chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Singapore: censurato in biblioteca ‘Tango il pinguino e i suoi due amorevoli papà’

Dura  la reazione di molti singaporiani di fronte alla censura di tre libri per bambini. Per protestare si sono riuniti davanti al Comitato della Biblioteca Nazionale, dove era possibile leggere i libri censurati, tra cui il 'libro del pinguino gay'

Dura la reazione di molti singaporiani di fronte alla censura di tre libri per bambini. Per protestare si sono riuniti davanti al Comitato della Biblioteca Nazionale, dove era possibile leggere i libri censurati, tra cui il ‘libro del pinguino gay’. Foto di Olivia Tan dalla pagina di Facebook dell'evento ‘Lets read Together’

Il Comitato della Biblioteca Nazionale di Singapore (NLB) ha censurato [en, come i link seguenti salvo diversa indicazione] e distrutto copie dei tre libri per bambini che trattano di coppie omosessuali e adozione, dopo esser stati denunciati in quanto i libri non sono ‘a favore delle famiglia’.

Il Comitato ha rimosso i libri ‘And Tango Makes Three’ [it], ‘Who's In Your Family’, e ‘The White Swan Express’. Il libro ‘And Tango Makes Three’ si basa sulla storia vera di due pinguini di sesso maschile che crescono un piccolo pinguino come se fosse figlio loro presso lo Zoo di Central Park di New York.

Teo Kai Loon, un membro del gruppo Facebook ‘We Are Against Pink Dot Singapore’, ha scritto un messaggio al Comitato sostenendo il fatto che sia inappropriato includere i tre libri nella sezione dedicata ai bambini. Pink Dot è una manifestazione che si svolge ogni anno a Singapore e che promuove la diversità, la tolleranza, e l'accettazione della comunità LGBT.

Tay Ai Cheng, vice direttore e capo bibliotecario dell’ NLB, ha prontamente risposto ordinando il ritiro dei libri dalla biblioteca. Ha inoltre garantito al querelante che “l’ NLB ha assunto una forte posizione a favore della famiglia nella selezione dei libri.”

La decisione ha suscitato accese reazioni da parte del pubblico di lettori, in particolar modo dalle madri e dai docenti. La docente Rachel Zeng ha esortato la NLB a resistere alla minaccia della minoranza conservatrice:

[…] come centro di ricerca della conoscenza, il Comitato della Biblioteca Nazionale (NLB) dovrebbe mantenere una collezione diversificata dei materiali da leggere nelle proprie biblioteche, in grado di soddisfare le esigenze educative di qualsiasi fascia d'età, dai 18 mesi ai 60 anni in poi. Non dovrebbe limitare la disponibilità di conoscenza, assecondando i principi di una minoranza conservatrice.

Alcuni netizen si sono chiesti come un gruppo di Facebook possa imporre all’ NLB l'ordine di rimuovere i libri. Helen Scida si è domandata:

[…] se in primo luogo questi libri superano i test iniziali di selezione dell'organizzazione della biblioteca, come mai proprio un gruppo di Facebook, tra tutti, ha abbastanza influenza da richiederne la loro rimozione?

Il Dr. Justin Richardson, uno degli autori di ‘And Tango Makes Three’, in un'intervista al The Online Citizen ha dichiarato che l'azione dell’ NBL ha trasmesso un “messaggio agghiacciante riguardo all'atteggiamento del governo in merito alla libertà di espressione in generale e alle persone gay e lesbiche in particolare.”

Molti autori singaporiani hanno ribadito un messaggio simile e alcuni di loro hanno già boicottato gli eventi promossi dal Comitato. Domenica 10 luglio, più di 400 persone si sono radunate davanti al NLB per partecipare ad un evento di lettura pubblica per protestare E hanno anche distribuito delle copie dei libri censurati.

Una delle madri, Jashuat, ritiene che il NLB abbia agito contro il suo dichiarato obiettivo di promuovere l'apprendimento:

La censura dell’ NLB e la conseguente difesa della propria azione rivela una definizione molto ristretta della famiglia. A sua volta, questa censura si oppone alla promozione dell'apprendimento, uno degli obiettivi dell’ NLB. I gay non fanno parte di una famiglia o non sono il figlio, fratello o amico di qualcuno? Censurando il libro, l’ NLB si è dimostrato sciocco e si è piegato alla pressione delle convinzioni personali e un sistema di valori di un piccolo gruppo dei singaporiani. Difendendo con ostinazione la propria posizione, l’ NLB ne sta confermando l'approvazione e sta avvallando quel punto di vista strettamente definito di famiglia.

Ng Yi-Sheng, Lim Jialiang, e Liyan Chen hanno redatto una lettera aperta che accusa l’ NLB di essere irresponsabile e ingiusto.
I genitori che non vogliono che i loro bambini leggano questi libri possono sempre scegliere di non prenderli in prestito, hanno dichiarato.

L'evento 'Let's read Together' ha riunito 400 persone davanti al Comitato della Biblioteca Nazionale. Immagine estratta dalla pagina dell'evento su Facebook.

L'evento ‘Let's read Together’ ha radunato 400 persone davanti al Comitato della Biblioteca Nazionale. Immagine dalla pagina dell'evento su Facebook

Intanto un altro genitore e blogger, The Wacky Duo, ha compreso le ragioni della biblioteca ma ha disapprovato la decisione di distruggere i libri:

Censurarlo per proteggere i più piccoli è un conto, distruggere i libri somiglia molto alla caccia alle streghe, in cui gli innocenti periscono insieme ai colpevoli. …Una semplice alternativa sarebbe quella di spostarlo nella sezione adulti, in una fascia d'età consigliata, in cui si sarebbe in grado di esprimere un proprio giudizio in merito al contenuto dei libri.

Yaacob Ibrahim, Ministro per le Comunicazioni e l'Informazione di Singapore, ha difeso l’ NLB. “Le biblioteche pubbliche sono al servizio della comunità ed è giusto che prendano in considerazione le norme comunitarie”, ha affermato. “Le norme vigenti, che la stragrande maggioranza dei singaporeani accetta, sostengono l'insegnamento ai bambini delle famiglie tradizionali, ma non di quelle alternative, le famiglie non tradizionali, cioè l'oggetto dei libri in questione.

La questione ha posto in evidenza il continuo scontro tra le forze conservatrici e una comunità emergente che accetta la comunità gay e difende i diritti della comunità LGBT. 

1 commento

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.