chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Activismo Lenguas, un'iniziativa di Rising Voices, riceve il Premio Internazionale della Lingua Madre

Screenshot tratto dal video pubblico prodotto da Shahedul Khabir Chowdhury durante la cerimonia dell'assegnazione del Premio Internazionale della Lingua Madre tenutasi a Dhaka, Bangladesh, il 21 febbraio 2021.

L’Istituto Internazionale della Lingua Madre (IILM) [bn] del Bangladesh ha assegnato [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] il prestigioso Premio Internazionale della Lingua Madre per il 2021 ad Activismo Lenguas [es] (Attivismo Linguistico Digitale), un'iniziativa promossa da Rising Voices, in riconoscimento dello “straordinario contributo” del progetto “alla protezione, promozione e rivitalizzazione delle lingue indigene”.

Sheikh Hasina, Primo Ministro della Repubblica Popolare del Bangladesh e Primo Sostenitore dell'IILM ha consegnato il premio nel corso di una breve cerimonia [bn] tenutasi a Dhaka, in Bangladesh, il 21 febbraio 2021.

Questo è il primo anno in cui l'IILM ha premiato quattro individui e organizzazioni, sia nazionali che internazionali, per il loro lavoro nel campo del linguaggio. I premi sono stati assegnati in occasione della Giornata Internazionale della Lingua Madre [it], che sin dalla sua proclamazione nel 1999 viene osservata in tutto il mondo il 21 febbraio. I criteri per l'assegnazione di questo premio biennale comprendono “contributi particolari all'innovazione tecnologica digitale nel campo della conservazione, protezione e rivitalizzazione delle lingue madri”.

Nel 2014, in seguito al Primo Convegno dell'Attivismo Digitale per le Lingue Indigene [it], tenutosi a Oaxaca, in Messico, e di cui è stata uno degli organizzatori, Rising Voices, la sezione di Global Voices dedicata all'espansione verso l'esterno e all'inclusione digitale, ha lanciato Activismo Lenguas [es], un'iniziativa centrata sull'America Latina. A partire da quel primo incontro ne sono stati tenuti di simili in Colombia, Perù, Bolivia, Ecuador, Guatemala e Cile [es], allo scopo di creare spazi e reti per lo studio e gli scambi da pari a pari. Oltre a questi eventi, Rising Voices ha sostenuto progetti di attivismo digitale in quattro paesi, portato avanti due programmi di ricerca in comune, creato un registro online [es] di progetti digitali, organizzato una Rete di Attivisti Digitali delle Lingue Indigene [es] e lanciato la campagna @ActLenguas [es], tuttora in corso sui social media, in cui attivisti delle lingue indigene raccontano le loro esperienze usando la tecnologia per la protezione delle lingue.

“Questo premio è una testimonianza dell'impatto che gli attivisti digitali del linguaggio stanno esercitando attraverso l'America Latina e della grande potenzialità del loro lavoro”, ha detto Eddie Avila, direttore di Rising Voices. “Facendo leva sul potere dell'internet e della tecnologia digitale questi attivisti stanno dimostrando la capacità di tali strumenti di attrarre nuove generazioni di parlanti e quella degli attivisti delle lingue indigene di avere una maggiore presenza online. Accettiamo questo premio a nome delle centinaia di attivisti delle lingue indigene, nonché delle loro comunità, che hanno condiviso con gli altri la loro vasta conoscenza ed esperienza e reso possibile questo movimento. Ci aspettiamo con gioia di continuare ad appoggiarli mentre procediamo verso il 2022 e il Decennio Internazionale delle Lingue Indigene.

Gli altri vincitori del premio nel 2021 comprendono il  Professor Mohammad Rafiqul Islam e Mathura Bikash Tripura dell'Associazione Jabrang Welfare del Bangladesh. L'altro premiato a livello internazionale è stato Islaimov Gulom Mirzaevich, in riconoscimento del suo lavoro con la lingua uzbeca.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.