chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Questi post è ripreso da Advox, progetto del circuito Global Voices mirato a tutelare la libertà d'espressione contro la censura online. Per saperne di più · tutti gli articoli

RSS

articoli mini-profilo di Advox

23 marzo 2020

Copertura mediatica delle rivolte messe a tacere a Dehli

IL 6 marzo 2020, il governo indiano ha vietato due canali di notizie malayalam per 48 ore, a causa delle notizie di violenza riportate a nord-est...

21 marzo 2020

Il Marocco intensifica la repressione della libertà di espressione

Il Morocco ha un livello terribile per quant riguarda la repressione della libertà di espressione, dei media indipendenti e della libertà di stampa dei media.

20 marzo 2020

Venditrice su Facebook che indossa “abiti sexy” accusata di pornografia in Cambogia

"Punire le donne per la scelta dell'abbigliamento fa parte della causa principale della violenza, piuttosto che la sua cura, e deve essere respinta".

13 marzo 2020

Sospensioni di internet nel 2019: l'India è in cima alla lista dei paesi responsabili

Nel 2019, l'accesso a internet è stato sospeso 121 volte nella sola India, secondo una nuova relazione di Access Now.

3 marzo 2020

L'Algeria interromperà l'accesso ad internet quando si avvicineranno le elezioni?

Con i protestanti che spingono i social media alla diffusione dell'informazione riguardo a cosa sta accadendo, le autorità algerine bloccano ripetutamente l'accesso ai social network...

2 marzo 2020

Le norme drastiche adottate dal Pakistan in materia di social media colgono di sorpresa gli attivisti

Le nuove normative impongono alle aziende social media a trasmettere le informazioni degli utenti e a rimuovere i contenuti ritenuti illeciti su richiesta delle autorità.

29 febbraio 2020

La censura cinese dimostra che può permettersi il prezzo della “morte dei media”

Un gran numero di gruppi e account privati di Wechat sono stati rimossi dopo la morte del Dr. Li Wenliang, accendendo i social media.

28 febbraio 2020

Per i rifugiati Rohingya i sistemi di identificazione significano coercizione, violenza e negazione dell’identità etnica

"Ci hanno detto che avrebbero sospeso le razioni e che non potevamo stare nei campi. Non avevamo scelta".

21 febbraio 2020

Addio a Lina Ben Mhenni, blogger tunisina impegnata nella difesa dei diritti umani

Piangiamo la scomparsa di Lina Ben Mhenni, blogger tunisina, difensore dei diritti umani, collaboratrice di Global Voices e voce brillante della rivoluzione tunisina del 2011.

6 febbraio 2020

Shariat Sarkar, cantante di musica Baul, è stato arrestato in Bangladesh per “aver insultato” l'Islam

Il cantante Baul Shariat Sarkarè è accusato di aver "urtato il sentimento religioso dei musulmani". Egli sostiene che la musica non sia proibita dall'Islam.

28 gennaio 2020

La nuova legge sulla privacy in Mozambico minaccia la libertà di espressione, affermano gli attivisti

La nuova legge criminalizza tutte le violazioni della privacy tramite telefono e la pubblicazione di foto e video di terzi senza consenso.

25 gennaio 2020

Ultimatum per la registrazione biometrica delle SIM card in Tanzania

Con l'obbligo di registrazione biometrica della SIM la Tanzania si aggiunge alle lista crescente di nazioni africane incastrate nella rivoluzione digitale dei dati.