chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Nell'India di Modi, la retorica contro gli immigrati del Bangladesh giustifica i cambi delle norme sulla cittadinanza

Women locked up in a Assam detention center for illegal immigrants. Screenshot from YouTube Video by Md. Sajid/CJP.

Donne prigioniere in Assam presso un centro di detenzione per immigrati clandestini. Immagine dal video Youtube di Md. Sajid/CJP.

A dicembre del 2019, l'India ha modificato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] la legge sulla cittadinanza del 1955, consentendo adesso ai rifugiati e immigrati induisti, sikh, buddhisti, jainisti, farsi e cristiani provenienti dai vicini Afghanistan, Bangladesh e Pakistan di potere richiedere la cittadinanza indiana. Questa legge ha scatenato critiche e opposizione da parte di organizzazioni della società civile a causa dell'ingiusta esclusione dei musulmani dalla lista. Ha anche inasprito i rapporti tra l'India e il vicino Bangladesh.

La messa in atto del Registro Nazionale dei Cittadini (NRC), un aggiornamento del registro governativo contenente i nomi e le informazioni rilevanti per l'identificazione di tutti i cittadini indiani, testato inizialmente nello Stato dell'Assam nel nord-est dell'India, ha messo 1.9 milioni di indiani, inclusi 1.3 milioni di religione induista, in condizione di diventare apolidi. Lo Stato ha una grande percentuale di popolazione bengali, soprattutto musulmani comunemente etichettati come migranti del Bangladesh.

Molti leader dei partiti al potere, incluso il Ministro dell'Interno Amit Shah, hanno proposto di implementare l'NRC in tutta l'India. Dal momento che la legge sulla cittadinanza, Citizenship Amendment Act (CAA), assicura protezione a persone di altre religioni, i musulmani temono di finire nei centri di detenzione creati in Assam e in altri Stati.

Il dibattito intorno la legge sulla cittadinanza (CAA) e il Registro Nazionale dei Cittadini (NRC) ha diviso l'opinione pubblica in India e centinaia di migliaia di persone hanno dato inizio a proteste in tutto il paese contro entrambe le leggi. Fino ad ora, almeno 27 persone sono state uccise [it] e molte ferite, mentre altre sono state arrestate.

In Assam sono stati costruiti sei campi di detenzione per immigrati illegali. Screenshot da un video YouTube di Md. Sajid/CJP.

La storia della migrazione in India

Dopo la Partizione dell'India [it] del 1947, per motivi religiosi che influirono sulle vite di circa 15 milioni di induisti e musulmani, c'è stata una migrazione di massa in cui gli induisti bengalesi se ne andarono dal Bangladesh per spostarsi in Stati indiani confinanti, come il Bengala occidentale e l'Assam, mentre i musulmani di questi ultimi Stati migrarono nel Bangladesh. Sebbene non ci siano informazioni accurate al riguardo, le stime del governo indiano indicano che circa 2.6 milioni di migranti hanno lasciato quello che veniva chiamato l’East Pakistan (l'attuale Bangladesh) per andare in India, mentre 0.7 milioni di persone migrarono in senso opposto.

Una seconda grande ondata di migrazione è avvenuta durante la guerra di liberazione del Bangladesh [it] dal Pakistan occidentale nel 1971, quando si stima che 10 milioni di persone fuggirono dal Bangladesh e si rifugiarono in India, specialmente negli Stati del Bengala occidentale e dell'Assam. La maggioranza di questi rifugiati fece ritorno in Bangladesh dopo il 16 dicembre 1971, la data della sua liberazione, ma stime generali indicano che 1.5 milioni di persone rimasero in altri Stati dell'India. Queste persone (musulmani e induisti) si sono gradualmente inserite nella società indiana e molti di loro hanno ottenuto documenti come la tessera di razionamento, il numero di identificazione per gli elettori, e hanno fatto nascere i propri figli in suolo indiano.

Il rapporto del Censimento indiano sulla migrazione per l'anno 2001 mostra che circa 6 milioni di persone che vivono in India sono nate in altri paesi asiatici, di cui 3.7 milioni in Bangladesh. I dati del censimento del 2011, rilasciati nel 2019 durante il governo di Modi, mostrano che il numero totale di immigrati del Bangladesh è sceso da 3.7 milioni del 2001 a 2.7 milioni, sulla base dei dati relativi al luogo di nascita. Anche il numero complessivo di immigrati è sceso da 6 a 4 milioni.

L'India non è invasa dagli immigrati; di seguito un articolo eccellente e ricco di informazioni scritto da uno dei maggiori studiosi in materia:

Se questa tendenza continuasse, i numeri si dimezzerebbero, come conseguenza dei processi di assimilazione e naturalizzazione. Secondo le leggi sulla cittadinanza indiana ci sono diversi possibili modi in cui i migranti possono ottenere la cittadinanza indiana, inclusi quelli per nascita (se nati prima del 1 luglio 1987 – indipendentemente dalla nazionalità dei genitori), per discendenza e per naturalizzazione (se residente legalmente in India per almeno 12 anni).

La retorica sui bengalesi illegali

Stereotipi diffusi e discorsi di odio sugli immigrati del Bangladesh si sentono regolarmente in tutta l'India, e tale questione è stata abbondantemente politicizzata e strumentalizzata.

Chinmay Tumbe spiega su LiveMint le retoriche politiche sui bengalesi illegali:

[..] The anti-illegal-Bangladeshi-immigrant chorus has gripped India, with a figure of “20 million” making the rounds for more than a decade. It was a number stated by the government in the Rajya Sabha in 2016 in response to a question. It is a number circulating on social media. It is also a number without a methodology.

[…] Il coro contro gli immigrati illegali del Bangladesh ha conquistato l'India, da più di una decade si parla di “20 milioni” di immigrati. Questo numero è stato dichiarato dal governo al Rajya Sabha (Consiglio degli Stati) nel 2016 a seguito di una specifica domanda. Lo stesso numero circola sui social media. Ma è un numero dato senza seguire alcuna metodologia.

Panchforon, un blog del Bengala occidentale, scrive riguardo l'NRC [bn] che il governo indiano ha proposto di incrementare questo sistema anche nello Stato del Bengala occidentale:

পশ্চিমবাংলায় কি সত্যিই দু'কোটি বাংলাদেশি অনুপ্রবেশকারী আছেন? না, এটা বিজেপি-র ছড়ানো গুজব।

Ci sono davvero 20 milioni di bengalesi illegali nel Bengala occidentale? No, è solo una diceria diffusa dal Bharatiya Janata Party [it] (BJP).

Lo scenario della migrazione dal Bangladesh

Durante gli anni '70, '80 e '90 del secolo scorso, le migrazioni dal Bangladesh all'India avvennero principalmente per motivi economici connessi a calamità naturali, come la carestia del 1974, o le inondazioni del 1988 che hanno sommerso circa il 60% della superficie totale del Bangladesh, danneggiando i mezzi di sussistenza di milioni di persone e lasciandone migliaia senza casa. Si stima che questi siano migrati in india attraverso confini non vigilati, facendo ritorno alle proprie terre ancestrali quando le inondazioni si ritirarono per riprendere possesso dei terreni agricoli.

Negli anni '90 in Bangladesh ci furono numerosi casi di persecuzione nei confronti degli induisti, soprattutto a opera di islamisti e nazionalisti, che ebbero come conseguenza la migrazione di centinaia di famiglie in India. Invece, nell'ultimo decennio, i casi di violenza nei confronti degli induisti sono diminuiti e il governo ha giurato di proteggere le minoranze, inclusi gli induisti che costituiscono più del 10 percento della popolazione.

A lungo l'India ha tentato di contrastare le migrazioni illegali dal Bangladesh. Negli anni '90 ha portato avanti diverse strategie, come un’operazione di respingimento per identificare e deportare bengalesi residenti in diversi Stati indiani sprovvisti di documenti.

La polizia di frontiera indiana e il filo spinato. Immagine di Sanjeev Syal. Copyright Demotix

Il confine tra l'India e il Bangladesh è lungo 4,096 chilometri e l'India dal 2009 a oggi ha speso 155 dollari americani per costruire alte recinzioni di filo spinato - nel 2019 è stato completato il 68 percento. La polizia di frontiera indiana (BSF) è conosciuta per essere autorizzata ad aprire il fuoco contro i bengalesi che provano a entrare illegalmente in India. Più di mille persone hanno perso la vita negli ultimi venti anni sotto i colpi della BSF.

Negli ultimi trent'anni, i bengalesi stanno migrando sempre di più verso il Medio Oriente, la Malesia, le Maldive e l'Europa per lavoro o per altre ragioni. Inoltre, gli indicatori di sviluppo e progresso indicano la trasformazione del Bangladesh in paese a medio reddito, fattore che ha ridotto il bisogno della popolazione di spostarsi in India, come spiega il Primo Ministro del Bangladesh Asaduzzaman Khan in un’intervista:

Why will people from Bangladesh illegally migrate to India? All I can say is that before the Liberation War some Hindus migrated to India but no Muslims went to India illegally after 1971. Bangladesh is not a poor country that people will migrate illegally to India. Our economic growth was 8.15 per cent in fiscal 2018-19. Our current Gross Domestic Product (GDP) growth is 8.13 per cent and our per capita income stood at 2000 US$. You tell me, why someone from Bangladesh would illegally go to India when the living standard in Bangladesh is better?

Perché la popolazione dei Bangladesh dovrebbe migrare illegalmente in India? Quello che posso dire è che prima della Guerra di Liberazione alcuni induisti sono migrati in India ma nessun musulmano è entrato illegalmente in India dopo il 1971. Il Bangladesh non è un paese povero, motivo per cui la popolazione dovrà migrare in India. La nostra crescita economica è stata dell'8.15% nell'anno finanziario 2018-19. La crescita attuale del nostro prodotto interno lordo è dell'8.13% e il nostro reddito pro capite è di 2000 dollari. Di conseguenza, perché la popolazione del Bangladesh dovrebbe migrare illegalmente in India quando il tenore di vita in Bangladesh è migliore?

Il Bangladesh riprenderà i suoi cittadini bloccati in India

Stando a quanto sostiene il giornalista indipendente Ranjit Bhushan, la questione dell’ “espulsione” illegale di cittadini bengalesi dall'India esiste unicamente sul piano teorico, dal momento che non vi è alcun trattato di estradizione esistente tra i due paesi.

Il governo del Bangladesh, per voce del suo Ministro degli Esteri AK Abdul Momen, ha affermato che il Citizenship Amendment Act (CAA) e il National Register of Citizens (NRC) sono questioni interne all'India e, secondo i rapporti, sta cercando di ottenere dall'India la garanzia che non vi sarà alcuna espulsione arbitraria dal Paese. In ogni caso, il Bangladesh ha affermato che farà ritornare i suoi cittadini illegalmente residenti in India previa verifica della loro cittadinanza.

Momen ha anche notato che le tendenze si sono invertite, con cittadini indiani che entrano in Bangladesh illegalmente per motivi economici. Il Bangladesh ha già accolto più di 1.3 milioni di rifugiati Rohingya.

Gli analisti prevedono che, nonostante le dichiarazioni ufficiali, le persone lasceranno l'India per paura dell'attuazione dell'NRC e proveranno ad entrare nel Bangladesh. Un nuovo flusso di rifugiati potrebbe creare ulteriori problemi al Bangladesh.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.