chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Arabia Saudita: rivelato il motivo “scientifico” per cui le donne non devono guidare

"God did not say I can't drive," reads this sign posted on the We The Woman N7nu flickr account

“Dio non ha detto che non posso guidare” si legge su questo cartello pubblicato sul profilo Flickr di We The Woman N7nu

In Arabia Saudita alle donne non è permesso guidare. Mentre più di 11.000 donne sfidano questo divieto firmando una petizione [en], un grande saggio alla fine ha trovato una spiegazione scientifica al motivo per cui è meglio che le donne non guidino. In un'intervista al giornale saudita online Sabq [ar, come gli altri link salvo diversa indicazione], Sheikh Saleh al-Lehaydan, consulente legale e psicologo dell'Associazione Psicologi del Golfo, ha rivelato dati scientifici inediti sulla riproduzione:

وتابع: “إلى جانب أن المرأة إذا قادت السيارة لغير الضرورة – كما تقدم – قد يؤثر ذلك عكسياً على الناحية الفسيولوجية؛ فإن علم الطب الوظيفي الفسيولوجي قد درس هذه الناحية بأنه يؤثر تلقائياً على المبايض، ويؤثر على دفع الحوض إلى أعلى؛ لذلك نجد غالب اللاتي يقدن السيارات بشكل مستمر يأتي أطفالهن مصابين بنوع من الخلل الإكلينيكي المتفاوت لدرجات عدة”.

Ha aggiunto: “Inoltre, se la donna guida senza che ve ne sia una reale necessità, ciò potrebbe avere un impatto negativo sulla sua fisiologia; questo argomento è stato studiato dalla fisiologia funzionale ed è stato provato che vi è un impatto spontaneo sulle ovaie, il bacino viene spinto verso l'alto e, di conseguenza, le donne che guidano continuamente danno alla luce figli affetti da disfunzioni cliniche di diverso grado.”

La dichiarazione dell'esperto Sheikh Lehaydan giunge con un tempismo perfetto: le attiviste saudite stanno conducendo una campagna affinché il 26 ottobre [it] tutte le donne escano in strada e si mettano al volante. Il suo avvertimento, che sollecita le donne ad “aspettare e considerare gli effetti collaterali” di un'azione così dannosa, si aggiunge alle voci preoccupate di altri cittadini sauditi attenti alla questione:

Coloro che invocano la manifestazione delle [donne al volante] del 26 ottobre sono una tribù allattata al seno dell'Occidente, cresciuta e ingrassata bevendo quel latte. Ora sono seguaci dell'Occidente e stanno tentando di americanizzare la nostra società.

“La zampino dello straniero”, uno dei ritornelli preferiti del Medio Oriente quando si tratta di affrontare le violazioni istituzionalizzate dei diritti umani, non è l'unico responsabile che fomenta una pericolosa opposizione ad un divieto ormai di lunga data:

Dio è grande, i laici e gli sciiti lottano nella stessa trincea per garantire alla donne il diritto di guidare. Questa è la prova che dietro tale questione vi sono i piani e l'appoggio di altre nazioni.

Eman al-Nafjan ha diffuso su Twitter un'immagine dell'apocalisse che si avvicina:

Alcuni sauditi misogini hanno realizzato questo poster per mostrare come la concessione alle donne del diritto di guidare porterà al comunismo, alla droga, al liberalismo…

(Lo slogan dice: “Vogliono che la donna guidi per poterla guidare”)

L’innovativa rivelazione scientifica di Sheikh al-Lehaydan non poteva passare inosservata. Un hashtag di Twitter,#قيادة_المرأة_تؤثر_على_المبايض_والحوض, che significa “la guida delle donne si ripercuote sulle ovaie e sul bacino” ha innescato una serie di reazioni contro la spiegazione scientifica di al-Lehaydan::

Che mentalità che esiste ancora :/ L'uomo è andato nello spazio e voi ancora proibite alle donne di guidare. Idioti

Quando l'idiozia sposa il dogma nella cappella delle tradizioni medievali, questo è il loro figliol prodigo.

Di questi tempi capisco perché la gente si suicida.

Per favore non insultate la nostra intelligenza. Se non volete che guidiamo almeno trovate una scusa ragionevole.

Queste dichiarazioni non hanno scatenato forti critiche e sarcasmo solo tra le donne:

Dopo lunghi esperimenti clinici/psicologici, gli studiosi hanno scoperto perché le donne non sanno parcheggiare in parallelo… colpa delle ovaie.

Che significa questo? Ho consultato il mio medico e lei mi ha detto “Che ignoranza è mai questa? Queste parole non hanno niente a che fare con la medicina, in qualunque modo le interpreti”

I religiosi sauditi dicono solo delle immense cavolate.

Richard Dawkins, un rinomato scienziato e critico della religione, ha osservato:

Perché le donne non possono guidare? Perché questo comprometterebbe le ovaie e il bacino. Ah CAPISCO, non si tratta di religione ma di SCIENZA.

Al cui tweet @Seeektrooof ha risposto:

Ecco come ci sono arrivati.

[La vignetta recita:
Uomo 1: Pensiamo a un motivo per cui le donne non possano guidare.
Uomo 2: Con il velo sarebbe pericoloso.
Uomo 1: Non possiamo dire così, avrebbero un motivo per non portare il velo!
Uomo 2: E se dicessimo che guidare danneggia le ovaie e fa portorire bambini deformi?
Uomo 1: Abdul, sei un dannato genio.]

Sarcasmo a parte, sfidare il divieto di guidare in Arabia Saudita è una battaglia ormai di lunga data. La prima protesta, infatti, risale al novembre del 1990 [en] quando 47 donne si misero al volante per le strade della capitale, Riyad. Non furono solo arrestate, ma anche punite: venne proibito loro di viaggiare e furono sospese dal posto di lavoro. Il maggio del 2011 fu segnato da un momento cruciale per la protesta contro il divieto di guidare, quando l'attivista per i diritti delle donne Manal al-Sharif venne arrestata dopo aver caricato su YouTube un video in cui guidava. Rimase in prigione per più di una settimana, diventando così un'eroina sia per le donne saudite che mediorientali. Nel giugno del 2011 [en], in tutto il Regno, molte altre donne saudite seguirono l'esempio di Manal al-Sharif e presero parte alla campagna “Women2Drive” [en] sfidando il divieto e guidando per le strade.

Di fatto, il divieto di guidare per le donne non è contenuto in nessuna delle leggi ufficiali del Regno. Inoltre il capo della polizia religiosa dell'Arabia Saudita ha affermato [en] che “Non esiste nella Shari'a islamica un testo che proibisca alle donne di guidare” sottolineando che, da quando è stato nominato capo della Commissione per la Prevenzione del Vizio e la Promozione della Virtù, la polizia religiosa non ha né impedito né perseguito le donne che si sono messe al volante. Il divieto quindi, si basa interamente sui costumi conservatori del Paese.

La mobilitazione per sovvertire l'opprimente divieto è sempre più in aumento e le ardite azioni di disobbedienza civile si sono moltiplicate. Oltre alle posizioni [en] prese coraggiosamente dai media sauditi tradizionali, la campagna del 26 ottobre ha ricevuto un incredibile sostegno anche da parte di molte figure pubbliche di spicco del Paese. La famosa Madeha Al-Ajroush, che guidò sia nel 1990 che nel giugno del 2011, ha affermato:

Si, guiderò di nuovo il 26 ottobre.

Utilizzando l'hashtag di Twitter #أنا_رجل_مؤيد [Sono un sostenitore], anche gli uomini hanno iniziato a manifestare pubblicamente il loro sostegno alla causa:

Sono un sostenitore della manifestazione del 26 ottobre.

Sono un sostenitore della manifestazione del 26 ottobre

Il cartello mostrato dall'uomo recita:

Sono stanco di fare da autista alle mie sei sorelle.

Come ha detto Manal al-Sharif [en] quando ha ricevuto il premio per la “dissidenza creativa” al Forum di Oslo per la Libertà: “La pioggia inizia con una sola goccia.” Al momento sembra che i cieli dell'Arabia Saudita siano coperti di nuvole.

Leila Nachawati ha contribuito a questo articolo.

3 commenti

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.