chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Poeta e attivista del Myanmar condannato per la sua protesta contro il blocco di internet

Maung Saungkha il giorno della condanna. Foto di Radio Free Asia Burmese. Copyright © 1998-2020, RFA. Utilizzata col permesso di Radio Free Asia, 2025 M St. NW, Suite 300, Washington DC 20036. https://www.rfa.org.

Un tribunale locale del Myanmar ha condannato il poeta e attivista Maung Saungkha per aver violato la legge “Peaceful Assembly and Peaceful Procession Law”.

Maung Saungkha, un cofondatore di Athan, gruppo a difesa della libertà di espressione basato sulla ricerca, è stato accusato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] in relazione a una protesta [it] del 21 giugno nella città di Yangon, che prevedeva il dispiegamento di uno striscione che diceva: “Internet è stato bloccato per nascondere crimini di guerra e uccidere le persone?”

Maung Saungkha è apparso in sei udienze tra il 7 luglio e il 21 agosto. Un agente di polizia ha testimoniato contro di lui, dicendo che l'attivista aveva organizzato una protesta senza informare le autorità. La sua condanna è stata annunciata il 4 settembre, quando il tribunale gli ha chiesto di scegliere tra lo scontare una pena detentiva di 15 giorni o pagare una multa di 30.000 Kyat (22,50 dollari). Ha optato per quest'ultima.

Oggi il tribunale mi ha inflitto una multa di 30.000 Kyat o 15 giorni di reclusione per aver organizzato una campagna che chiedeva la fine del blocco di internet negli Stati di Rakhine e Chin. Grazie per il vostro sostegno.

Il 21 giugno segna un anno da quando internet e le reti di comunicazione sono state soggette a restrizioni nello stato di Rakhine del Myanmar, a seguito degli scontri tra l'esercito del Myanmar e un gruppo etnico armato. Gli operatori delle telecomunicazioni locali hanno affermato di essere stati incaricati dalle autorità di limitare il servizio 3G nell'area fino a ottobre 2020.

Athan e altri gruppi della società civile hanno presentato una petizione al governo per ripristinare a pieno la connessione internet in Rakhine, anche perché i residenti locali hanno bisogno di accedere ad informazioni vitali sulla salute pubblica riguardo la COVID-19.

In un'e-mail inviata ad Human Rights Watch il 12 agosto, Maung Saungkha aveva lamentato del continuo utilizzo di leggi che minano la libertà di espressione:

I don’t see any signs or attempts to improve the freedom of expression in Myanmar. In my opinion, the government prosecutes people for protesting against the internet shutdown because it still wants to have the internet cut off in those areas.

Non vedo segnali o tentativi per migliorare la libertà di espressione in Myanmar. A mio parere, il governo persegue le persone per aver protestato contro il blocco di internet perché vuole che internet sia ancora bloccato in quelle aree.

Il partito al potere del Myanmar, la Lega Nazionale per la Democrazia (NLD), è salito al potere nel 2015 con una schiacciante vittoria. Era guidato da figure di spicco dell'opposizione del movimento democratico che si opponeva ferocemente alla dittatura militare.

La condanna di Maung Saungkha è un altro segno dell'incapacità della NLD di invertire le politiche utilizzate dal precedente governo militare per soffocare il dissenso.

Secondo la ricerca di Athan, dal 2015 sono state presentate 91 denunce penali ai sensi della Peaceful Assembly Law contro attivisti, studenti e manifestanti pacifici.

Ismail Wolff, direttore regionale di Fortify Rights, ha sottolineato che Maung Saungkha non avrebbe dovuto essere perseguito per aver semplicemente protestato contro una politica del governo:

Maung Saungkha may not be in prison this time around but he should never have been arrested in the first place or faced trial simply for defending human rights. These arrests and convictions are part of a systematic attempt to silence those who speak out against human rights abuses.

Maung Saungkha potrebbe non essere finito in prigione questa volta, ma non avrebbe mai dovuto essere stato arrestato o affrontare un processo semplicemente per aver difeso i diritti umani. Questi arresti e condanne fanno parte di un tentativo sistematico di mettere a tacere coloro che si pronunciano contro le violazioni dei diritti umani.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.