chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Hong Kong: manifestanti pro-democratici manganellati dalla polizia fuori controllo

Violent clashes between police and protesters who attempted to occupy Lung Wo Road on November 30 and December 1. Photo from inmediahk.net

Violenti scontri tra la polizia e i manifestanti che hanno tentato di occupare Lung Wo Road il 30 novembre e il primo dicembre. Foto tratta da inmediahk.net

L'autore di questo post è un editor volontario per il sito di informazione inmediahk.net, che è citato in questo post.

Un tentativo di occupare le strade intorno alla sede centrale del governo di Hong Kong da parte di alcuni studenti che manifestavano ha portato ad una serie di violenti scontri con la polizia il 30 novembre.

Mentre le proteste pro-democratiche nei tre maggiori distretti commerciali e finanziari della città sono entrate nel loro terzo mese di attività, il governo di Hong Kong continua ad ignorare la richiesta dei manifestanti di organizzare libere ed eque elezioni. Al contrario, si è recentemente impegnato in un lavoro dietro le quinte con i gruppi pro-Pechino nel fare pressioni sulla questione dell'ordine di ingiunzione, per legittimare le azioni della polizia volte allo smantellamento i siti delle manifestazioni.

In risposta alIo sgombro del sito di Mong Kok della scorsa settimana, due gruppi studenteschi di attivisti, la Hong Kong Students Federation e la Hong Kong Federation of Students and Scholarism hanno chiamato i manifestanti ad occupare le strade principali circostanti la sede centrale del governo, area scoperta dall'ingiunzione della corte.

Una serie di scontri violenti hanno avuto luogo in tarda notte quando i manifestanti hanno tentato di sfondare il cordone della polizia. I manifestanti sono riusciti ad occupare Lung Wo Road per alcune ore, ma la polizia ha respinto la folla il mattino seguente con spray al peperoncino, gas lacrimogeno e manganelli.

Gli attivisti dei gruppi studenteschi hanno ammesso [zh, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] il loro fallimento e si sono scusati con i loro sostenitori dicendo di non aver previsto l'aggressione “fuori controllo” della polizia. Dall'altro lato, il governo ha descritto i manifestanti come “rivoltosi” che hanno deviato il principio di “protesta non-violenta”.

Jon Hon displaced the bruise on his thigh. He was hit by police when he lied motionless on the ground.

John Hon mostra il segno riportato sulla coscia. Ha dichiarato di essere stato picchiato dalla polizia mentre giaceva immobile a terra.

Nel frattempo, un grande numero di racconti di testimoni è comparso sui social media. John Ho, il quale dichiara di essere stato picchiato dalla polizia, ha descritto le azioni della polizia e a mostrato i segni riportati sulla piattaforma di citizen media inmediahk.net:

凌晨二時,站在龍和道最前線第三第四排的位置,我帶上頭盔和眼罩戒備,突然群眾叫囂,我沒有任何心理準備之下就衝了。
想著前面有很多人,自己應該非常安全,但未幾,前面的人一個又一個被拉走了,只剩下一層保護在前面,再過就是深藍衫最副裝備的特警,然後我就在這個時候被推跌了。
雙眼和面全中胡椒,眼鏡爛了,跌在示威者當中,隨即被踩了幾腳,腦裡一片空白 […]這個時候一個警察大大力捉住我,然後幾個警察對我踩了十幾腳,我想,死硬了,我要被拘捕了,情急之下,裝死躺在路上,警察見我沒有任何攻擊力,就專心對付其他人。
我躺在警察陣營的地上裝作昏迷,然後可怕的事就發生了,一個警察對著我動彈不得的身體揮打警棍,這是暴力,這是泄憤的行為,對一個躺在地上的傷者揮棍在任何情況之下都是絕對的錯,我很憤怒,此時,另一個警察過來制止:「喂唔好毆佢啦。」我才幸運逃過一劫。

Alle 2 del mattino del primo dicembre, ero in piedi nella terza o quarta fila tra i manifestanti su Lung Wo Road. Ero equipaggiato con un casco e degli occhiali protettivi. Immediatamente, ho sentito la gente gridare e senza starci a pensar sù, ho spinto in avanti.

Pensavo di essere al sicuro dato che c'erano molte persone davanti a me. Ma sono stati tutti spinti via velocemente dalla polizia e allora sono finito in seconda fila, di fronte ai corpi speciali della polizia. Poi sono stato spinto e sono finito a terra.

I miei occhi e la mia faccia erano ricoperti di spray al peperoncino. Gli occhiali erano rotti. Sono caduto al lato del gruppo di manifestanti e alcuni mi hanno camminato sopra. La mente mi si è svuotata […] venivo trascinato da un agente di polizia e altri hanno iniziato a prendermi a calci. Ho pensato, oh diavolo, mi arresteranno. Sono rimasto a terra immobile fingendo di aver perso conoscenza. Allora la polizia ha rivolto la sua attenzione sugli altri.

Mentre ancora fingevo di essere privo di coscenza, è successo qualcosa di orribile. Un agente di polizia mi ha attaccato benché immobile con un manganello. Era pura violenza fuori controllo. In qualsiasi circostanza, attaccare una persona indifesa che giace a terra è assolutamente sbagliato. Ero molto arrabbiato. Poi un altro poliziotto è venuto a fermarlo, “Hey, smetti di colpirlo”. Sono stato fortunato ad evitare ulteriori torture.

Hong Li Fong, autore di inmediahk.net, è persuaso che la violenza “fuori controllo” della polizia sia il risultato dell'”Effetto Lucifero” [en]:

不只一次,我看見警察在清場後面露得意,彷似完成了甚麼偉大的事;我看見警察在揮棍打人噴胡椒噴霧時毫不猶豫,彷彿示威者犯下了不可原諒的彌天大罪。我很想相信還有好警察,但我未曾看過有一個警察面露愧色或無奈[…] 有人說,這是路西法效應,我也相信。現在我們已是完全邪惡,而他們完全正義,我們是切切實實的暴徒,即使我們只是靜坐。

Ho visto gli agenti di polizia veramente soddisfatti di loro stessi dopo aver sgomberato i manifestanti, come se avessero fatto qualcosa di grandioso. Ho visto che non hanno esitato a colpire la gente con i manganelli e con lo spray al peperoncino, come se i manifestanti avessero commesso crimini serissimi e imperdonabili. Credo che ci siano ancora dei poliziotti buoni. Ma non ho mai incontrato nessun poliziotto che mostrasse rammarico nei suoi occhi. Alcuni dicono che è l'Effetto Lucifero, e lo credo anch'io. [Agli occhi della polizia] noi siamo i cattivi e loro rappresentano la giustizia, noi siamo i rivoltosi, anche se stavamo solo tenendo un sit-in pacifico.

Anche Gordon Mathews, antropologo professore alla Chinese University of Hong Kong, ha protestato con i suoi studenti quella notte. Su Facebook, ha criticato la classe politica per aver fallito nell'indirizzare le aspirazioni dei giovani:

I notiziari di stasera sono pieni di dichiarazioni della polizia e di personaggi del governo di Hong Kong secondo cui i manifestanti sarebbero diventati violenti. Forse ce n'erano alcuni — ma per la stragrande maggioranza gli atti violenti sono stati commessi dalla polizia che colpiva gli studenti utilizzando i manganelli con grande forza. Ora, i manifestanti stavano agendo in maniera illegale — stavano occupando le strade intorno al Complesso Governativo Centrale, in un allargamento della loro zona di protesta precedente. Un po’ di forza era probabilmente necessaria per liberare le strade. Ma molti agenti erano davvero fuori controllo, come attestano dozzine di video in TV e su Youtube. Questo non è paragonabile con la brutalità della polizia negli Stati Uniti: non abbiamo avuto spari e prego che si continui così. Hong Kong ha ancora comportamenti più civili che ogni altro posto nel mondo, ma la polizia si è politicizzata, in larga misura perché i leader politici di Hong Kong si nascondono, e una generazione di giovani hongkonghesi ha iniziato a riconoscere la polizia come un nemico.

Il movimento Occupy Central finirà molto presto, anche se molte più dimostrazioni avranno luogo nei prossimi mesi ed anni. L'eredità del lungo termine sarà un vasto divario generazionale. Nei campus universitari di Hong Kong, la stragrande maggioranza degli studenti appoggia Occupy Central e la sua disobbedienza civile, si pensa che il governo hongkonghese sia gestito da incompetenti che non hanno idea circa il modo in cui vivono le persone comuni e che vedono la Cina continentale come una dittatura straniera piuttosto che come la madrepatria. Ciò è totalmente diverso da quanto gli opinionisti di Hong Kong e Pechino avevano immaginato vent'anni fa, e neppure interamente immaginabile venti mesi fa. Una generazione si è radicalizzata. Questa stessa generazione si occuperà di gestire una Hong Kong più democratica e più aperta in futuro? Sono così fiero degli studenti di Hong Kong, così pieno di un po’ di speranza e di un sacco di paura riguardo il futuro della mia città.

Segui la nostra serie di approfondimento: La Rivoluzione degli Ombrelli di Hong Kong [en]

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.