chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il lavoro di Túndé Adégbọlá colma “il divario linguistico nel digitale per l'Africa” attraverso la tecnologia

Dott. Adégbolá (sinistra) con il Prof. Francis Egbokhare a un seminario sulle TIC presso l'Università di Ìbàdàn. Febbraio 2018. Foto fornita da Kọ́lá Túbọ̀sún.

Nota: quanto segue sono estratti di un'intervista di lunga durata condotta da Kọlá Túbọ̀sún [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] con il Dr. Túndé Adégbọlá, fondatore dell’African Language Technology Initiative (ALT-i). È stato ripubblicato su Rising Voices su autorizzazione. Clicca qui per leggere l'intervista completa su Medium.

Kọ́lá Túbọ̀sún (KT): Perché hai lanciati ALT-i? Perché hai scelto di farlo nel 2004? Cosa speravi che avrebbe raggiunto, e come va finora in quell'aspirazione?

Dr. Túndé Adégbọlá (TA): There is a Yoruba saying; Ẹní wẹjú lẹ̀rù ń bà. It approximates in English as “the clairvoyant holds great responsibility”. I realised very early that the computer was going to become an integral part of everyday life and computer skills were going to become life skills. I also realised that language was going to be the last bridge of the digital divide for many cultures of the world. Guided by the Yorùbá philosophy behind the saying Ẹní wẹjú lẹ̀rù ń bà, I decided to contribute to bridging the language gap, which is a rather critical gap of the digital divide for Africa.

As earlier indicated, I had a major career breakthrough as a consulting engineer in 1995. I got the commission to design and build the biggest private television station in West Africa; the Africa Independent Television (AIT). I completed the project in 1997 and concluded that I had made my point in engineering and I should now concentrate on my passion to bridge the language gap of the digital divide for Africa. I therefore decided from then on to concentrate on developing the resources needed for the development of Human Language Technology (HLT) for African languages. I perceived human resources as the most important of these resources and so I decided to build a structure that will support the development of the human, intellectual, hardware and software resources. That was the thinking behind Alt-i which was presented to the public in 2004 as part of the West African Languages Congress which held at the University of Ibadan, Nigeria.

The first thing I did was to formalise my own knowledge of HLT by registering for a PhD in the University of Ibadan. This enabled me to support the University of Ibadan and the University of Lagos by teaching Artificial Intelligence and thereby introducing elements of Human Language Technology to the programs of the two institutions. Even though neither of the two universities has a formal programme in Computational Linguistics, Human Language Technology or Natural Language Processing till date, through the support of Alt-i, between both universities, five PhDs in these fields have been produced within one decade.

Dr. Túndé Adégbọlá (TA): C'è un detto yoruba; Ẹní wẹjú lẹ̀rù ń bà. Somiglia all'espressione inglese “the clairvoyant holds great responsibility (il chiaroveggente ha una grande responsabilità). Mi sono reso conto molto presto che il computer sarebbe diventato parte integrante della vita quotidiana e le competenze informatiche sarebbero diventate abilità di vita. Ho anche capito che la lingua sarebbe stata l'ultimo ponte del digital divide per molte culture del mondo. Guidato dalla filosofia Yorùbá dietro il detto Ẹní wẹjú lẹ̀rù ń bà, ho deciso di contribuire a colmare il divario linguistico, che è un divario piuttosto critico della divisione digitale per l'Africa.

 Come indicato in precedenza, ho avuto un'importante svolta nella carriera come ingegnere consulente nel 1995. Ho ricevuto l'incarico di progettare e costruire la più grande stazione televisiva privata dell'Africa occidentale; l'Africa Independent Television (AIT). Ho completato il progetto nel 1997 e ho concluso che avevo raggiunto il mio scopo nell’ ingegneria e ora dovrei concentrarmi sulla mia passione per colmare il divario linguistico della divisione digitale per l'Africa. Ho quindi deciso, da quel momento in poi, di concentrarmi sullo sviluppo delle risorse necessarie per lo sviluppo della tecnologia del linguaggio umano (HLT) per le lingue africane. Ho percepito le risorse umane come la più importanti e così ho deciso di costruire una struttura che sosterrà lo sviluppo delle risorse umane, intellettuali, hardware e software. Questo era il pensiero dietro Alt-i che è stato presentato al pubblico nel 2004 come parte del Congresso sulle lingue dell'Africa occidentale tenutosi presso l'Università di Ibadan, in Nigeria.

La prima cosa che ho fatto è stata formalizzare la mia conoscenza di HLT iscrivendomi a un dottorato di ricerca presso l'Università di Ibadan. Ciò mi ha permesso di sostenere questa università e l'Università di Lagos insegnando Intelligenza Artificiale e quindi introducendo elementi di Tecnologia del Linguaggio Umano nei programmi delle due istituzioni. Anche se nessuna delle due università ha un programma formale in Linguistica Computazionale, Tecnologia del linguaggio umano o Elaborazione del linguaggio naturale fino ad oggi, attraverso il supporto di Alt-i, tra le due università, sono stati prodotti cinque dottorati in questi campi entro un decennio.

KT: Se guardi all'ambiente oggi, quali pensi siano i maggiori problemi nella tecnologia della lingua africana?

TA: In my experience, the biggest issue is the status given to African languages by Africans. Till now, very few African academics see any sense in applying their intellectual resources to the development of technologies for African languages. Many continue to aspire for improved mastery of their colonial legacy languages at the expense of African languages.

Another major problem is the departmental territorialism in many of our universities. Some of the rather jejune arguments that have slowed down the development of formal programmes in HLT is that a language degree cannot be obtained from a faculty of technology and a technology degree cannot be obtained from a Faculty of Arts. And there goes the prospect of a degree programme in HLT. I have also encountered the same level of uninspired and distracting arguments about Computational Linguistics.

TA: Nella mia esperienza, il problema più grande è lo status dato alle lingue africane dagli africani. Finora, pochissimi accademici africani vedono un senso nell'applicazione delle proprie risorse intellettuali allo sviluppo di tecnologie per le lingue africane. Molti continuano ad aspirare a una migliore padronanza delle loro lingue ereditarie coloniali a scapito delle lingue africane. Un altro grosso problema è il territorialismo dipartimentale in molte delle nostre università. Alcuni degli argomenti piuttosto superficiali che hanno rallentato lo sviluppo di programmi formali in HLT è che una laurea in lingue non può essere ottenuta da una facoltà di tecnologia e una laurea in tecnologia non può essere ottenuta da una Facoltà di Lettere. E c'è la prospettiva di un corso di laurea in HLT. Ho anche riscontrato lo stesso livello di argomenti banali e distraenti sulla linguistica computazionale.

KT: In un pezzo che ho scritto alcuni anni fa, ho osservato che Siri (e altre soluzioni di tecnologia vocale) esiste in lingue piccole come lo svedese, il norvegese e il danese, tre lingue che hanno popolazioni comuni solo la metà di quella di Yorùbá, ma le lingue nigeriane non esistono su queste piattaforme. Perché pensi che sia così? Non è certamente a causa della popolazione o dell'alfabetizzazione nella lingua.

TA: There is a person-dollar value of every language. The person-dollar value of a language is the product of the population of speakers of the language and the amount of dollars in the pockets of these speakers. Language is the channel through which all negotiations are made. There is a justifiable perception of a greater need to negotiate with someone with lots of money than one with little or no money. Unfortunately, however, this composite person-dollar value of a language depends to a large extent on the perceived importance of the language, primarily within the speaking community. If a people feel that they can engage in negotiations and transactions in a foreign language, no matter the size of their population and the amounts of dollars in their pockets, the man-dollar value of their language will tend towards zero as the perceived value of their language, primarily within the speaking community tends to zero. All the man-dollar value their language could have accrued goes to the language they prefer to speak. That is the case of Igbo, Yorùbá and many other Nigeiran languages apart from Hausa. Recall that Swedish is the language that produced Ericson phones with just 10 million speakers and Finnish is the language that produced Nokia phones with just 5 million speakers! The population factor can be easily overrated.

TA: C'è un valore persona-dollaro di ogni lingua. Il valore persona-dollaro di una lingua è il prodotto della popolazione di parlanti della lingua e della quantità di dollari nelle tasche di questi parlanti. La lingua è il canale attraverso il quale vengono effettuate tutte le negoziazioni. C'è una percezione giustificabile di una maggiore necessità di negoziare con qualcuno con molti soldi rispetto a uno con pochi soldi o nessuno. Tuttavia, sfortunatamente, questo valore composito persona-dollaro di una lingua dipende in larga misura dall'importanza percepita della lingua, principalmente all'interno della comunità parlante. Se un popolo sente di poter intraprendere negoziazioni e transazioni in una lingua straniera, indipendentemente dalle dimensioni della sua popolazione e dalla quantità di dollari nelle sue tasche, il valore uomo-dollaro della sua lingua tenderà verso lo zero come valore percepito di la loro lingua, principalmente all'interno della comunità parlante, tende a zero. Tutto il valore in dollari che la loro lingua avrebbe potuto accumulare va alla lingua che preferiscono parlare. Questo è il caso di Igbo, Yorùbá e molte altre lingue nigeriane oltre all'Hausa. Ricordiamo che lo svedese è la lingua che ha prodotto i telefoni Ericson con solo 10 milioni di parlanti e il finlandese è la lingua che ha prodotto i telefoni Nokia con soli 5 milioni! Il fattore popolazione può essere facilmente sopravvalutato.

KT: E infine, cosa vedi in futuro per la linguistica africana, le lingue africane nella tecnologia, le lingue africane in generale e le tecnologie di localizzazione?

TA: Language is the last bridge of the digital divide. Having laid all the marine cables, deployed fibre, installed microwave links and taken advantage of legacy copper networks, there still remains the last six inches of the digital divide, that gap between the terminal equipment and the eyes of the user, which can only be bridged by use of the prefered language of the computer user. African linguists are needed to develop the necessary theories and frameworks required for developing the language technologies that can bridge these gaps in as many as possible of about 3000 African languages.

Language will be the last frontier in our march as humans to make machines understand us. African linguists should set these as their targets and leave the teaching of local languages to graduates of education and leave working in media houses to graduates of Mass Communication. They have more compelling roles in developing more convenient user interfaces for ICT. These require studious modification of curricular and admission criteria.

La lingua è l'ultimo ponte della divisione digitale. Dopo aver posato tutti i cavi marini, distribuito la fibra, istallato i collegamenti a microonde e sfruttato delle reti in rame di seconda generazione, rimangono ancora gli ultimi sei pollici della divisione digitale, quel divario tra l'apparecchiatura terminale e gli occhi dell'utente, che può essere solo colmato dall'uso della lingua preferita dall'utente del computer. I linguisti africani sono necessari per elaborare le teorie e le strutture necessarie per sviluppare le tecnologie linguistiche in grado di colmare queste lacune nel maggior numero possibile di circa 3000 lingue africane.

Il linguaggio sarà l'ultima frontiera della nostra marcia di esseri umani per farci capire dalle macchine. I linguisti africani dovrebbero fissarli come obiettivi e lasciare l'insegnamento delle lingue locali ai laureati dell'istruzione e il lavoro nelle case dei media ai laureati in comunicazione di massa. Hanno ruoli più convincenti nello sviluppo di interfacce utente più convenienti per le TIC. Questi richiedono una modifica approfondita dei criteri curricolari e di ammissione.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.