chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Porto Rico intrappolato nella rete del colonialismo e degli uragani

Puerto Rican Graffiti. Photo by Flickr user Juan Cristóbal Zulueta. Used under Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0) license.

Graffiti di Porto Rico. Foto dell’utente Flickr Juan Cristóbal Zulueta. Usata con Licenza Creative Commons Attribuzione 2.0 Generica (CC BY 2.0).

Sei venuto a Porto Rico per la sabbia dorata e il sole — ricorderai che l'oro è stata l'attrazione principale dei nostri colonizzatori. Per i fiumi di piña colada e i misteri intrisi di rum. Per l'atmosfera coloniale e lo stile di vita pittoresco e umile. La povertà sembra così affascinante ai Caraibi, con quei colori brillanti, le acque cristalline e il verde lussureggiante che fa da sfondo — e comunque, è solo per una settimana. Secondo i tuoi amici è il posto migliore per trascorrere le vacanze primaverili; i giornali lo definiscono un Paese disastrato colmo di debiti; i tuoi genitori dicono che è pericoloso e che l'acqua non è potabile; e i cataloghi dicono che è un paradiso (fiscale), un vero paradiso. Ed eccoti qui, con il tuo costume e il pareo, il mojito in mano, pronto per l'obiettivo della settimana: abbronzarti. 

Ma, a quanto pare, il sole non è fissato al cielo, e non funziona con un milione di lampadine da 100 watt che non si consumano mai. La marea si alza e le onde diventano feroci. Le noci di cocco, le palme e i rami sono potenziali proiettili. E sta arrivando un uragano, dritto come un treno in corsa verso la tua fantasia libera da preoccupazioni.

Allora provi a prendere un volo per fuggire da questo paradiso diventato inferno, perché un uragano non era di certo tra i tuoi piani. Invece, la JetBlue ti porta a San Juan in un rifugio, [es, come i link successivi] un posto caldo e umido, dove la tua sedia a sdraio è stato rimpiazzata da una brandina; la tua piña colada da una bottiglietta d'acqua; il tuo sogno, dalla nostra realtà.

A casa mia, la corrente è saltata proprio mentre immaginavo questo scenario, realmente accaduto il giorno precedente, prima dell'arrivo dell'uragano Irma. Il giorno dopo il passaggio di Irma, più di un milione di famiglie sono rimaste senza elettricità. L'Ente per l'energia elettrica (AEE) aveva previsto un blackout per quattro mesi, e quasi 80.000 abitazioni sono rimaste persino senza il sistema idrico. Più di 6.200 persone si sono rifugiate nella parte nord est dell'isola, e l'industria agraria di Porto Rico ha subito una perdita di 30,4 milioni di dollari. L'Ente Federale per la Gestione delle Emergenze (FEMA) e il Governatore Ricardo Rosselló stavano ancora valutando i danni infrastrutturali e residenziali. E ora arriva verso di noi una nuova tempesta: María.

Porto Rico non è estraneo alle crisi. Prima della strage di Irma lungo tutto l'arcipelago, il Paese era già nel bel mezzo di una delle crisi finanziarie e socio-politiche più sconvolgenti della sua storia recente, con un debito non certificato di 74 miliardi di dollari che pesa sulle sue spalle, 49 miliardi di dollari in obblighi pensionistici, e numerosi decenni di emissioni di titoli illegali e commerci legati al suo stato ben noto di paradiso fiscale. Politiche neoliberali, come i tagli drastici al budget e le misure di austerità estreme hanno già reso la vita a Porto Rico abbastanza precaria. E tutto ciò è stato monitorato e gestito contemporaneamente dal Governatore Rosselló, da una Commissione di controllo fiscale non eletta e antidemocratica, e dal giudice Laura Taylor Swain. Ognuno di loro procedeva senza convinzione nei processi di gestione fiscale del Paese e di risanamento del debito.

Ma anche se l'uragano Irma l'ha colpito in pieno, per molte persone fuori dal Paese, Porto Rico è solo una comparsa per qualche secondo nelle notizie della CNN. Un'isola incantata appartenente agli Stati Uniti su un catalogo vacanze, quel posto esotico dove è stato girato il video di “Despacito” (reso migliore da Justin Bieber), un sassolino che affonda tra l'oceano e il mare che ha visto così tante cose.

Ma l'arrivo di Irma e le sue conseguenze hanno riportato alla luce la questione primordiale di Porto Rico: il colonialismo.

Porto Rico è stata una colonia degli Stati Uniti (loro preferiscono una definizione eufemistica, come “confederazione”, “territorio non incorporato” e “stato associato libero”) per 199 anni, una relazione che ha portato il Paese ad essere intrappolato in una profonda spirale distruttiva. L'attuale crisi fiscale e socio politica è solo una delle conseguenze derivanti da questo rapporto.

Il passaggio dell'uragano Irma ha evidenziato i danni causati dalle misure di austerità neoliberali imposte dalla Commissione di controllo fiscale e i crimini commessi dalle società che approfittano dello stato coloniale di Porto Rico. Innanzitutto, come risultato della chiusura di massa delle scuole pubbliche, solo 329 scuole [en] in tutta l'isola hanno potuto essere usate come rifugio, in confronto alle 372 disponibili durante l'uragano Bertha del 2014.

Anche le infrastrutture di Porto Rico sono in uno stato avanzato di deterioramento, incluse le strade, i ponti, l'Università di Porto Rico e gli edifici di servizi pubblici, tutti questi hanno subito danni critici durante il passaggio di Irma. Una buona parte delle “infrastrutture essenziali” [en] del Paese è situata nella costa, resa vulnerabile ad inondazioni, alte maree e tempeste, soprattutto durante uragani dell'intensità di Irma e María.

È degno di nota il fatto che molte infrastrutture sono state costruite per favorire l'industria turistica e commerciale con gli Stati Uniti, solo ed esclusivamente gli Stati Uniti. I soldi investiti nelle infrastrutture tendono ad essere usati per rilanciare quelle “essenziali”, non per riparare le strade piene di buchi nella nostra comunità, risanare gli edifici pieni di amianto o sostituire i lampioni della luce in balìa degli uragani. Tutto questo è un'ulteriore prova della dipendenza del colonialismo e della natura essenzialmente coloniale dell'industria turistica, che soddisfa in particolare le relazioni di Porto Rico con gli Stati Uniti.

Persino la dichiarazione firmata dal Presidente degli Stati Uniti, che autorizza la FEMA a dare un'assistenza di secondo grado a Porto Rico, permetteva solo la ricerca e il salvataggio, la sicurezza e la salute pubblica, e la rimozione delle macerie [en]. Non includeva la ricostruzione o il ripristino dell'elettricità, e con l'attuale crisi finanziaria e il silenzio della Commissione di controllo fiscale dal passaggio di Irma, la ricostruzione e la ristrutturazione sarà un'ardua impresa per Porto Rico, considerando la mancanza di risorse disponibili.

La giornalista del Centro di Giornalismo Investigativo a Porto Rico, Carla Minet, ha detto:

I tagli al budget, in un'economia già debole, peggioreranno ulteriormente l'impatto sociale della tempesta.

Minet ha aggiunto che una previsione prima dell'arrivo di Irma del direttore del Center for a New Economy (un gruppo di ricerca indipendente focalizzato sullo sviluppo di una nuova economia a Porto Rico), Sergio M. Marxuach, diceva che il Piano Fiscale recentemente approvato avrebbe portato un altro decennio sprecato, perdita della popolazione a causa della migrazione e tassi di natalità ancora più bassi, disoccupazione diffusa, minore accesso all'istruzione pubblica, tagli alle pensioni, peggioramento dello stato di salute, mortalità più elevata e minore aspettativa di vita e infine un'innalzamento dei tassi di povertà e disuguaglianza. “Aggiungete ora il cataclisma di un uragano che non era stato considerato nel Piano”, ha detto Minet.

La Commissione di controllo fiscale potrebbe usare Irma come una scusa per attuare aggressivamente le tante politiche che ha in programma, come la privatizzazione dell'Ente per l'energia elettrica (AEE). Non sarebbe una sorpresa se il Governatore Rosselló e la Commissione di controllo fiscale prendessero la palla al balzo per smantellare e privatizzare l'Università di Porto Rico, l'unica istituzione di istruzione superiore pubblica nel Paese, così come un numero di altre istituzioni pubbliche che sono senza difese contro la regola coloniale della Commissione di controllo fiscale e i suoi evidenti attacchi neoliberali.

Ora, solo dopo due settimane dal passaggio di Irma, siamo stati colpiti da un altro uragano di categoria 5, María. È arrivato proprio quando alcune abitazioni avevano ripristinato la corrente, mentre altri vivono ancora al buio; la terra è ancora cosparsa di alberi caduti e di pali della luce che si trasformeranno in proiettili; locali e rifugiati dalle isole caraibiche nelle vicinanze si stanno ancora riprendendo per la perdita della loro casa, della loro intera realtà; e la crisi e il colonialismo continuano a tenersi per mano, giorno dopo giorno.

E quindi, sei seduto nella tua brandina con il tuo cappello di paglia, centinaia di locali gironzolano intorno a te con i resti della loro vita in una borsa o una valigia, ti starai chiedendo perché la JetBlue ti ha lasciato qui e poi se l'è filata; perché il rifugio è così a corto di personale; perché l'elettricità se n'è andata anche se non ha ancora iniziato a piovere e non c'è stato alcun soffio di vento; perché la CNN non parlava del passaggio di Irma a Porto Rico. “Sono qui, mandate qui un rapprensentante dell'ambasciata per me!” urli nella tua testa mentre guardi lo schermo del tuo smartphone, quasi completamente scarico. Ti chiederai perché la vita è stata così ingiusta con te, rovinandoti la tanto desiderata vacanza nell’incantevole isola . 

Poi i tuoi pensieri vengono interrotti quando vedi una finestra, ti avvicini con sgomento e guardi attraverso il vetro sporco, e osservi le nuvole di tempesta e le raffiche di vento che si abbattono su una bandiera degli Stati Uniti — ah, anche su quella di Porto Rico. 

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.