa solitudine, tristezza, anonimato. Un’orchestra significa gioia, motivazione, lavoro di squadra, aspirazione al successo” (J. A. Abreu).

  • Tamara Nigi

    “La Sinfónica Simón Bolívar de Venezuela, composta da 200 musicisti di età compresa tra i 12 e i 26 anni, rappresenta l’organo centrale del “Sistema Nacional de Orquestas Juveniles e Infantiles de Venezuela“, un programma di istruzione musicale ideato nel 1975 dal musicista ed ex ministro della cultura José Antonio Abreu, che coinvolge oltre 250 mila ragazzi, di cui il 75% vive al di sotto della soglia della povertà.”

    http://lnx.classicaviva.com/wp/2011/11/17/torna-a-milano-la-sinfonica-simon-bolivar-de-venezuela/

  • Giuseppe Ronga

    19/07/2014

    Ho avuto il piacere di seguire su TV 2000 dalle 18:40 alle 20:10 “A slum symphony” . Meraviglioso servizio sull’orchestra giovanile che cambia la vita. Non ho parole, ho pregato tanto per voi e continuerò a farlo. Perché non prendete un bambino per ogni nazione del mondo? Vuoi vedere che riuscirete con le vostre note ad evitare un pò di catastrofi dovute agli umani? Grazie, Dio vi benedica.

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.