chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Perù: dietro il decreto legislativo 1097 si nasconde una legge di amnistia?

Decreto Legge 1097

Immagine dal blog Equipo Peruano de Antropología Forense

Il primo settembre è stato pubblicato il testo del Decreto Legislativo N° 1097 [es, come tutti gli altri link, eccetto dove segnalato], che: “disciplina l'applicazione delle norme processuali per i reati che comportano la violazione di diritti umani”. Cittadini [en] e associazioni [en] per la difesa dei diritti umani hanno immediatamente contestato il decreto perchè “nasconde una nuova legge di amnistia a favore del Grupo Colina [en, squadrone della morte legato all'ex capo dei servizi segreti di Fujimori, Vladimiro Montesinos] e di altri gruppi militari.” Durante l'era del terrorismo del Sendero Luminoso [it] e del Movimento Rivoluzionario Túpac Amaru [en], hanno operato gruppi militari e/o paramilitari (come il Grupo Colina) che ufficialmente agivano come organi di collaborazione nella lotta contro il terrorismo ma, in pratica, funzionavano come squadroni della morte. Gli appartenenti a questi gruppi sono stati nel seguito processati e condannati a diverse pene, ma in alcuni casi persiste l'interesse per il loro rilascio.

Infatti, non appena il decreto è stato annunciato, gli appartenenti al Grupo Colina e il loro referente Vladimiro Montesinos,  hanno cercato ottenere l'applicazione del Decreto 1097, con l'inibizione dei processi in corso. E anche se l'accusa ha richiesto l'inapplicabilità del decreto per questo tipo di processi, e sebbene vari rappresentanti del governo abbiano dichiarato che il DL 1097 non verrà applicato a questi casi, i blogger sospettano il contrario. L'avvocato Christian Donayre Montesinos, dal blog Sin Censura Previa, propone il suo punto di vista nel post “A well-intentioned legislative decree?…but unconstitutional”

habría que recordar que la Ley Nº 29548 delegó en el Ejecutivo la facultad de legislar, entre otros temas, respecto de:

“c) La dación de normas procesales y penitenciarias relacionadas exclusivamente al personal militar y policial que ha sido procesado o condenado por delitos que implican violación de derechos humanos”.

Sin embargo, el Decreto Legislativo Nº 1097 regula la aplicación de normas procesales por delitos que implican violación de derechos humanos para todos los ciudadanos en general y no sólo para el personal militar y policial, pues adelanta la entrada en vigencia del nuevo Código Procesal Penal y dispone su aplicación en todos los Distritos Judiciales del país a los procesos que se siguen por los delitos contra la vida, el cuerpo y la salud previstos en el Código Penal de 1924 y el Código Penal de 1991, así como por los delitos contra la humanidad previstos en este último código.

Va osservato che la legge n. 29548 ha delegato all'Esecutivo la facoltà di legiferare, tra le altre cose, su:

“c) L'emanazione di norme processuali e penitenziarie riguardanti esclusivamente il personale militare e di polizia processato o condannato per reati di violazione dei diritti umani.”

Tuttavia, il decreto legislativo n. 1097 disciplina l'applicazione delle norme processuali per reati di violazione dei diritti umani con riferimento a tutti i cittadini e non solo per il personale militare e di polizia, anticipa la data di entrata in vigore del nuovo Codice di procedura penale e dispone la sua applicazione in tutti i distretti giudiziari del Paese nei processi per i reati contro la vita, il corpo e la salute previsti nel Codice Penale del 1924 e nel Codice penale del 1991, così come per i crimini contro l'umanità previsti in quest'ultimo codice.

Anche Melissa Ramírez di Amicus Luris condivide la sua opinione sulla validità legale del decreto 1097 nel post “1094,1095,1096,1097….what's next?”, dove illustra anche le possibili conseguenze:

Para señalar un ejemplo que grafique la disposición señalada en el DL 1097 en el caso El Frontón que sucedió en el año 1986 si consideramos que los hechos ocurridos son un delito simple este prescribiría en unos diez o quince años, pero al ser considerados estos hechos por el Estado peruano como un delito de lesa humanidad ello le permitía la característica de la imprescriptibilidad es decir pese al paso de los diez o quince años los hechos podían seguir en investigación y con ello seguir judicializados, con este nuevo Decreto la figura varía totalmente pues al cumplirse el plazo señalado por la norma puede archivarse de forma definitiva el proceso.

Per segnalare un esempio che illustri la disposizione contenuta nel DL 1097, prendiamo il caso El Fronton dei massacri condotti nelle carceri peruviane nel 1986. Considerando gli eventi accaduti come un reato semplice, gli stessi si prescriverebbero in dieci o quindici anni, ma siccome questi fatti sono considerati dallo Stato peruviano come un crimine contro l'umanità allora si applica l'imprescrittibilità, ossia, anche se dovessero passare dieci o quindici anni, questi fatti potrebbero ancora essere sottoposti a indagini e quindi a giudizio; con questo nuovo Decreto il quadro cambia completamente perchè entro il termine specificato dalla norma il processo può essere archiviato definitivamente.

Jaime Abanto Padilla dal blog Balcón Interior spiega alcuni degli obiettivi del controverso decreto nel post “New amnesty law for Human Rights violators”:

El DL 1097 otorga a todos aquellos militares inmersos en crímenes y violación de Derechos Humanos, la posibilidad de seguir los juicios desde su casa, previo pago de una caución o fianza. El monto de la fianza estará basado en su capacidad económica, en su solvencia. Y solo en los casos donde se mantenga la orden de detención, ésta se cumplirá en una instalación militar o policial. … El canallesco Decreto dispone que las investigaciones que superaron el plazo de tres años, plazos legales, serán declaradas como archivadas a favor de los encausados.

Il Decreto Legislativo 1097 permette a tutti i militari accusati di crimini e violazioni dei diritti umani di seguire i propri processi da casa propria, previo pagamento di una cauzione. L'ammontare di quest'ultima verrà stabilito sulla base della loro capacità economica. E solo nei casi in cui permanga l'ordine di detenzione, la sentenza verrà scontata in una struttra militare o della polizia. … Lo spregevole Decreto prevede che le indagini preliminari che durino più di tre anni vengano dichiarate archiviate a favore dell'imputato.

Juan Sheput, un politico peruviano che scrive sul blog Mate Pastor, nel suo post “Decree 1097 and the moral breakdown of the country” manifesta il suo sgomento per la quasi totale assenza di appelli alla giustizia da parte dei membri del Parlamento e dei partiti politici nei confronti del governo:

En las próximas horas los asesinos del Grupo Colina podrían salir en libertad. Esta simple posibilidad habría generado la repulsión en cualquier otra sociedad y un emplazamiento de los grupos políticos que entienden a la Política como un conjunto de acciones orientadas al bienestar de los ciudadanos. Pero nada de esto pasa en nuestro país. Más allá de unos cuantos comentarios y de una conferencia de prensa del Partido Nacionalista, los congresistas se dedican a cualquier otro menester pero no plantean ninguna de las acciones que la Constitución y el Reglamento del Congreso les permite. ¿El resultado? Las risas de hiena de aquellos que hoy ven el futuro lejos de las rejas y celdas que merecen, por haber asesinado a mujeres, niños y otros inocentes.

Nelle prossime ore, gli assassini del Grupo Colina potranno essere liberi. Solo questa semplice possibilità avrebbe generato repulsione in qualsiasi altra società e avrebbe avuto luogo una convocazione dei gruppi politici che reputano la politica come un insieme di azioni orientate al benessere dei cittadini. Ma nel nostro Paese questo non accade. Al di là di qualche commento e una conferenza stampa dal Partito Nazionalista, i membri del Parlamento si dedicano ad altre esigenze, ma non promuovono nessuna delle azioni che la Costituzione e il regolamento del Parlamento consentirebbe loro. Il risultato? Le risate da iena di quelli che ora vedono il proprio futuro ben lontano dalle sbarre e dalle celle di un carcere che si meritano, per gli omicidi di donne, bambini e altre persone innocenti.

Infine, Ricardo Alvarado dal blog AveCrítica riflette su questo tema e sulla reale qualità della democrazia in Perù nel suo post “The end to the Spring of democracy”:

Los decretos legislativos de autoamnistía han puesto fin a la primavera democrática iniciada con la caída de la dictadura fujimorista … ¿Han sido años perdidos? Sin duda. Pero no sólo se ha perdido tiempo: también se jugó con las esperanzas de mucha gente en la posibilidad de un cambio real en democracia, de salir del juego necio del toma y daca para obtener un mínimo avance en materia de derechos, o de inclusión … Hay aspectos del modelo económico y social fujimorista que no se han tocado y no se van a tocar. Las privatizaciones, las concesiones, la economía extractiva, las mafias de la economía y los medios de comunicación, los abundantes y bien pertrechados lobbys. A lo sumo, se discute si el gas, o la electricidad, debe ir al Chile de Piñera, o al Brasil de Lula, o a la Venezuela de Chávez. Mientras tanto, Pisco sigue en el suelo, y buena parte del Perú -no sólo Lima; no sólo la Costa- le da la espalda a los pueblos amazónicos.

I decreti legislativi di amnistia hanno posto un termine alla primavera della democrazia iniziata con la fine della dittatura di Alberto Fujimori [it]… Questi anni sono andati persi? Senza dubbio. Ma il tempo non è l'unica cosa che è andata persa: si è anche giocato con le speranze di molte persone nella possibilità di un reale avanzamento democratico, di uscire dal gioco di dare e ricevere per ottenere un piccolo progresso sul tema dei diritti, o dell'inclusione … Ci sono aspetti del modello economico e sociale di Fujimori che non sono stati toccati e non saranno toccati. La privatizzazione, le concessioni, l'economia estrattiva, la mafia nell'economia e nei media, le abbondanti e ben armate lobby. Nella migliore delle ipotesi, si discute se il gas o l'elettricità debbano andare al Cile di Piñera, al Brasile di Lula, o al Venezuela di Chávez. Nel frattempo, Pisco è ancora rasa al suolo e gran parte del Perù, non solo Lima, non solo sulla costa, gira le spalle ai popoli amazzonici.

I membri del gruppo Equipo Peruano de Antropología Forense –EPAF- (Team peruviano di Antropologia Forense), hanno pubblicato sul loro blog un modello di lettera da inviare alle autorità per richiedere l'abrogazione del decreto 1097. Il testo è in inglese e spagnolo. Su Facebook il gruppo NO al Decreto Legislativo 1097 conta attualmente 1.294 membri. Il profilo del gruppo dice: “Noi diciamo NO al decreto legislativo 1097, perché vogliamo che chi viola i diritti umani sia adeguatamente giudicato.”

Ma le polemiche sul decreto non finiscono qui. Il ministro della Giustizia, Víctor García Toma, ha dichiarato che si dimetterebbe “se fosse accertato che l'esecutivo ha inviato il decreto legislativo 1097 al Parlamento sulla base del parere del ministero della Difesa e non di tutto il Consiglio dei Ministri.” Successivamente, il presidente della Commissione Parlamentare di Giustizia, Rolando Sousa, ha insinuato il dubbio che “il ministro della Giustizia abbia firmato il decreto legislativo 1097 senza conoscere il contenuto della legge.” Infine, il ministro ha dichiarato che l'impasse era finito e ha aggiunto che il decreto “non permetterà limiti per i crimini contro l'umanità e i diritti umani”. Questa dichiarazione non è tuttavia sufficiente per cancellare l'impressione di informalità da parte dei politici e la sensazione che alcuni gruppi vogliano mettere le mani sulla promulgazione di alcune leggi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.