chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Libia: violento assedio alla città di Beni Ulid

A quasi un anno dalla morte di Mu'ammar Gheddafi, nel silenzio dei media internazionali sembra cedere la sua ultima roccaforte, la città di Beni Ulid, cuore della tribù dei Warfalla. Come fu per Sirte, è in corso da due settimane un violento assedio che alcune fonti definiscono un piccolo genocidio. L'operazione è guidata da milizie facenti capo al Cnt, con il coinvolgimento di forze islamiste di Bengasi e Misurata nemiche dei Warfalla. Al momento è impedita la circolazione di cibo e medicine mentre la città continua a subire i colpi dei mortai e dei missili e si denuncia l'uso di gas tossici; l'ospedale pare già al collasso per l'elevato numero di feriti tra cui diversi bambini. Su Twitter proseguono gli aggiornamenti con l'hashtag #BANIWALID, ma è indubbia la sostanziale indifferenza della comunità internazionale rispetto a questa sorta di operazione di “pulizia” che espone a grande sofferenza la popolazione civile.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.