chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Scrivere una canzone sul razzismo è una cosa seria

Aliou Toure della band Songhoy Blues. Crediti: Leo Hornak

Questo articolo è stato scritto da April Peavey [en, come i link seguenti] ed è stato originariamente pubblicato su PRI.org il 21 settembre 2017. Viene qui ripubblicato grazie all'accordo di partnership tra PRI e Global Voices.

Non molto tempo fa, Aliou Touré mi ha detto “Scrivere una canzone sul razzismo è una cosa seria”. Touré è il solista dei Songhoy Blues, una band del Mali.

Queste parole erano riferite al nuovo brano della band, “One Colour”, che fa parte dell'album “Résistance.”

Il brano è stato registrato con un coro di bambini di Londra. Touré afferma che registrare brani con i bambini lo fa guardare al futuro con ottimismo e che ritiene che sia particolarmente importante che gli adulti trovino il tempo di imparare dai bambini.

“I bambini non sono razzisti. Quando siamo andati a registrare le loro voci, erano così belli. Venivano tutti da paesi diversi. Dall'Asia, dall'India, dagli Stati Uniti, dalla Francia e dall'Africa. Erano lì che giocavano tutti insieme, felici”, racconta. “È bello vedere scene di questo tipo. Abbiamo commentato che forse i bambini potevano insegnare qualcosa ai genitori”.

“One Colour” è solo una delle lezioni che chi ascolta può imparare da “Résistance”.

Touré afferma che un'altra lezione da imparare è quella di dimenticare i pregiudizi sull'Africa, il Mali e Bamako, la città natale della band, ovvero stereotipi del tipo che sregolatezza e crimine si trovino a ogni angolo di Bamako. Secondo Touré uno dei modi per combattere gli stereotipi è la musica.

“Se si radunano 100 persone in un piccolo locale e si mette un po’ di musica, tutti diventano subito felici”, afferma. “Quando si spegne la musica, tutti se ne vanno. Se manca la musica, non c'è interesse. Il nostro obiettivo è “dare musica” a tutto quello che accade nel mondo e cercare di trovare un modo positivo per avvicinare le persone”.

È possibile che riusciate a non farvi sfuggire l'energia positiva dei Songhoy Blues e delle loro lezioni. A ottobre, la band inizierà un tour nel Nord America e in Europa.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.