chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Arabia Saudita: diluvio e caos a Riyadh, e i netizen surclassano i media tradizionali…

Piove a dirotto a Riyadh, capitale dell'Arabia Saudita, e gli utenti di Twitter e i blogger colgono l'occasione per raccontare il ‘caos’ e biasimare la stampa locale.

Su Khaled Rambles, Khaled A. scrive [in]:

In questo momento Riyadh è sotto una pioggia intensa e tutti su twitter hanno convenuto di usare l'hashtag #RiyadhRain. Visto che i media tradizionali non se ne occupati….

EchoDepiction offre [in] un'esauriente descrizione di come sono andate le cose:

Mentre digito sulla tastiera, posso sentire in lontananza le ambulanze e sopra di me gli elicotteri in volo. Oggi pomeriggio intorno alle 2, su Riyadh ha iniziato a riversarsi un tremendo acquazzone. Mentre le nuvole andavano addensandosi e ogni traccia di sole spariva dal cielo, facendo sembrare notte il giorno, la pioggia ha iniziato a rovesciarsi con forza mentre fortissimi venti soffiavano sabbia, immondizia, alberi e qualsiasi cosa riuscissero a trascinare nelle strade. Genitori e figli all'uscita da scuola erano bloccati sotto la pioggia e tentavano di proteggersi testa e occhi con sciarpe, ombrelli e sacchetti di plastica.

Ben presto:

Nel giro di pochi minuti, l'acqua ha preso a scorrere a fiumi lungo le strade e nelle fognature. Per dare un'idea della forza del vento, la mia macchina veniva spostata mentre era al semaforo rosso!  Guidando nei pressi dei supermercati Tamimi, si vedevano carrelli e bottiglie d'acqua rotolare in giro. Il primo acquazzone è durato ininterrottamente per almeno 20-30 minuti.

Per quanto riguarda i danni, EchoDepiction riferisce:

È stato segnalato che il garage della Torre Al-Faisaliah è stato inondato e un uomo vi è rimasto intrappolato annegando. Si sono verificati oltre 23 incidenti sulle circonvallazioni Est e Nord, e sono state chiuse la strada Korais in direzione sud e le uscite 9-11. La pioggia ha distrutto varie abitazioni e negozi nei quartieri di Dariyyah, Akik e Ra’id e nelle zone limitrofe.

Il blogger conclude:

Sono stati diramati avvisi alla popolazione perché resti a casa, poiché si prevede un diluvio ancora peggiore nelle prossime ore. Basta accendere la TV.  Le strade sono diventate dei FIUMI!  C'è qualcuno che nuota, altri aiutano a dirigere il traffico con espressioni divertite.  Anche se qualcuno soffre per tutta questa pioggia, MOLTI adorano un simile caos inconsueto. Non ho mai visto Riyadh così prima d'ora!

Intanto Ebrahim H., pubblica [in] alcune foto della confusione in giro. E riflette:

Mi sto ancora chiedendo cosa accadrebbe se Riyadh fosse Rio De Janeiro e certi imprenditori corrotti  avessero realizzato i loro progetti esattamente come questi qui in Arabia Saudita? Un disastro!

Il confronto con Rio De Janerio nasce dal fatto che il Brasile viene considerato un Paese del terzo mondo come l'Arabia Saudita.

Anche Little Pink Strawberries pubblica foto delle strade inondate e di altri danni causati dalla pioggia e osserva [in]:

È triste però che Riyadh non sia attrezzata per le precipitazioni di una certa entità. Ogni volta che piove, si vedono auto galleggiare tutt'intorno e le strade invase dall'acqua. La città non ha alcun sistema per lo scolo delle acque.

E aggiunge:

Così, oggi che la pioggia ha iniziato a inondare tutto, anche casa mia si è allagata. Sì, mentre parlo sono in mezzo all'alluvione. La pioggia ha iniziato a traboccare dalle finestre e dai condizionatori. Ho usato coperte, asciugamani, vestiti e tutto ciò che avevo per arrestarla, ma senza fortuna. Tutte le stanze sono inondate. I mobili poggiano nell'acqua.

Anche Rob.in.Riyadh scrive [in] del temporale e afferma:

Oggi pomeriggio, mentre scrivo, piove a dirotto e il vento soffia forte. Dalla finestra del mio ufficio posso a malapena vedere l'esterno. Ma da quanto riesco a vedere, le strade rivelano tracce di grandine: i chicchi vengono spazzati dall'acqua piovana che scorre come un fiume per le strade. Il soffio del vento sembra un ululato.

Se questo non è un tempo da far paura, credo sia dovuto ai cambiamenti climatici.

Intanto i sottopassaggi sono stati rapidamente invasi dall'acqua e il traffico si è subito bloccato. Posso sentire tantissimi clacson.

Passando a Twitter, è stato lanciato uno specifico hashtag,#RiyadhRain [in], per raccontare e commentare l'evento. È stato creato anche un apposito logo [ar]:

Il logo Riyadh Rain

La didascalia recita:

I nostri cuori sono con voi, i nostri parenti, la gente di Riyadh!

Abdulelah Al-Sabban, @Lubbaz [ar] su Twitter, commenta:

بانتظار جرائد الغد باحر من الجمر .. ليس شماته ولكن لنرئ الحقائق كما هي هنا في تويتر .. #RiyadhRain
Sono proprio curioso di leggere i giornali di domani per vedere se parleranno dell'evento allo stesso modo di quanto avviene qui su Twitter #RiyadhRain

In un successivo tweet, scrive [ar]:

استمرار انقطاع الكهرباء على مناطق متعددة من الاحياء السكنية بالرياض .. #RiyadhRain
Manca ancora la corrente in diversi quartieri di Riyadh #RiyadhRain

E Rami Taibah annuncia [in]:

Annuncio ufficialmente la dipartita della vecchia guardia dei media in Arabia Saudita. Quanto gira Twitter su #RiyadhRain si scaglia contro quanto dice la TV e forse anche i giornali di domani

E per ultimo, ma non per importanza, Ismaeil pubblica queste [ar] immagini su Picasa dove si vedono il gran traffico e gli allagamenti, con macchine interamente coperte dall'acqua, mentre de.caf pubblica altre foto su Flickr.

1 commento

  • […] meglio i blog e i social network di quanto non abbiano fatto i media tradizionali. Per Global Voices lo racconta Amira Al Hussaini tradotta da Maria Elena Marino (link […]

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.