chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

‘No all'IVA sugli assorbenti’ – Le proteste spingono il governo del Bangladesh a ritirare la proposta di una tassa

Nel giugno 2019, in Nigeria gli attivisti hanno manifestato contro l'intenzione del loro governo di ripristinare una tassa sugli assorbenti igienici [it] nel budget 2019/2020. L'anno scorso, in mezzo alle proteste [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], l'India ha rimosso una controversa tassa sugli assorbenti igienici, che era stata introdotta nel 2017. Adesso, il Bangladesh si unisce al dibattito globale sulla “period poverty” [it] (“povertà mestruale”).

Le recenti proteste in Bangladesh hanno richiesto di bloccare la proposta, presente nel nuovo budget nazionale, di un'imposta sul valore aggiunto (IVA) del 40% e ulteriori dazi sui materiali grezzi d'importazione degli assorbenti intimi. Gli assorbenti prodotti localmente sono già soggetti a un'Imposta sul Valore Aggiunto (IVA) del 15% sul prezzo di vendita, pertanto tasse aggiuntive sugli ingredienti d'importazione renderebbero questi prodotti fuori dalla portata di molte donne – anche per quelle che già utilizzano assorbenti igienici monouso.

Tra le richieste di rompere il silenzio e l'uso esteso dello slogan “No IVA sugli Assorbenti”, il governo del Bangladesh, con una mossa senza precedenti, ha scartato la proposta di aumento della tassa sui prodotti igienici femminili – ma ciò non significa che ora le donne del Bangladesh se li possano permettere.

Il tabù del ciclo

Nelle zone rurali del Bangladesh, il ciclo mestruale delle donne è ancora un argomento tabù. Poiché le mestruazioni sono considerate una cosa impura, ci sono molte restrizioni su ciò che le donne possono fare e dove possono andare. Persino le donne che si possono permettere di comprare questi prodotti raramente li acquistano nei normali negozi, soprattutto per imbarazzo.

Secondo l’Indagine sugli Standard Igienici Nazionali del Bangladesh, durante il ciclo mestruale il 40% delle ragazze salta la scuola, per un valore mediano di tre giorni al mese.

Molte ragazze saltano la scuola durante il ciclo mestruale. Foto di Firoze Ahmed, via Demotix.

Costi proibitivi

Secondo un rapporto dell'organizzazione no-profit SNV Bangladesh, oltre l'89% delle 78,4 milioni di donne in Bangladesh ancora utilizza vecchi vestiti o stracci, in quanto molte non possono permettersi gli assorbenti igienici monouso.

Il valore di mercato [bn] annuale dell'industria degli assorbenti igienici (inclusi i pannoloni per adulti) in Bangladesh è di circa 3 miliardi di Taka (35,5 milioni di dollari), e i fornitori di questo settore sono per il 90% produttori locali. Il prezzo di un pacco di assorbenti igienici è di 100-160 Taka (1,25-2 dollari), quindi nelle zone rurali molte non possono permetterseli.

Il costo degli assorbenti è rimasto elevato a causa della necessità di pagare i dazi doganali esistenti sui materiali grezzi di provenienza estera, necessari per l'assemblaggio locale.

Secondo alcuni produttori, tuttavia, lo scarto della proposta di aumento della tassa non avrà un impatto [bn] sul prezzo attuale. Se la tassa sul valore aggiunto del 15% sul prezzo d'acquisto venisse eliminata, dicono i produttori, allora sì che il prezzo scenderebbe.

Vestiti vecchi o stracci come alternative

Molte donne non conoscono i rischi per la salute causati dal riutilizzo di vecchi vestiti al posto degli assorbenti igienici. L’Indagine sull'Igiene Nazionale del 2014 ha scoperto che l'imbarazzo e la mancanza di accessibilità economica contribuiscono a far sì che le donne siano costrette a riutilizzare stracci e altre alternative disponibili.

Evidenziando come l'uso di stracci al posto degli assorbenti aumenti i rischi per la salute delle donne, l'utente di Facebook Shamima Islam ha spiegato che il 73% delle donne bengalesi soffre di infezioni vaginali e al tratto urinario – che possono portare al cancro – tutto a causa di una mancanza di igiene mestruale.

Gli assorbenti igienici non sono un prodotto di lusso, bensì essenziale. L'assenza di protezione igienica adeguata durante il ciclo può causare danni e malattie. Proporre una tassa sul valore aggiunto degli assorbenti igienici è vergognoso e contro le donne.

Su Facebook, Shahriar Shuvo ha consigliato non solo di eliminare la tassa, ma anche di introdurre sussidi per l'acquisto di assorbenti igienici [bn]:

এদেশে এমপি – মন্ত্রীদের জন্য শুল্কমুক্ত গাড়ী আনার সুবিধা রাখা হয় আর অতিরিক্ত ৪০% ভ্যাট ধরা হয় নারীদের জন্য প্রয়োজনীয় স্যানিটারি ন্যাপকিনের উপর ।
শুধু ভ্যাট প্রত্যাহারই নয় স্যানিটারি ন্যাপকিন সহজলভ্য করনে এর উপর ভর্তুকির দাবি জানাচ্ছি ।

Abbiamo servizi con automobili esenti da tasse per i nostri ministri e i membri del Parlamento, ma imponiamo il 40% di IVA sui prodotti igienici essenziali per il ciclo mestruale delle donne.

Non solo le tasse dovrebbero essere eliminate, ma pretendo sussidi per questi prodotti, in modo tale da renderli a buon mercato per la maggioranza delle donne.

Diversi gruppi di persone hanno gestito la cosa anche offline, occupando le strade in segno di protesta. In questo video [bn], nel quartiere di Shahbag a Dhaka, un piccolo gruppo di studenti universitari protesta per l'aumento, formando una catena umana:

La dottoressa bengalese Sakia Haque, che ha viaggiato [it] per tutti e 64 i distretti del paese al fine di sensibilizzare le studentesse sulla salute riproduttiva e l'igiene, ha commentato sul tema [bn]:

সারা দেশে যে বলে আসলাম,মিন্সট্রেশনের সময় স্যানিটারি প্যাড ইউজ করবা, unhygienic কাপড় না।।
এখন কিভাবে মুখ দেখাব?
যাদের মাসে আয় ২০০০-৩০০০টাকা, তাদের কাছে আগেই প্যাড কিনা বিলাসিতা ছিল! আর এখন? […]

[Durante i miei viaggi] ho richiesto ad ogni ragazza di utilizzare gli assorbenti igienici monouso invece di vestiti antigienici durante il ciclo. Che cosa posso dire loro, adesso?

Per coloro che guadagnavano la modica cifra di 2000 – 3000 Taka bengalesi (25-38 dollari) al mese, gli assorbenti igienici erano un lusso. E adesso?

Su un sito femminista chiamato Nari (Donne), Puspita Mondol ha condiviso una storia che racconta della visita ad un'amica d'infanzia nel distretto di Ashulia, vicino alla capitale Dhaka [bn]:

২০০৯ সালের কথা। আশুলিয়ায় গেলাম ছোটবেলার বান্ধবীর বাসায়। ও আর ওর বর হামিম গার্মেন্টসে জব করতো। আমার পিরিয়ডের ডেইট মনে ছিলো না এবং হঠ্যাৎ পিরিয়ড হয়। কিন্তু ওর কাছে প্যাড নেই, সেপ্যাড ইউজ করে না। আমরা দু'জন ওর বাসা থেকে বের হয়ে রাস্তায় গেলাম। ছোটো ছোটো বেশ কয়টা ফার্মেসী পেলাম। কিন্তু কোথাও কোন প্যাড নেই। বলে কেউ কিনে না, তাই রাখি না। আমি এতো অবাক হয়েছিলাম! এতো এতো মেয়ে কাজ করে এখানকার গার্মেন্টসগুলোতে আর কেউ প্যাড ব্যবহার করে না! কারণ কী? কতো আর বেতন পায় যারা গার্মেন্টেসে কাজ করে?

Lei (la mia amica) lavorava in una fabbrica di abbigliamento insieme al marito. Mi accorsi che mi era venuto il ciclo, e non avevo con me gli assorbenti. Quando chiesi alla mia amica, lei mi disse che non usava assorbenti igienici (monouso). Quindi uscimmo per comprarli. Di solito, li trovi in farmacia. Andammo in diverse farmacie, e nessuna aveva gli assorbenti igienici in esposizione sugli scaffali. I commessi mi dissero che non tengono quel prodotto sugli scaffali dato che (quasi) nessuno li compra. Fui immensamente sorpresa, dato che questa è una zona industriale dove lavorano molte donne. Nessuno usa gli assorbenti (monouso)! Forse per via del prezzo elevato, queste lavoratrici non se li possono permettere e vogliono risparmiare denaro.

Parte della sfida nel rendere accessibili i prodotti igienici femminili consiste nel cambiare le norme culturali. Per fare in modo che le donne realizzino il proprio diritto a forniture economicamente accessibili per potersi mantenere in salute, le mestruazioni devono essere considerate naturali e normali. In un articolo di opinione sul Daily Prothom Alo [bn], Mohammad Syed Bin Abdullah, uno studente di legge all'Università di Dhaka, ha detto che un movimento di consapevolezza civile è ciò che serve per far sì che il governo mantenga basso il costo delle forniture, così che i prodotti igienici femminili siano finalmente a buon mercato per tutte le donne bengalesi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.