chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Amanda Mazzinghi

I am a certified and ISO qualified English/Italian translator, mainly based in Florence (Italy), but often in the UK.

I’m passionate about my work….that’s my best asset!

I have been working in the ‘industry’ for over 20 years and have been involved in wide variety of projects. You can check my profile out on LinkedIn at https://www.linkedin.com/in/amandamazzinghi/.

I am always looking out for new linguistic challenges and opportunities to expand my horizons.

indirizzo email Amanda Mazzinghi

ultimi articoli di Amanda Mazzinghi

5 dicembre 2018

La Mauritiana tiene in carcere e lontano dal Parlamento Biram Dah Abeid, attivista che si batte contro la schiavitù

Biram Dah Abeid, ufficialmente eletto come membro del governo, è stato accusato di aver calunniato e minacciato un giornalista con legami stretti col governo mauritano.

3 dicembre 2018

Confronto delle violazioni dei diritti umani in Africa un hashtag alla volta

Grazie alla connettività online, le comunità panafricane sui social media denunciano la repressione e sostengono giovani candidati che sfidano i leader al potere da decenni.

16 settembre 2018

Il Myanmar condanna due giornalisti dell'agenzia di stampa Reuters a 7 anni di carcere

Advox

Il caso ha scatenato l'indignazione internazionale e nel Myanmar stesso. Gli attivisti e le organizzazioni civili hanno coraggiosamente protestato contro l'arresto dei giornalisti.

Il sistema educativo venezuelano e lo spettro dell'ideologia

The Bridge

"Mi immagino la futura generazione di venezuelani... per loro il dissenso andrà contro l'idea di nazione. Un paese indottrinato senza argomenti su cui dibattere, silenzioso".

13 settembre 2018

‘Siamo vittime che assistono altre vittime': la documentazione delle violazioni dei diritti umani in Nicaragua

"Le possibilità legali sono praticamente inesistenti. Presentare un'accusa è un gesto di giustizia simbolica. È il primo passo per affrontare il trauma".

8 settembre 2018

Mozambico: il pubblico reagisce con scettismo alla cattura del famigerato criminale Nini Satar

"Signor Procuratore, chi viene rilasciato in libertà condizionata è veramente un latitante?"

6 settembre 2018

L'America Latina è la regione più letale al mondo e questa serie YouTube vuole scoprire perché

Diretto da giovani reporter del giornale colombiano El Espectador, fondato 130 anni fa, La Pulla combina analisi concrete a crudo senso dell'umorismo, affrontando argomenti complessi.

3 settembre 2018

USA: la brutalità dell'ICE verso gli immigrati ha un impatto significativo anche all'interno dei confini statunitensi

The Bridge

"Il terrore dei raid dell'ICE colpisce tutti. Nelle comunità degli immigrati le persone sono riluttanti a chiamare la polizia, a collaborare o presentarsi in tribunale..."

30 agosto 2018

Cina: tra il milione di uiguri mandati nei campi di ‘rieducazione’ cinesi c'è anche una stella nascente del calcio

Oltre 1 milione di uiguri nella provincia dello Xinjiang sono stati mandati nei campi di rieducazione, per correggere le loro credenze religiose e opinioni politiche.

1 agosto 2018

I giordani danno una mano agli sfollati siriani nonostante l'ostinazione del governo a tenere le frontiere chiuse

Oltre 250 medici e infermieri sono accampati sul confine con la Giordania per aiutare i 400.000 siriani che potrebbero avere bisogno di assistenza medica.

Le donne dietro alla “rivoluzione di velluto” dell’ Armenia

Le massicce proteste contro il leader che governava da anni hanno dimostrato l'impazienza dei cittadini verso nuove riforme. Molte donne vogliono che i cambiamenti proseguano.

31 luglio 2018

Messico stretto tra gang e guerre commerciali: quali tipi di problemi dovrà affrontare il nuovo Presidente?

"Oggi, in Messico le armi non servono per ottenere il potere, ma per controllare l'accesso al potere",