chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

I giovani kazaki come stanno forgiando la loro identità nazionale?

Un collage fotografico preso dalla rivista LGBT kazaka Kok.team. La scritta in russo riporta: “LGBT contro un codardo”. Immagine usata previa autorizzazione.

Un diverbio tra un'attivista lesbica e un pugile ha innescato un dibattito feroce sui social network del Kasakistan, rivelando le profonde fratture dell'identità nazionale tra i giovani di questo paese dell'Asia centrale.

A metà maggio 2020, il peso massimo kazako Kuvat Khamidov ha iniziato a postare una serie di tweet sul suo account chiedendo l'uccisione e lo stupro di membri della comunità LGBTQ. Di seguito uno dei post [ru, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione]:

Perché i cani randagi vengono uccisi, ma i froci no?

Questo ha catturato l'attezione di Nurbibi Nurkadilova, un'attivista per i diritti LGBTQI che ha risposto a Khamitov il 17 maggio, giornata internazionale [it] contro l'omo-, trans- e bifobia. Nurkadilova ha scritto, sul suo account Instagram, una lunga lettera indirizzata al pugile che ha ricevuto quasi 3000 commenti.

Parte della lettera afferma:

Я являюсь открытым представителем ЛГБТ+ сообщества!

И своим заявлением, вы оскорбили меня, моих друзей и моего любимого человека! Что в вашем понимании, «такие люди хуже собак»? Вы сравниваете мои человеческие права, права гражданина этой страны, с собачьими – то есть, считаете меня бесправной? Своими высказываниями, вы откидываете страну назад! Вы препятствуете развитию!

Io sono un membro della comunità LGBT+!

Con le tue dichiarazioni tu hai insultato me, i miei amici e amiche e la persona che amo! Che cosa intendi quando dici che “quelle persone sono peggio dei cani” [in riferimento a uno dei tweet di Khamitov, successivamente cancellato.] Stai paragonando i miei diritti umani, i miei diritti civili con quelli dei cani? Questo significa che pensi che io non abbia diritti? Con le tue dichiarazioni stai portando indietro questo paese! Sei un ostacolo al progresso!

In seguito al suo post, Nurkadilova racconta di aver ricevuto minacce da sportivi e fan del wrestling:

В срочном порядке мне пришлось сменить место жительства, меня эвакуировали правозащитники. Я сменила квартиру, потому что ко мне домой начали заявляться незнакомые люди.

Ho dovuto abbandonare urgentemente il posto in cui vivevo, sono stata evacuata da attivisti per i diritti umani. Ho cambiato casa quando delle persone sconosciute hanno iniziato a presentarsi alla mia porta.

Chiaramente ha toccato un nervo scoperto, menzionato nel suo lungo post: le diverse e conflittuali direzioni che i giovani kazaki vorrebbero che il loro paese prendesse.

(Re)inventare i “valori tradizionali”

Nel vuoto ideologico lasciato dal collasso dell'Unione Sovietica nel 1991, diversi stati post-sovietici hanno dovuto costruire una narrazione nazionale alternativa. Era un compito arduo: molte ex repubbliche sovietiche avevano avuto solo una breve storia come moderni stati-nazione, le loro élite intellettuali erano state spazzate via dalle purghe di Stalin degli anni '30, e l'equilibrio etnico del potere era stato stabilito dalle politiche sovietiche che privilegiavano gli slavi e le persone che parlavano russo. Il Kazakistan non fece eccezione.

La relativa tolleranza ideologica nel periodo della perestrojka della metà degli anni '80 ha permesso l'emergere di nuovi discorsi che nei decenni precedenti erano stati duramente repressi. Il più forte di questi riguardava la religione e l'identità nazionale.

Così quando il Kazakistan divenne indipendente nel 1991, le basi per un risveglio etno-nazionalista erano già state gettate da decenni. I cittadini volevano ristabilire le norme sociali religiose e conservatrici che venivano identificate sia come non-sovietiche che come non-occidentali. Sostenevano il ritorno a un immaginario e inventato modello di patriarcato “tradizionale”, all'eteronormativà, e ai ruoli di genere rigidamente definiti. Era una tendenza osservata in tutta l'ex Unione Sovietica, dall'Asia centrale al Caucaso alla Russia stessa.

In questa visione della società kazaka, le persone LGBTQ non erano considerate. Anche se il paese ha decriminalizzato i rapporti tra persone dello stesso sesso nel 1998, non c'è ancora una protezione legale [it] contro la discriminazione basata sull'orientamento sessuale e l'identità di genere; secondo Human Rights Watch i crimini di odio contro le persone LGBTQ sono frequenti [en]. Allo stesso tempo, i leader religiosi sia delle comunità islamiche (circa il 70% della popolazione) che delle comunità cristiano-ortodosse sono noti per sostenere un discorso fortemente anti-LGBT [en].

Ma ci sono alcuni giovani kazaki [it] che rifiutano questi valori, come Nurkadilova stessa.

Global Voices ha chiesto ai fondatori di Kok.team [en], una rivista trilingue LGBT kazaka online fondata da Daniyar Sabitov e Anatoly Chernoussov, cosa la faida tra Nurkadilova e Khamitov rivela sulla visione del mondo della gioventù del Kazakistan

Мы еще раз убедились, что в Казахстане существуют два лагеря людей, которые радикально противостоят друг другу, когда речь заходит о правах человека в контексте ЛГБТ. Их борьба очень важна, потому что ведется она на поле третьего лагеря – людей, которые пока не определились.

Questo ci conferma ancora una volta che ci sono due gruppi di persone in Kazakistan che si oppongono radicalmente l'uno all'altro quando si discute dei diritti umani della comunità LGBT. Il loro scontro è importante, perché si svolge di fronte a un terzo gruppo – le persone ancora indecise.

Ciò nonostante, Sabitov e Chernoussov credono che questo scandalo sia particolarmente singolare:

То, что у Нурбиби большая стабильная лояльная аудитория подписчиков, которая только растет – вот это может быть индикатором того, что у части молодежи есть запрос на новых героев. Это первая ЛГБТ-активистка не из числа “купленных Америкой городских сумасшедших”, как думают о нас, а активистка с большим социальным капиталом.

Il fatto che [Nurkadilova] abbia una community stabile e leale che continua a crescere è forse un indicatore che parte della gioventù del Kazakistan sta cercando nuovi modelli di riferimento. Lei è la prima persona LGBTQ che non può semplicemente essere liquidata come una dei “pazzi urbani influenzati e comprati dagli Stati Uniti,” come spesso siamo descritti. Lei è un'attivista che ha il suo significativo capitale sociale.

Musica contro gli stereotipi

Negli ultimi anni, la musica è diventata un importante mezzo per i giovani kazaki per sollevare questioni di identità e disuguaglianza di genere. Una band che ha giocato un ruolo importante nella discussione è la popolarissima boy-band stile K-pop Ninety One [en]. La band canta quasi esclusivamente in kazako e il loro modo di presentarsi al pubblico mostra l'interesse dei suoi membri nel sovvertire gli stereotipi e le identità di genere. Questo video da solo ha raggiunto cinque milioni di visualizzazioni, un numero non irrilevante se si considera che il Kazakistan ha una popolazione di 18 milioni [en] di abitanti.

Il fatto che band come questa possano diventare delle icone culturali è estremamente significativo nel Kazakistan moderno. Yevgenia Plakhina, collaboratrice di Global Voices e attenta osservatrice della cultura popolare del Kazakistan, ha co-prodotto un documentario sui Ninety One che cerca di ampliare il dibattito sui modelli di riferimento per la gioventù kazaka. Plakhina ha condiviso con Global Voices i suoi pensieri sull'importanza della band nelle discussioni sull'identità di genere in Kazakistan:

Группа Ninety One появилась, когда в Казахстане полным ходом шел процесс ре-традиционализации – перепридумывания традиционных ценностей. Почему они стали причиной ожесточенных дебатов? Во-первых, у них очень много фанатов по сравнению с другими казахскими группами – около 600 тысяч подписчиков на YouTube, около 575 тысяч подписчиков в Instagram. Во-вторых, они выглядят не так, как канонически должен выглядеть казахский мужчина – сережки в ушах, крашеные волосы, яркая одежда. В третьих, за это они очень нравятся девушкам и женщинам, уставшим от образа казахского мачо. В четвертых, против них сложно использовать риторику, что все зло приходит с Запада. K-Pop, который в Казахстане, превратился в Q-Pop пришел к нам с Востока. В пятых, ребята поют на казахском и собирают вокруг себя ту аудиторию, которую хотели подмять под себя традиционалисты.

La band Ninety One è nata quando il Kazakistan stava subendo un “ritorno alle tradizioni”, o la reinvenzione di valori tradizionali. Perché la band è diventata oggetto di così tanti dibattiti? Prima di tutto, perché ha un grande numero di fan rispetto ad altri artisti in Kazakistan: circa 600.000 iscritti al loro canale Youtube e 575.000 followers su Instagram. In secondo luogo, non appaiono come gli uomini kazaki tradizionali dovrebbero: indossano orecchini, si tingono i capelli, indossano vestiti sgargianti. Questo è il motivo per cui molte giovani ragazze e donne li adorano: sono stanche del tipico “macho man” kazako. Inoltre, nei loro confronti non si può avanzare la narrazione per cui tutto il male proviene dalla cultura occidentale: il K-pop [pop koreano] è arrivato dall'est, ed è diventato Q-pop nel nostro paese [kazako si scrive Qazac nella trascrizione latina del kazako]. Infine, cantano in kazako e raccolgono il pubblico che i sostenitori dei valori tradizionali vorrebbero influenzare maggiormente.

Plankhina vede le radici di questi modelli di riferimento alternativi negli anni '90, quando i venti del cambiamento ispirarono artisti di tutta la regione a esplorare. Lei sottolinea che c'è una vera continuità tra le generazioni di artisti che osano impossessarsi della cultura kazaka:

Фанаты Ninety One открыты для новых идей и не хотят строить такое общество какое строили их предки 200 лет назад. Конец 1990-х в Казахстане,был временем относительной свободы. В мои студенческие годы популярной была MC Гуль – женщина, читающая рэп (кто бы мог подумать!). В казахоязычной среде, я думаю, это была группа «Орда». Именно оттуда вышел продюсер группы Ninety One – Ерболат Беделхан.

I fan dei Ninety One sono aperti a nuove idee e vogliono costruire una società ispirata dai loro antenati di 200 anni fa. Alla fine degli anni '90, il Kazakistan ha sperimentato una relativa libertà. Quando ero uno studente, la rapper MC Gul era popolare. Nelle aree di lingua kazaka del paese, era la band Orda [kz], il cui membro Erbolat Bedelkhan divenne il produttore dei Ninety One.

Si può persino sostenere che i Ninety One abbiano avuto più successo del governo del Kazakistan nel promuovere l'uso della lingua kazaka, cantando quasi esclusivamente in kazako e promuovendo la nuova ortografia della lingua nell'alfabeto latino. Il seguente video, che ha già oltre 200.000 visualizzazioni su YouTube, è un buon esempio:

Forse il messaggio più forte della lettera di Nurkadilova era che la cultura kazaka non è esclusivamente proprietà di nazionalisti e tradizionalisti e che l'esplorazione e la sete di esplorare nuove terre non è una novità per il più grande paese dell'Asia centrale.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.