chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Amanda Mazzinghi

I am a professional and certified English/Italian translator, based in Florence (Italy).

I’m passionate about my work….that’s my best asset!

I have been working in the ‘industry’ for over 20 years and have been involved in wide variety of projects. You can check my profile out on LinkedIn at https://www.linkedin.com/in/amandamazzinghi/.

I am always looking out for new projects and opportunities to keep learning and expanding my knowledge.

indirizzo email Amanda Mazzinghi

ultimi articoli di Amanda Mazzinghi

20 febbraio 2018

Egitto: i blackout della rete in Sinai lasciano i civili irraggiungibili e senza chiamate di emergenza

GV Advocacy

L'impossibilità di accedere alle reti di telecomunicazioni impedisce agli abitanti del Sinai settentrionale di segnalare incidenti e permette un accesso limitato ai servizi di emergenza.

18 febbraio 2018

Il più importante giornale brasiliano abbandona Facebook e lo accusa di diffondere fake news

GV Advocacy

Folha ha accusato Facebook di "...mettere al bando il giornalismo professionale e di lasciare spazio ai contenuti personali e alla divulgazione di notizie false".

L'ISIS si è ritirato dalla città siriana di Raqqa, ma le sue mine antiuomo continuano a mutilare e uccidere

"Ho mandato uno dei miei figli a controllare la nostra casa, vicino alla rotonda con l'orologio, ma davanti alla porta lo attendevano le mine antiuomo".

17 febbraio 2018

Pakistan: la lunga marcia dei pashtun per chiedere giustizia dopo anni di attacchi a sfondo etnico

Migliaia di persone Pashtun provenienti dalle aree tribali federali (FATA) e da altre parti del Pakistan hanno manifestato davanti al National Press Club di Islamabad.

Nigeria: tredici cittadini rapiti da Boko Haram tornano in libertà dopo diversi mesi

"Siamo così felici che queste 13 persone siano state rilasciate e possano riabbracciare le loro famiglie..."

16 febbraio 2018

Giappone: la nuova sedia a rotelle robot “risolve dei problemi che le persone disabili non hanno”?

The Bridge

"Non sarebbe meglio fornire più formazione alle persone addette all'assistenza, anziché sviluppare nuove tecnologie che rischiano di risultare inadeguate"?

15 febbraio 2018

L'Iran sospende le esecuzioni per reati di droga dopo anni di lotte per i diritti umani

"Il 90% dei prigionieri nel braccio della morte sono corrieri sfortunati che trasportavano droga per pagare la dote della figlia o l'operazione a una madre".

12 febbraio 2018

Il progetto di bilancio che ha infiammato le proteste in Iran

"Ci avete trasformato tutti in dei morti di fame. Dica al Sig. Khamenei, dica al presidente, dica a tutti quanti che siamo disperati."

Chi ha la responsabilità di porre la fine delle violenze sessuali in Somalia?

Benché negli ultimi anni le violenze sessuali abbiano attirato l'attenzione del governo somalo e della comunità internazionale, il problema continua a dilagare.

8 febbraio 2018

Malesia: il sito di notizie Malaysiakini si appellerà contro la sentenza di diffamazione grazie ai fondi donati dai lettori

GV Advocacy

"Questa sentenza potrebbe dissuadere i media dal criticare e segnalare problemi di interesse pubblico riguardanti multinazionali. Ciò limiterebbe ulteriormente la libertà di stampa nel paese".

L'Uzbekistan e i suoi migranti: la storia di due presidenti

"La gente deve cercare lavoro in altri paesi perché noi non siamo riusciti a creare le condizioni per farli rimanere".

7 febbraio 2018

USA: un uomo ritrova il villaggio dei suoi antenati in Cina dopo tanti anni di separazione dovuti alle politiche sull'immigrazione

"Gli immigrati cinesi non hanno potuto seguire i propri familiari negli Stati Uniti all'epoca della Legge sull'Esclusione dei Cinesi, norma che ha smembrato famiglie intere."