chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Corruzione e povertà portano a rabbia e disperazione in Iran

Screenshot dal video delle proteste a Teheran del 4 gennaio 2018. Disponibile su YouTube: https://youtu.be/hNNVlONyNGs

Questo pezzo è stato postato sul sito web di Arseh Sevom [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], un'organizzazione non governativa che promuove la pace, la democrazia e i diritti umani per le comunità di lingua persiana.

“Dove sono i miei soldi?” Questo è ciò che, negli ultimi anni, molti in Iran hanno chiesto mentre guardavano l'inflazione e la corruzione decimare i loro guadagni.

L’inflazione ha colpito più duramente i poveri e la classe lavoratrice. Il costi del cibo, dei servizi e dell'assistenza sanitaria sono aumentati notevolmente negli ultimi cinque anni. Nel 2013 il costo del cibo è aumentato di poco più del 57%; nel 2017 è aumentato di un ulteriore 13,9%. Nel frattempo, il tasso di disoccupazione giovanile si aggira intorno al 25%.

In poche parole, c'è molta disperazione economica. Ma non finisce qui. Molte persone disperate hanno investito in schemi piramidali che hanno arricchito i pochi a scapito dei molti. I lavoratori di tutto l'Iran hanno aspettato fino a un anno per essere compensati del lavoro completato. Questo li intrappola in debiti ineludibili e molti finiscono in prigione per aver utilizzato assegni difettosi, mettendo ancora più stress sulle famiglie già in difficoltà.

Nell'ultima metà del 2017, ci sono state proteste quasi ogni giorno davanti al Parlamento iraniano. Insegnanti, operai e autisti di autobus chiedevano una paga più alta e migliori condizioni di lavoro. Non è una cosa nuova: queste proteste vanno avanti da ormai più di un decennio.

La Repubblica islamica dell'Iran non è stata in grado di garantire le libertà e la stabilità finanziaria che i suoi cittadini desiderano. Ci ritroviamo davanti al risultato delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti; gran parte dell'inflazione, tuttavia, è dovuta alla corruzione e al malgoverno.

Le sanzioni finanziarie imposte dagli Stati Uniti hanno effettivamente fornito scuse per una cattiva pianificazione e una corruzione dilagante. Finché sono in vigore, il governo iraniano può nascondersi, incolpando tutto il resto: dalla carenza di latte alla scarsa manutenzione degli aerei, alle sanzioni.

Nel frattempo, coloro che hanno imparato a giocare con il sistema hanno incassato molti soldi. Un esempio perfetto è l'iraniano Babak Zanjani, diventato più volte miliardario grazie alle sanzioni internazionali contro l'Iran e alla sua abilità di riciclare il denaro della Repubblica islamica. Alla fine del 2013 è stato arrestato.

Alcuni peggio di altri

Paykans al nord di Tehran. Foto via Wikipaykan – foto personale, CC BY-SA 3.0, Link

Nel 2003, le strade dell'Iran erano piene di berline bianche squadrate Paykan e di occasionali auto compatte di fabbricazione straniera. I bar erano rari; qualsiasi segno pubblico di ricchezza era quasi assente. Molte persone vivevano con stipendi con cui non avrebbero pagato nemmeno un mese di affitto: 1000 dollari al mese sembravano una somma di denaro assurda.

Quando ho lasciato Teheran nel 2007, il consumismo era in aumento. Aziende internazionali e prodotti di lusso stavano trovando un mercato in Iran. Subito dopo, le coppie hanno iniziato a mangiare gelato a scaglie d'oro nei ristoranti in cima alle torri e a sfoggiare la loro ricchezza in macchine di lusso come Jaguars e Porsche. Tutto ciò è stato seguito dall'aumento degli sfratti di inquilini a lungo termine per costruire nuovi condomini. Pian piano ogni pretesa di lotta condivisa è svanita.

La ricchezza non può proteggerti dal collasso ambientale

Screenshot dal documentario di Al Jazeera Earthrise: Iran's Water Crisis by Gelareh Darabi

Teheran è soffocata dallo smog. I giorni in cui l'aria è irrespirabile stanno aumentando e le persone stanno soffrendo. Nel 2011, il governo iraniano ha riferito che quasi 3.000 persone sono morte ogni mese a causa di complicazioni derivanti dall'inquinamento. Questo numero potrebbe essere più alto, poiché la ricerca dimostra che anche  molti decessi per malattie cardiovascolari sono in realtà il risultato dell'inquinamento, non dello stile di vita o della dieta.

La cattiva gestione dell'acqua è peggiorata durante l'amministrazione Ahmadinejad dal 2005 al 2013. Durante quel periodo, dighe di nuova costruzione hanno portato a prosciugare fiumi, laghi e falde acquifere. Aree un tempo fertili sono state distrutte.

L'industria privata, con collegamenti con lo stato, ha messo in guardia le persone dal “esagerare” l'entità della crisi ambientale in Iran. Un rapporto investigativo di alcuni ricercatori ambientali ha scoperto che la ricerca scientifica sulla crisi viene spesso soffocata.

Nel frattempo, gli analisti prevedono milioni di rifugiati a causa del clima interno. È qualcosa per cui prepararsi, da non ignorare.

Le proteste crescono e diminuiscono

Molte persone in Iran che hanno osservato il conflitto nella regione circostante, si sono sentite fortunate di esserne state un po’ isolate. Si sentono minacciati da Daesh (noto anche come ISIL o ISIS, il brutale gruppo militante che ha conquistato aree dell'Iraq e della Siria) e dall’Arabia Saudita. Hanno paura della possibilità di disintegrazione nazionale e del tipo di violenza che si è riversata sulla Siria. Questa paura ha frenato la protesta pubblica.

Il direttore dell'organizzazione non governativa Arseh Sevom (e anche mio compagno di vita) Kamran Ashtary ha dichiarato:

Iranians again show us that they are unpredictable. Those who had claimed that people were so afraid of a Syria-type scenario that they would not come to the streets, were wrong. As we say again and again, Iranians are always full of surprises. Violence and suppression won’t work forever.

Gli iraniani ci mostrano ancora una volta che sono imprevedibili. Coloro che avevano affermato che le persone avevano così tanta paura di uno scenario di tipo siriano da non scendere in piazza, si sbagliavano. Come ripetiamo più volte, gli iraniani sono sempre pieni di sorprese. La violenza e la repressione non funzioneranno per sempre.

L'attuale ondata di proteste in corso è stata apparentemente scatenata dalle manifestazioni nella città orientale di Mashhad contro l'amministrazione moderata di Hassan Rouhani. Tuttavia, i sostenitori hanno presto perso il controllo e la gente è scesa in piazza con rabbia e disperazione.

Ashtary ha aggiunto:

The Islamic Republic of Iran and the administration of President Rouhani have seen this coming. Over the past few months, there have been many protests from all sides: from teachers, bus drivers, and the working class. People all over Iran have become frustrated with Rouhani’s government. They see that the lifting of sanctions has pumped money into the country, but regular people, people who have been working very hard in Iran, have not seen the benefits.The level of corruption is high. The national budget shows money flowing into religious organizations without any accountability. The moderates and reformists have been quiet and have not taken the side of people suffering in Iran. Iranians have been quite patient with the Islamic Republic. That won’t last. This may be the last chance for non-violent change.

La Repubblica islamica dell'Iran e l'amministrazione del presidente Rouhani avevano previsto tutto ciò. Negli ultimi mesi ci sono state molte proteste da ogni parte: da insegnanti, autisti di autobus e classe operaia. La gente in tutto l'Iran è frustrata nei confronti del governo di Rouhani. Sostengono che la revoca delle sanzioni ha dato denaro al paese, ma le persone normali, persone che hanno lavorato molto duramente in Iran, non hanno visto nessun benefici. Il livello di corruzione è alto. Il bilancio nazionale mostra che il denaro scorre nelle organizzazioni religiose senza alcuna responsabilità. I moderati e i riformisti sono rimasti tranquilli e non si sono schierati dalla parte delle persone che soffrono in Iran. Gli iraniani sono stati abbastanza pazienti con la Repubblica islamica. Non durerà. Questa potrebbe essere l'ultima possibilità per un cambiamento non violento.

Per la prima volta da decenni, le persone per le strade dell'Iran hanno chiesto apertamente di porre fine al governo clericale. Alcuni hanno cantato per la reintegrazione dello Scià, mentre altri si sono scagliati contro il presidente e il leader supremo.

Quello che accade oggi è in netto contrasto con le manifestazioni all'indomani delle elezioni del 2009, l'ultima volta in cui masse di persone sono scese in piazza in Iran. Quelle proteste chiedevano un nuovo conteggio del voto, per “piccoli cambiamenti”. La gente cantava filastrocche, non slogan politici. Uno dei più cantati è stato [ar]:

نترس, نترس, ما همه با هم هستیم

Non abbiate paura, non abbiate paura, dobbiamo restare uniti.

Rivoluzione??

Il popolo iraniano ha lottato per un governo giusto sin dalla rivoluzione costituzionale del 1905. Le speranze democratiche del paese sono state deluse ripetutamente, come ad esempio nel caso del colpo di stato guidato da Stati Uniti e Regno Unito nel 1953 contro il primo ministro iraniano democraticamente eletto Mossadegh (questo saggio su Twitter di @_chloi da una buona panoramica). Negli ultimi anni molti in Iran hanno parlato di evoluzione, non di rivoluzione. Sono due cose diverse però. Molti tuttavia pensano che non ci sia più niente da perdere.

Il governo iraniano chiama i manifestanti “controrivoluzionari”. Altri invece venivano chiamati rivoluzionari. Con una mossa senza precedenti, più di 40 studenti sono stati arrestati preventivamente a causa del timore di cosa avrebbero potuto fare se fossero stati coinvolti nelle proteste. Il Centro per i Diritti Umani in Iran ha maggiori informazioni a riguardo: le forze di sicurezza iraniane hanno arrestato più di 40 studenti universitari.

È una rivoluzione? Probabilmente no. In un post su Facebook, l'analista iraniano Peyman Jafari ha osservato [nl]:

De geschiedenis laat zien dat protesten een eigen dynamiek kunnen hebben. Ze kunnen groeien, radicaliseren en tot revoluties leiden. Maar diezelfde geschiedenis laat ook zien dat ze kunnen eindigen in repressie of concessie. De indicatoren van de Iraanse samenleving en staat wijzen eerder op de tweede ontwikkeling.

La storia ci dimostra che le proteste hanno le loro dinamiche. Possono crescere, radicalizzarsi e portare alla rivoluzione. Ma la stessa storia mostra anche che possono terminare con la repressione e le concessioni. Quello che sappiamo della società e del governo iraniani indica il secondo risultato.

Cosa può fare la società civile?

Maziar Bahari di IranWire ha suggerito alcune modifiche alla politica statunitense al fine di supportare al meglio i dimostranti:

Tre semplici suggerimenti per il governo degli Stati Uniti e altri:
1- imporre sanzioni alla TV di stato iraniana, IRIB
2- revoca il divieto di viaggio per gli iraniani
3- condanna la violenza da tutte le parti, sia da parte del governo che da chi promuove la violenza contro moschee e banche in Iran.

Journalist Mostafa Khosravi ha detto a Global Voices:

This is a very critical time for reformists in Iran. If they don’t find a way to support those demonstrating in the streets, they will lose all of the backing they’ve gained over the past six years. By this I mean, the seats gained by Reformists in Parliament and on city councils. Protesters are asking them for support. So far, their only response has been to tell them to calm down. If that’s the best they can do, there is no hope for them as a party.

Questo è un momento molto critico per i riformisti iraniani. Se non trovano un modo per sostenere quelli che manifestano nelle strade, perderanno tutto il sostegno che hanno ottenuto negli ultimi sei anni. Con questo intendo i seggi guadagnati dai riformisti in Parlamento e nei consigli comunali. I manifestanti chiedono supporto. Finora, la loro unica risposta è stata quella di dire loro di calmarsi. Se questo è il meglio che possono fare, non c'è speranza per loro.

Con quasi 1000 arrestati, la repressione sembra più efficace della “calma”. Il giornalista Golnaz Esfandiari ha riferito che le testate giornalistiche stanno usando Twitter per identificazione dei manifestanti:

Alcune testate giornalistiche iraniane mettono in pericolo i protestanti tramite l'identificazione.

In una lettera dal carcere, il vice presidente dei Difensori dei Diritti Umani, Narges Mohammadi, ha pubblicato raccomandazioni per sostenere le manifestazioni senza violenza. Chiede che la società civile faccia pressione sul governo per rivalutare il bilancio e ritiene che questo sia il modo migliore per sostenere le proteste pacifiche e portare il cambiamento [ar]:

دولت می بایست به جای سخن درمانی، اقدامات قاطع در حمایت از حقوق ملت واصلاحاتی بنیادی کند.

نمایندگان مجلس در این شرایط می بایست در صف مردم بایستند و نگذارند لایحه بودجه با کیفیت حال به تصویب برسد.

ما مردم هم باید با تدبیر و در پرهیز از خشونت بر سر مطالبات خود محکم بایستیم و عقب ننشینیم. حرکت اعتراضی در این سرزمین هزینه بر است، اما ما باید دستاورد هم داشته باشیم. اولین و ضروری ترین اقدام در رفع بی‌عدالتی و فساد، ممانعت از تصویب لایحه بودجه سال ۹۷ است که می توانیم با بهره گیری از تمام امکانات و راهکارهای مدنی و مسالمت‌آمیز اعتراضی مانع تصویب آن شویم.

اگر در زندان نبودم روزهای بررسی و تصویب لایحه اموال ملت، در مقابل خانه ملت می ایستادم تا نمایندگان بدانند که نماینده و پاسخگو به ملت‌اند و چشمان ملت نظاره گرند.

Invece di parlare, il governo deve prendere provvedimenti concreti per sostenere e proteggere i diritti delle persone attraverso riforme fondamentali.

In questa situazione critica, i membri del Parlamento devono ascoltare le preoccupazioni della gente. Devono garantire che il bilancio proposto non venga ratificato.

Noi, il popolo, con determinazione e senza violenza, dobbiamo rivendicare fermamente i nostri diritti. La protesta sarà costosa ma darà i suoi frutti. Per ora, la questione più urgente nella lotta alla corruzione e alla povertà è la proposta di bilancio 2018. Dobbiamo impegnarci in una protesta pacifica per impedirne il passaggio.

Se non fossi in prigione, sarei davanti al Parlamento ogni giorno in cui si discute il disegno di legge di bilancio. I membri del Parlamento devono capire che devono rendere conto al popolo, che rappresentano il popolo e che gli occhi del popolo sono su di loro.

Mostafa Khosravi ha contribuito alle ricerche per questo articolo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.