chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Pakistan: l'assalto all'Accademia di Polizia di Lahore in diretta sui citizen media

Lunedì scorso il Pakistan è stato scosso dalla notizia di un attentato alla scuola di addestramento della Polizia di Manawan, a Lahore. Una dozzina di uomini armati, travestiti da poliziotti, hanno attaccato la Scuola da quattro direzioni diverse, mentre circa 700 reclute erano intente negli esercizi mattutini. La BBC riferisce che [in] gli attentatori sono riusciti a portare a compimento l'assedio, e qualche ora dopo, mentre le forze di sicurezza pakistane cercavano in ogni modo di riprendere il controllo, erano circa 30-40 gli ostaggi ancora intrappolati nell'Accademia di Polizia.

Adil Najam, di All Things Pakistan ha raccontato la situazione [in] tramite una testimonianza oculare da lui raccolta:

Sono le dieci del mattino, e dopo circa 3 ore dall'inizio dell'attacco sembra ormai chiaro dalle notizie che arrivano dall'Accademia che i terroristi hanno colpito, uccidendo circa 20 reclute e ferendone altre 100. Si continua a sparare. Riesco a sentire i colpi da casa mia, che si trova a un chilometro di distanza.

Chowrangi ha scritto [in]:

La follia marzolina non ha fine in Pakistan, e in particolare a Lahore. Dopo gli attacchi alla squadra di cricket dello Sri Lanka e la Lunga Marcia [it], Lahore è tornata sotto i riflettori dopo che un campo di addestramento della Polizia nella fascia periferica di Lahore è stato assaltato dai terroristi.

Il blog pubblica un video realizzato da una troupe televisiva capitata nel bel mezzo della sparatoria:

Molte persone hanno seguito gli sviluppi dell'incidente su Twitter [in], mentre i citizen journalist pakistani continuavano a rilanciare gli ultimi aggiornamenti.

Teeth Maestro ha velocemente organizzato una pagina che ne rilanciava in diretta [in] gli sviluppi.

Dalla pagina che ha seguito gli eventi in diretta:

4:52 (PST) Teeth Maestro:

Secondo gli ultimi aggiornamenti, sembrerebbe che l'assedio sia terminato – continueremo a seguire la situazione ma possiamo tranquillamente interrompere la diretta – pubblicheremo presto su questo blog l'archivio con tutti gli aggiornamenti – in modo da poterli conservare.

Sarebbero 27 i poliziotti uccisi, e oltre 100 i feriti.
Questo un aggiornamento da All Things Pakistan [in]:

Quattro terroristi sono stati catturati, altri quattro sono stati uccisi. Speriamo davvero che gli interrogatori degli arrestati possano fornire informazioni più concrete, per comprendere le modalità con cui è stato pianificato questo e altri (passati e futuri) attentati in Pakistan.

Raza Rumi, del blog Jahane Rumi [in] si dice preoccupato:

Cosa accadrà ora? Tutti temono che questa storia non finirà qui. Ci sono forze – gruppi, grandi interessi e singoli individui – che sembrano determinati a distruggere il Pakistan.

CHUP! – Changing Up Pakistan [in] si interroga:

La cosa davvero terrificante è che uomini armati possano semplicemente entrare in una scuola d'addestramento e compiere una simile strage. Ora che Zardari ha commissariato il Governatore del Punjab, il vuoto di potere ci farà sprofondare nel caos?

Deadpan Thoughts [in] commenta così:

Dobbiamo assolutamente adottare tutte le misure necessarie per difendere il nostro Paese da questa minaccia, o dovremo rassegnarci al nostro destino: diventare presto il “nuovo Iraq”. Una cosa da fare è sicuramente individuare nel Governo i responsabili di una simile inefficienza nella sicurezza, e della mancanza di una strategia [per fronteggiare l'emergenza]. Le parole di chi favoleggia di guerre future ci appaiono vuote, ora che il nemico è alle porte.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.