chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Una mappa dei profumi e degli odori della città di Kiev

Image: Kate McLean

Immagine: Kate McLean.

Il giorno di Natale, in Gran Bretagna, tutti si riuniscono con le loro famiglie e gli amici per mangiare la cena, aprire i regali e sfoggiare un po’ di spirito delle festività. In questo periodo, l'artista e designer Kate McLean si è recata a Kiev, pianificando una innocente visita turistica nella scenografica capitale dell'Ucraina. Non immaginava ancora all'epoca, ma Kiev la stava aspettando.

Conosciuta per la sua “mappatura dei profumi” negli ultimi cinque anni e in tutto il mondo, da Milano a Glasgow alla Rhode Island, McLean ha acquisito una certa celebrità. Quando il suo volo per l'Ucraina ha subito un ingente ritardo di 24 ore, si è rivolta a Twitter per sfogare la sua frustrazione.

“Le linee aeree ucraine hanno avuto un problema con le ali dei loro velivoli, e ho perso la bussola e ho inviato dei tweet al riguardo, e un giornalista informatico di Kiev mi ha scritto”, racconta McClean.

Il suo tweet ha catturato l'attenzione di Andriy Gazin, che si descrive come un “hipster dei dati” e un “lavoratori procrastinante” che vive a Kiev. Ha contattato McLean chiedendole se voleva visitare l'Ucraina. “È una visita di lavoro, e vorresti offrirci un talk o una qualche presentazione?” McLean racconta che Gazin le ha chiesto così.

“Quando Kate ha postato su Twitter che stava venendo a Kiev, ho pensato che fosse una buona opportunità per incontrarla e parlare di “smellwalking” (cioè passeggiata tra i profumi della città) e “smellmap” (mappa cartografica dei profumi), ha scritto Gazin per email. “È stata una decisione abbastanza spontanea, ma ho chiesto ai sostenitori della mia pagina Facebook riguardo al dataviz (visualizzazione di dati) … e circa dieci persone hanno concordato di partecipare”.

Così il 25 dicembre, un gruppetto “con notepad presi da varie conferenze e pezzi di carta ripiegati, e un gruppo di persone provenienti da tutti i tipi di contesti”, è partita per registrare le fragranze di Kiev in inverno. I risultati, come vedremo, sono stati gloriosi.

Image: Kate McLean

L'itinerario della passeggiata tra i profumi della città attraverso Kiev. Immagine: Kate McLean.

Adesso McLean è impegnata nel processo di creazione di una mappa dettagliata su dove si nascondono gli aromi di Kiev che si propagano in inverno.

Gli “smellwalkers” (i protagonisti delle passeggiate tra i profumi cittadini) hanno registrato le fragranze della città, compresi gli odori come “le isole dell'estate”, “il pelo umido di animale” e “il metallo arrugginito”. McLean, novizia a Kiev, si è scoperta cosciente dei profumi che avrebbero potuto essere ignorati dai locali abituati. “La carbonella che i banchi alimentari stavano usando proprio in cima alla chiesa di San Michele… era davvero realmente distintivo”, dice McLean.

“Molte persone stavano arrostendo o grigliando carne – provenivano perciò odori intensi – ma quello che usavano come combustibile era molto diverso …erano grandi, sporchi bracieri a tamburo con reale carbonella all'interno”, ha detto. Pur notando le difficoltà di “redigere” la fluidità dell'odore, ci sono alcune fragranze che sono molto specifiche di Kiev.

“Una è il legno affumicato – che arriva in molteplici forme. Proviene dalla carbonella e arriva come un odore in sottofondo. Un altro è molto specifico in termini del “salo” — è qualcosa che non ho mai incontrato da nessun'altra parte nel mondo”, ha detto.

Anche i luoghi sacri di Kiev presentano fragranze uniche, che McLean afferma che gli abitanti hanno difficoltà a notare. “Si tratta del ‘labdanum’ (resina di eliantemo) all'interno delle chiese, usato come incenso, qui si chiama ‘laddanik’. Lo ho notato, ma non è comparso durante la passeggiata profumata – in realtà, nessuno lo ha annotato… c'era già molto incenso, candele, per me c'era già quel tipo di odore che fuoriusciva dalle sue porte in legno decorato”.

Image: Kate McLean

Immagine: Kate McLean.

Mentre l'escursione attraverso Kiev è stata un'introduzione innovativa della città per McLean, i residenti nel suo gruppo l'hanno vissuta come una nuova e intrigante prospettiva su qualcosa di familiare. “Ho lavorato per un decennio nell'industria farmaceutica,” ha detto Anastasiya Fesenko. “la passeggiata profumata è stata per me come una nuova finestra sul Paese… che amo”, ha detto. “L'ispirazione è ovunque – erbe aromatiche, fiori, aria fresca e alberi… Sono rimasta sorpresa soprattutto da quanti piccoli odori ci sono intorno a me.”

Gazin ha notato come la mappatura degli odori cittadini potrebbe rivelare nuove possibilità per concettualizzare Kiev. “Suppongo che la prima cosa che realizzi durante la passeggiata profumata è che non hai mai vissuto davvero la città attraverso gli odori. Intendo dire, naturalmente noti svariati odori tutti i giorni, come caffè, gas, un panificio, profumi, ecc. Non hai mai però cercato di abbinarli tutti… di descrivere uno specifico luogo o la città in generale”, ha detto, notando la crescente varietà di modi con cui gli scienziati di dati hanno mappato i luoghi, compreso il lavoro delle start-up come what3words, che frammenta i luoghi in blocchi di tre metri per tre, in “codici postali” di tre parole”.

Image: Kate McLean

Immagine: Kate McLean.

“Non mi ero però accorta che possiamo davvero descrivere diverse parti di Kiev attraverso una serie di odori”, ha detto Gazin.

A Kiev la più potente fusione di odori sembra essere Zhytniy Rinok. Secondo Gazin, questo luogo sembra “un museo di svariati odori: carne e pesci crudi, e latte e miele, spezie e frutti, ma anche articoli per la casa come la tappezzeria, e i vestiti”.

Image: Kate McLean

Immagine: Kate McLean.

Citando uno dei reperti dei suoi compagni, McLean ha scritto: “Qui trovi praticamente tutte le stagioni – hai inverno, estate, primavera, autunno, tutti prevalenti in quel mercato”, dice. “L'estate con le fragole, l'autunno con la melagrana… quando siamo entrati nel mercato c'era vin brûlé (in inverno), e poi la primavera con qualcuno che vendeva erbe aromatiche fresche in un angolo ed erano verdissime, ed erano davvero freschissime – sprigionavano una rigogliosa fragranza volatile. E così tutti questi ragazzi le hanno infine visualizzate”.

Image: Kate McLean

Immagine: Kate McLean.

Naturalmente, tuttavia, le stagioni dell'anno influenzano il modo in cui gli odori vengono percepiti e trasmessi, “enormemente”, dice McLean. “È stata una delle cose di cui abbiamo parlato all'inizio. Gli odori necessitano il calore, per riuscire a volatilizzarsi. Quindi più fa caldo, più molecole di odori ci sono nell'aria… anche il senso umano dell'odore si spegne nel freddo inverno. Abbiamo così una doppia fregatura: ci sono meno odori e siamo meno capaci di percepirli”.

La mappa potrebbe dimostrarsi uno strumento utile – e non solo per coloro che non possono essere a Kiev per respirarne l'aria. Una donna nel gruppo di McLean è quasi priva di un senso dell'olfatto, dice Gazin. “Viene solo alla passeggiata per vivere l'esperienza della città attraverso quello che le altre persone percepiscono attraverso l'olfatto”, dice.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.