chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Cina: le potenzialità dei social media per il cambiamento

Il noto scrittore e critico della censura governativa, Murong Xuecun [it], vede un grande potenziale nei social media sociali nella spinta verso una Cina più democratica. Il 28 novembre ha pubblicato quanto segue su Weibo [zh], il Twitter cinese:

Negli anni '80, a causa del potere limitato del governo, la Cina ha sperimentato una prosperità senza precedenti della cultura e della libertà di pensiero, ma un evento importante ha posto fine a tutto ciò. Oggi, nell'era dei blog, in pochi anni siamo diventati molto più aperti, superando di gran lunga gli anni '80. Non solo la gente parla dei concetti di democrazia e libertà, ma lavora anche in modo pragmatico, lotta per i propri diritti. Si può dire che, tra poco tempo, anche l'epoca dei microblog vivrà il suo momento clou, che sarà un test importante per la Cina.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.