chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Le donne alla frontiera marocchina che si caricano il doppio del loro peso per “un pezzo di pane”

Moroccan women wait at a border crossing with loads of 100-200 pounds of commercial goods on their backs. Credit: Maggy Donaldson. Published with PRI's permission

Donne morocchine aspettano alla frontiera portando sulle spalle pacchi da 50-100 chili di prodotti commerciali. concessione di: Maggy Donaldson. Foto autorizzata da PRI

Questo articolo e il servizio radiofonico di Maggy Donaldson e Thalia Beaty per The World, è apparso originariamente su PRI.org il 14 maggio 2015, viene ripubblicato come parte di un accordo per la condivisione di contenuti.

L’enclave nord africana di Ceuta è un pezzettino di Unione Europea a solo un’ora di navigazione dal continente europeo. Questa terra al confine con il Marocco rappresenta la porta d’ingresso di un vivace commercio. I beni commerciali destinati al porto spagnolo vengono venduti ai suk marocchini, a pochi metri dalla recinzione che li divide.

È proprio su questa frontiera che le donne marocchine si mettono in fila durante le ore notturne nella speranza di guadagnare 5 dollari al giorno, caricando sulle spalle enormi e pesantissimi pacchi pieni di prodotti.

Queste donne — conosciute in spagnolo come porteadoras o in francese come femme mulets, le “donne mulo” — non pagano nessun dazio doganale o altro genere di tassa alla frontiera. Grazie ad una scappatoia legale tollerata dai governi spagnolo e marocchino, i beni trasportati dalle donne (che possono includere di tutto, dalla Red Bull ai pannolini economici) sono considerati come “bagagli personali” e sono quindi esenti da imposte.

Women wait in hopes of getting a package to carry across the border. Spanish guards keep them in a strict line. Credit: Maggy Donaldson. Published with PRI's permission

Donne che aspettano sperando di ottenere un pacco da poter portare oltre la frontiera. Le guardie spagnole gli fanno rispettare la fila. Credit: Maggy Donaldson. Pubblicata col permesso di PRI

I profitti da entrambi i fronti sono alti. La Camera di Commercio Americana in Marocco stima che questo commercio rappresenti un terzo [en] dell’attività commerciale delle enclavi spagnole di Ceuta e Melilla. Questa attività fornisce supporto economico anche a decine di migliaia di marocchini nelle zone circostanti.

Men who work in the Spanish warehouses strap a bundle onto the back of a porteadora, so she can carry it to markets in Morocco. Credit: Maggy Donaldson. Published with PRI's permission.

Uomini che lavorano nei magazzini spagnoli legano un fagotto sulle spalle di una porteadora, in questo modo potrà portarlo nei mercati in Marocco. Credit: Maggy Donaldson. Pubblicata col permesso di PRI

Aicha Al Azzouzi viene a lavorare saltuariamente alla frontiera da 20 anni. Insieme ad altre centinaia di donne marocchine, Aicha attraversa la frontiera per arrivare alla città spagnola il più presto possibile per assicurarsi un posto in fila. Molte donne arrivano addirittura la notte prima e dormono per strada su pezzi di cartone davanti ai magazzini. Al Azzouzi dice che sempre più donne vengono a lavorare alla frontiera, intensificando la concorrenza tra di loro.

Ceuta is one of two Spanish enclaves on the African continent that share land borders with Morocco. Credit: Maggy Donaldson. Published with PRI's permission

Ceuta è una delle due enclavi spagnole sul continente africano che condivide il territorio di frontiera con il Marocco. Crediti: Maggy Donaldson. Pubblicata col permesso di PRI

I guardiani della frontiera spagnola sorvegliano il lavoro delle donne. Entrambe le parti condividono almeno un’unica preoccupazione: tenere una fila ordinata. Quando la confusione irrompe tra le donne, le guardie intervengono. Molte donne, inclusa Al Azzouzi, indicano parti dei loro corpi dove sono state colpite dalle guardie.

“È umiliante; sono trattate come muli”, dice Mohamad Chtatou, il quale conduce ricerche sulle donne e sullo sviluppo economico a Rabat. “Non sono umani. Vengono usate per i loro muscoli”.

Le donne che riescono ad arrivare in cima alla coda si legano alle spalle enormi fagotti avvolti nella plastica, che possono pesare tra i 50 e i 100 chili. Piegate in avanti fino alla vita, zoppicano passando per una stretta rete metallica, spesso portando a mano ulteriori pacchi. Devono camminare per 800 metri per poter attraversare la frontiera che le porterà nella parte marocchina.

Women wait with their loads to cross the border. Credit: Maggy Donaldson. Published with PRI's permission

Donne aspettano con i loro carichi per attraversare la frontiera. Credit: Maggy Donaldson. Pubblicata col permesso di PRI

A un certo punto, le guardie di frontiera spagnole chiudono i cancelli nel primo pomeriggio, a loro discrezione. Molte donne ripartono senza aver guadagnato un centesimo o come dice Al Azzouzi, “un pezzo di pane”.

Nei giorni in cui Al Azzouzi arriva a casa a mani vuote, bacia le pareti dell’appartamento che possiede. Vive con i suoi quattro figli, due di loro vanno ancora alla scuola elementare, nella città costiera di Mdiq, a mezz’ora di strada dalla frontiera, condividendo un taxi.

Aicha Al Azzouzi with her four children in their home in northern Morocco. Credit: Maggy Donaldson. Published with PRI's permission

Aicha Al Azzouzi con i suoi quattro figli nella casa nel Marocco settentrionale. Credit: Maggy Donaldson. Pubblicata col permesso di PRI

I due figli più piccoli devono studiare a casa della zia perché Al Azzouzi non può pagare le bollette. Non hanno acqua ed elettricità da quattro mesi.

Al Azzouzi ha pensato di dormire davanti al cancello per assicurarsi del lavoro ma il figlio più piccolo, Ilias, la supplica di non andare.

“A volte torno e piangendo gli dico, ‘Domani dormirò a Ceuta’”, dice. Ma non l’ha mai fatto, in parte per Ilas. “Mio figlio piange e dice, ‘No mamma, rimani con me.’”

Al Azzouzi hopes her daughter Salma can avoid ever working at the Spanish-Moroccan border. Credit: Maggy Donaldson. Published with PRI's permission

Al Azzouzi spera che la figlia Salma non andrà mai a lavorare alla frontiera Spagna-Marocco. Credit: Maggy Donaldson. Pubblicata col permesso di PRI

La figlia più grande di Al Azzouzi, Salma, di 21 anni, dice che anche lei sta cercando lavoro. È stata brava a scuola ma non può permettersi di finire l’università.

Un istituto tecnico superiore nelle vicinanze le ha permesso di iscriversi, per un prezzo simbolico, ad un corso per macchine operatrici come i carrelli elevatori a forca. Ha fatto domanda d’impiego per delle posizioni lavorative al vicino porto del Marocco, dove tali competenze sono richieste, ma le hanno detto che non assumono donne.

Salma è stata a Ceuta solo una volta, per vedere dove lavora sua madre. È determinata a non tornarci.

Tuttavia, il giorno dopo, Al Azzouzi tornerà alla frontiera, come ha sempre fatto per quasi metà della sua vita. Deve andare, per poter guadagnare un boccone di pane dice.

La pubblicazione di questo articolo è stata in parte finanziata da una borsa di studio offerta dal programma di studi globali e congiunti dell’Istituto di Giornalismo Arthur L. Carter dell’Università di New York.

2 commenti

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.