chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

‘Dormi, bambino mio’ con il canto delle ninne nanne provenienti da tutto il mondo

Nota di Rising Voices: Il seguente post [es] è stato scritto da Yásnaya Aguilar per “Este Páis” e ripubblicato con il suo consenso. Altri post di Global Voices sulle ninne nanne si possono leggere qui [it, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] e qui [en].

In alcune comunità Mixe dello stato messicano di Oaxaca si crede che i nuovi nati, nel venire al mondo, abbiano molta fortuna dal punto di vista linguistico: comprendono una lingua universale (più tardi ampliata con il vocabolario degli adulti), per poi essere in grado di ottenere un diamante raro: la lingua Ayuujk. Nei nostri sogni, possiamo talvolta rievocare quella lingua universale con la quale siamo nati, la stessa che usiamo quando arriviamo a perdere la nostra capacità di intendere e di volere, o quando la morte si avvicina. Le parole della lingua universale ci congiungono ancora una volta al mondo dei morti, probabilmente simile al mondo degli esseri umani non ancora nati o di quelli non ancora concepiti.

Ogni cultura ha una diversa percezione di cosa sia l'acquisizione delle lingue, e dal punto di vista scientifico vi sono dibattiti piuttosto accesi riguardo ai vari approcci al fenomeno.

Ninna nanna in lingua Otomí, appartenente alla famiglia oto-mangua:

I bambini cominciano ad interagire con le lingue del mondo già prima di nascere, poiché essi ascoltano la lingua parlata dalla loro madre, e in questo caso, anche se “lingua madre” non è sinonimo di “lingua della madre,” una relazione linguistica tra madre e figlio esiste.

Non è una sorpresa che le parole fungano da incantesimo per calmare il pianto del bambino, per farlo addormentare, o per trasmettergli conforto o speranza. Trasmesse soprattutto attraverso la tradizione orale, le ninne nanne rispecchiano gli approcci musicali e testuali verso quella che noi chiamiamo “infanzia”. Ogni cultura ha diverse ninne nanne adatte a vari scopi: una di queste, per esempio, (il cui video è qui sopra) è in lingua Seri [en] (parlata sulla costa del Sonora, in Messico), e non è cantata per far addormentare il bambino o calmare il suo pianto, ma per “infondere lo spirito combattivo nelle ragazze, così che quando cresceranno saranno in grado di affrontare i problemi della vita,” come dice il testo.

Melodia in lingua Náhuatl:

Una ninna nanna è principalmente un testo orale, costruito in modo che gli esseri umani si relazionino tra loro esprimendosi secondo l'eredità linguistica della cultura in cui si è nati. Le ninne nanne sono i mattoni della lingua, offerta al bambino per vivere nel mondo. Il testo della ninna nanna può essere diretto al bambino o essere una formula linguistica per attrarre delle qualità o delle mete desiderabili per i neonati.

Ninna nanna nella lingua Toba [en]:

Nel 2010, una coppia ha lanciato un progetto chiamato “La Furgonana“; girando su un furgone con tappe in tutta l'America Latina, hanno documentato lo stato attuale dei diritti dei bambini e le ninne nanne dei diversi posti che hanno visitato, incluse quelle in lingue diverse dallo spagnolo.

Una ninna nanna può aprire la strada per esporre i bambini alla diversità delle lingue nel mondo. I video in questo post sono una piccola selezione di ninne nanne in diverse lingue, cantate per far addormentare i bambini o per instillare in loro coraggio, perché il sonno e la forza non conoscono barriere linguistiche.

Tra le altre ninne nanne ascoltabili online ci sono quelle in lingua inglese, mixteca, lakota giudeo-spagnola (Ladino).

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.