chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

articoli mini-profilo di Algeria

Spegnere, ridurre e sopprimere il dissenso online: La nuova normalità dell'Africa, Parte 2

I blackout digitali e la repressione dei social media in Algeria, Etiopia, Guinea, Nigeria, Sudan e Tanzania sono indice di sistemi governativi profondamente problematici.

Spegnere, ridurre e sopprimere il dissenso online: La nuova normalità dell'Africa, Parte 1

I governi africani sfruttano gli esami scolastici e i momenti di tensione politica per causare blackout e ingabbiare i social media.

“L'arte africana ha nutrito tutte le civiltà”: conversazione con l'artista algerino Rachid Koraichi

"Dobbiamo davvero ringraziare questo magnifico continente che ci permette non solo di esistere ma anche d'impartire lezioni, anche se alcuni vogliono spingerci in un angolo".

In Algeria, la repressione online prende di mira i manifestanti Amazigh attivi nel movimento Hirak

In Algeria, il popolo Amazigh viene spesso associato alla Francia, ex potenza coloniale. Commenti razzisti online lo accusano di essere separatista minando "l'unità nazionale" .

La repressione del dissenso in Algeria continua con la detenzione di giornalisti

A più di un anno dall'inizio delle proteste nell'intero paese, il governo continua a ricorrere a tattiche repressive per far tacere critici e giornalisti.

La lotta al COVID-19 va di pari passo con la chiusura dei giornali in Medio Oriente

Per prevenire il diffondersi del COVID-19, Giordania, Marocco, Emirati Arabi, Yemen ed altri paesi del Medio Oriente hanno bandito la stampa di giornali.

L'Algeria interromperà l'accesso ad internet quando si avvicineranno le elezioni?

Con i protestanti che spingono i social media alla diffusione dell'informazione riguardo a cosa sta accadendo, le autorità algerine bloccano ripetutamente l'accesso ai social network...

Le proteste del movimento Hirak e le elezioni presidenziali hanno generato un'ondata di fake news in Algeria

Durante le elezioni presidenziali del 12 dicembre, i sostenitori filogovernativi si sono serviti dei social media per attaccare gli attivisti antigovernativi.

Mentre i manifestanti protestano per le elezioni presidenziali, il governo in Algeria intensifica la repressione

Il potere algerino cerca di impedire le marce pacifiche ma fallisce, i manifestanti sono determinati a far cadere un sistema che imperversa dall'Indipendenza del 1962.

Quando l'Algeria è in prima pagina, i media francesi e inglesi trattano le notizie diversamente

I media francesi e inglesi guardano alla crisi politica in Algeria in modi profondamente diversi.

Netizen Report: gli attivisti respingono i piani dell'UE di pre-censurare le violazioni del copyright e i contenuti “terroristici

Nel sommario di questa edizione: UE, Egitto, Algeria, Tagikistan, il conflitto indo-pakistano, Tanzania, Kenya ed Ecuador.

Algeria: blogger condannato a 10 anni di carcere, un altro colpo alla libertà di espressione nel paese

Prima del suo arresto, Touati scriveva articoli sugli scioperi contro l'austerity, sulle proteste dei lavoratori e le violazioni dei diritti umani perpetrate dalle autorità algerine.