chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Spagna: “non un euro in più” per salvare Bankia

La rete spagnola in questi giorni è in fermento per l'annuncio [es, come gli altri link tranne dove diversamente indicato] da parte del governo di Madrid della decisione di iniettare denaro pubblico in Bankia, il quarto gruppo bancario più grande del Paese e uno dei più presenti nel mercato immobiliare. Dall'inizio della crisi, nel 2008, lo Stato centrale ha aiutato Bankia con 33.000 milioni di euro, ai quali si aggiungono l'attuale piano di salvataggio di circa 10.000 di euro.

La notizia è iniziata a circolare lo stesso giorno dell'annuncio delle dimissioni di Rodrigo Rato, ex ministro dell'economia del governo Aznar, nonchè ex presidente del FMI. Rato ricopriva l'incarico da due anni, dapprima presso la Caja Madrid per poi passare a Bankia, nata nel 2010 in seguito alla fusione di 10 casse di risparmio. Lo scorso anno i suoi compensi di dirigente sono ammontate a 2,34 milioni di euro, mentre ora che ha deciso di dimettersi riceverà un indennizzo pari a 1,2 milioni di euro. Come suo successore ha proposto José Ignacio Goirigolzarri il quale lascio il  BBVA (Banco Bilbao Vizcaya Argentaria) nel 2009 in cambio di una pensione a vita che supera i 3 milioni di euro lordi annuali.

“Bankia, i topi abbandonano la barca” si legge sul Blog Salmón in un articolo che ha presto invaso la Rete.

Rato no se marcha sin más. El botín en versión indemnización al que tiene derecho alcanza la escalofriante cifra de 1,2 millones de euros. Y perdonad mi inocencia pero esta es una de las cosas que no alcanzaré a entender jamás: llegas a una caja quebrada, haces una gestión pésima que la aboca a una situación aún peor, cuando todo se vuelve negro te marchas, le cuestas a los españoles prácticamente lo mismo que los recortes en Sanidad y Educación, y encima te llevas una indemnización millonaria en el bolsillo.

Il topo se ne va solo dopo aver preso qualcosa in cambio. Il bottino in versione indennizzo per colui che ne ha il diritto raggiunge l'incredibile cifra di 1,2 milioni di euro. E, perdonate la mia innocenza, ma questa è una delle cose non capirò mai: arrivi quando la banca è sul lastrico, la gestisci in modo pessimo e la porti ad un livello peggiore di quello di partenza e quando tutto si mette male, te ne vai e agli spagnoli gli costi tanto quanto i tagli alla Sanità e all'Istruzione e per finire ti porti via un indennizzo milionario.

La reazione dei cittadini è stata immediata. #NiUnEuroMas (#NonUnEuroInPiù) e #Bankia sono due degli hashtag che gli spagnoli hanno usato per dire la loro su Twitter. I motivi per l'indignazione generale sono molteplici. Bankia, come ha ricordato il sito web madrilonia.org con un titolo molto significativo “Quando i topi affondano Bankia è ora di dare l'assalto a Bankia” è la banca che detiene il maggior numero di ipoteche nella Comunità di Madrid ed è una delle maggiormente coinvolte nello sfratto di quelle famiglie che non hanno più soldi per pagare:

Caja Madrid y ahora Bankia han ido creciendo con nuestro dinero: nuestros ahorros, nuestras hipotecas, nuestras pocas acciones y ahora, directamente, con nuestras casas robadas en desahucios -Bankia es uno de los bancos con más desalojos- y con dinero público. Ya se han lanzado propuestas de nacionalización -ya que pagamos todo, pues, oiga, que los dividendos no se lo lleven otros.”

Prima Caja Madrid ed adesso Bankia sono cresciute grazie ai nostri soldi: i nostri risparmi, le nostre ipoteche, le nostre poche azioni ed ora con le nostre case rubate attraverso gli sfratti – Bankia è una delle banche che sta provvedendo a più sfratti - e il denaro pubblico. Sono state già avanzate proposte per la nazionalizzazione: tanto che paghiamo tutti,  che almeno i dividenti non li prendano altri!”

Molti sono stati i tweet di denuncia per il fatto che l'ammontare di denaro previsto per il salvataggio di Bankia supera la quota del bilancio pubblico destinato all'Istruzione e alla Sanità ed equivale ai tagli che hanno riguardato entrambi i settori.

Di seguito si possono leggere alcuni tweet che si sono succeduti in Rete a partire dallo scorso lunedì. Come spesso accade alla denuncia si affianca l'umorismo.

LoveWillTearUsAznar@lwtuaznar: ¿Y vender chandals para ayudar al rescate de Bankia? ¿Cómo lo veis? Son muy guapos http://pic.twitter.com/4b00MpRf

LoveWillTearUsAznar@lwtuaznar: Che ne dite di vendere tute da ginnastica per aiutare a salvare Bankia? Sono molto carini!

Dark Vader@pistatxin78: #Bankia, Porqué pides solo 10.000 milliones? Pide 14.000 y lo amueblas… http://pic.twitter.com/M5TinsNI

Dark Vader@pistatxin78: #BankiaPerchè chiedi solo 10.000 milioni? Chiedine 14.000 e la arredi…

Raul Gonzalez ‏ @Raulexio: #Bankia ¡¡¡¡¡ Manos arriba, esto es un atraco!!!!!

Raul Gonzalez ‏ @Raulexio: #BankiaMani in alto, questo è un attacco!!!

Jose Sanclemente@josesanclemente: ¿cuanto IVA hemos de pagar, cuantas recetas y camas de hospitales, cuantas aulas se han de cerrar…para darle 10.000 millones a Bankia?

Jose Sanclemente@josesanclementeQuanta IVA dobbiamo pagare,quante ricette e letti di ospedale, quante aule si dovranno chiudere…per dare 10.000 euro a Bankia?

Pilar Marroyo@pilar_marroyo: El gobierno rescata a Bankiay sus directivos millonarios, ¿qué dirán los que han visto hundirse sus negocios sin nadie que los ayudara?

Pilar Marroyo@pilar_marroyo:Il governo salva Bankia e i suoi dirigenti milionari, cosa ne diranno coloro che hanno visto affondare le loro attività senza ricevere alcun aiuto?

Joan Baldoví i Roda@joanbaldovi: Presupuesto educación + sanidad en 2012: 5.397 millones de euros. Rescatar Bankia: 7.000 millones de euros #hagamoscomoislandia

Joan Baldoví i Roda@joanbaldovi:Bilancio dell'Istruzione + Sanità nel 2012:5.397 milioni di euro. Salvataggio di Bankia: 7.000 milioni di euro.

Toret @Toret: #HagamoscomoIslandia. Ni un euro más para los bancos, juicio a los culpables de la crisis y una constitución escrita por los ciudadanos!

Toret @Toret: #HagamoscomoIslandia.Non un euro in più per le banche, i colpevoli della crisi in tribunale e una costituzione scritta dai cittadini!

Ángel @A_Cas: Si Bankia vale en bolsa unos 3.000 millones y se le inyectan 8.000 ¿no es de facto pública?

Ángel @A_Cas: Se Bankia in borsa vale circa 3.000 milioni e le danno 8.000, non diventa di fatto pubblica?

Jéssica Remón@jess_rr: Recortes en educación y sanidad: 10.000 millones de €; rescate a Bankia: 11465 millones de euros, pero ¿ésto que es?? #NiunEuroMas

Jéssica Remón@jess_rr: Tagli all'Istruzione e alla Sanità: 10.000 di euro, salvataggio di Bankia: 11465 milioni di euro, cosa???#NiunEuroMas

Mrs. ∞ ßϒξn @bren_oo7: #NiUnEuroMas Habrá que volver a guardar los millones bajo el colchón de la cama…están mas seguros que bajo 3 cajas fuertes en un banco.

Mrs. ∞ ßϒξn @bren_oo7: #NiUnEuroMas Si dovrà tornare ai tempi in cui si mettevano i soldi sotto il materasso…in quel modo sono più sicuri che in 3 casse forti in una banca.

Peich@_Peich: La inyección que necesita #Bankia es la letal.

Peich ‏ @_PeichL'iniezione di denaro di cui ha bisogno Bankia è letale.

Renta Básica@Renta_Basica: Si se repartiera el rescate de Bankia entre TODOS los desahuciados tocaría a + de 20.000€ por familia #ConElDineroDeBankia#NiUnEuroMas

Renta Básica ‏ @Renta_Basica: Se si dividesse l'ammontare di denaro pensato per il salvataggio tra tutti coloro che hanno subito uno sfratto..sarebbero più di 20.000 euro per ciascuna famiglia #ConElDineroDeBankia#NiUnEuroMas

Miquel Roig@miquelroig: Ejem… Según #BFA, #Bankia vale 24.000 millones. Según #Deloitte, vale 17.000 millones. Según el mercado: 4.300 millones

Miquel Roig@miquelroig: Ejem… Según #BFA, #Bankia vale 24.000 milioni. Secondo #Deloitte, vale 17.000 milioni. Secondo il mercato: 4.300 milioni

I numeri del caso li ha ben riassunti il giornalista Ignacio Escolar nel suo blog in un post dal titolo “Il buco di Bankia in cinque numeri facili da capire”

4.600 millones de euros. Es lo que vale Bankia, según su capitalización bursátil de ayer. Es decir: los mercados valoran a esta entidad financiera en un tercio de lo que el Estado tendrá que poner para reflotarla a ella y a su matriz, el BFA, que es una especie de banco malo donde el genio financiero de Rodrigo Rato –aconsejado por MAFO– dejó toda la basura del ladrillo para ver si así podía aguantar. En ese almacén nuclear se guardan 30.000 millones en activos tóxicos, un 3% del PIB nacional o todo el recorte del gasto público de este año. Dentro de esa cifra hay también 5.000 millones en suelo, un patrimonio que se ha devaluado aún más. Es obvio que el dinero público prestado difícilmente va a regresar.”

4600 milioni di euro. E’ quello che vale Bankia, secondo la sua valutazione in borsa. Vale a dire: i mercati valutano questo ente finanziario un terzo di quello che lo Stato dovrà sborsare per “rifocillare” lei e la sua matrice, la BFA che è una specie di banca cattiva dove il genio finanziario di Rodrigo Rato – su consiglio di MAFO – ha lasciato tutta la spazzatura per vedere fino a che punto si sarebbe retta in piedi. In questo magazzino nucleare si custodiscono 30.000 milioni di fondi tossici, circa il 3% del PIL nazionale o anche il totale dei tagli al bilancio pubblico di quest'anno. In questa cifra rientrano anche 5.000 milioni di euro in terre, un patrimonio che adesso si è svalutato ancor di più. E’ ovvio che il denaro pubblico prestato, difficilmente rientrerà nelle stesse casse.”

Il quotidiano conservatore catalano La Vanguardia ha lanciato un'indagine online chiedendo ai suoi lettori la loro opinione sull'iniezione di denaro pubblico per salvare Bankia. Su un totale di 3243 che hanno espresso la loro opinione, il 94% ha detto di non essere d'accordo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.