chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Turchia: Erdogan giura di ‘spazzare via’ Twitter

Il governo turco ha bloccato Twitter, nonché il servizio di DNS pubblici di Google [en, come tutti i link seguenti], usato per aggirare il blocco. Sembra, tuttavia, che il piano del governo per censurare i dissidenti abbia sortito l'effetto contrario: i messaggi Twitter provenienti dalla Turchia sono in aumento.

Il blocco di Twitter, che sembrerebbe coinvolgere circa 10 milioni di utenti in Turchia, è stato messo in atto a seguito della pubblicazione di documenti che proverebbero episodi di corruzione nella cerchia del primo ministro Recep Tayyip Erdogan.

Secondo un reportage, Erdogan ha giurato di “spazzare via Twitter”, aggiungendo di non curarsi di ciò che dirà la comunità internazionale.

Juan Cole ha definito “goffo” questo tentativo di Erdogan di bloccare il servizio di micro-blogging:

Il goffo tentativo di Erdogan di censurare internet è stato immediatamente colpito e affondato. I giovani turchi sono esperti nell'uso di Tor e dei VPN, e la twittersfera turca si è ricostituita così in fretta da far girare la testa ad Erdogan.

L'utente Erik Meyersson aggiunge:

Gli utenti turchi di Twitter hanno scoperto il progetto Tor un anno fa, non c'è da stupirsi che la gente stia usando Twitter nonostante esso sia bloccato in Turchia.

La ricercatrice turca Zeynep Tufekci esulta per la vittoria degli utenti turchi di Twitter contro la censura:

:-) “nonostante”=”a causa di” RT @mashable Wow: 1.2 milioni di messaggi via Twitter in Turchia, nonostante il blocco.

Ma aggiunge:

Un blocco dei DNS, seguito da un blocco irregolare degli indirizzi IP, e poi chissà che altro. La Turchia è sulla strada dell'alfabetismo informatico. Prossimamente, le nonne useranno Tor.

Dalla Turchia, l'utente Engin Onder racconta come gli utenti locali di Twitter spargono la voce su come aggirare il blocco:

Twitter bloccato in Turchia stanotte. Per le strade la gente scrive i numeri DNS di Google sui manifesti del partito di governo.

1 commento

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.