chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Asia sud-orientale: politici che guardano porno, giocano e dormono sul lavoro

Avere politici che guardano film porno, dormono o giocano al cellulare — in parlamento, a lavoro, quando le sessioni sono in corso — è una cosa normale in Asia sud-orientale. Negli ultimi anni, molti legislatori di questa regione sono stati colti sul fatto.

Il mese scorso, per esempio, alcuni membri dell'Assemblea Nazionale del Vietnam sono stati filmati mentre dormivano, durante la sessione dell'assemblea legislativa. Milioni di telespettatori hanno acceso la TV per godersi il triste “spettacolo dormiente”. [en, come tutti i link seguenti]

L'eccitazione che procura una sessione dell'Assemblea Nazionale del Vietnam è davvero troppa

Volendo restare svegli per non subire la stessa onta dei colleghi vietnamiti addormentati, i politici in Thailandia hanno scelto di intrattenersi con la pornografia durante i lunghi dibattiti in Parlamento. Un senatore e due membri del parlamento sono stati pizzicati mentre guardavano contenuti pornografici sui loro smartphone per ben tre volte.

Democrat Party MP Nat Bantadtan from Thailand admitted that he accidentally clicked a pornographic picture during a Parliament debate in April 2012. Photo widely shared on Facebook

Il deputato del Partito Democratico thailandese Nat Bantadtan ha ammesso di aver accidentalmente cliccato su un'immagine pornografica durante un dibattito parlamentare ad aprile 2012. Foto ampiamente condivisa su Facebook.

Diversi tra i principali giornali thailandesi hanno hanno condannato e psicanalizzato gli uomini beccati a guardare porno sui loro iPhone.

Una delle critiche più frequenti sottolinea che è decisamente ipocrita per degli uomini di legge — che spesso si pongono come modelli di morale pubblica — guardare siti porno durante il lavoro. Per esempio, nel 2011 in Indonesia, un membro del Partito Islamico della Giustizia e della Prosperità, un convinto avversario della pornografia, è stato filmato mentre guardava contenuti a luci rosse sul suo tablet, fatto che gli ha costato le dimmissioni. (Subito dopo, ha giurato che sarebbe cambiato e che avrebbe studiato il Corano).

An Indonesian legislator caught watching porn in Congress. Photo widely shared on social media

Un politico indonesiano beccato a guardare porno in Parlamento. Foto molto diffusa sui social media.

Meno scandaloso ma di sicuro è ugualmente non professionale che alcuni politici del sud-est asiatico siano stati visti giocare con i loro dispositivi mobili.

Il senatore filippino novantenne Juan Ponce Enrile sostiene che giocare a Bejeweled lo aiuti a stare sveglio e a migliorare la memoria. Nel 2013, Enrile fu clamorosamente scoperto a giocare al videogioco, mentre un altro senatore lo denunciava in un discorso molto acceso.

SOTTOTITOLO | JPE gioca a Bejeweled mentre Miriam lo chiama assassino, predatore & donnaiolo

Enrile sta giocando a Bejeweled mentre parla Miriam?

Anche numerosi membri del Congresso delle Filippine sono stati scoperti mentre usavano i loro cellulari durante un altro importante momento, ovvero quando il Capo di Stato stavano facendo il discorso alla Nazione quest'anno.

Nell'epoca odierna della sorveglianza  e dei social media, dove tutti posseggono una fotocamera e un accesso ai mass media direttamente in tasca, i politici dovrebbero imparare ad auto-controllarsi, se vogliono dare un taglio a questi scandali.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.