chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La Giamaica invia un grosso carico di cani randagi in Canada, gli animalisti sperano che la mentalità regionale cambi

Topaz è stato salvato in Tobago nel 2020, all'epoca fu adottato da un appassionato di cani del Massachusetts che ha trovato casa ad altri due cani provenienti dall'isola. Il territorio della Giamaica sembra avere una situazione molto simile. Foto di Elspeth Duncan, usata previa autorizzazione.

Attenzione: Questo post contiene alcune immagini forti che raffigurano animali randagi malnutriti e maltrattati, prima che fossero riabilitati e che gli venisse trovata una casa.

Il 13 marzo, le troupe televisive giamaicane sono scese all'aeroporto internazionale Sangaster di Montego Bay dato che 144 passeggeri si sono imbarcati per un volo privato speciale [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] diretto in Canada. I viaggiatori, i quali non necessitavano di un passaporto o di un visto, erano dei Brown Terrier giamaicani tratti in salvo — cani randagi — verso una nuova vita. Il Montego Bay Animal Haven (MBAH), in collaborazione con l'organizzazione canadese Save Our Scruff, si è occupata di trovare una casa ai cani.

Mentre la maggior parte degli internauti è sembrata felice di accogliere la “bella notizia” a proposito del trasferimento dei terrier, ci sono stati anche dei meme sui social media e dei commenti ironici che paragonavano il trasferimento dei cani, avvenuto senza problemi, alle sfide che molti giamaicani affrontano per ottenere i visti.

Tuttavia la cosa più importante è che le adozioni oltre oceano hanno puntato i riflettori sulle peripezie degli animali randagi. Il fondatore del MABH Tammy Browne, crede che le leggi coloniali giamaicane sulla crudeltà verso gli animali hanno il serio bisogno di essere riviste. Recentemente, ha twittato a proposito di uno dei tanti tristi casi:

Salvo!!! Grazie agli animal angels di Kingston, abbiamo bisogno di rivedere le leggi sulla crudeltà verso gli animali in Giamaica.

L'MBAH semplicemente non ha più spazio, è impossibile mantenere il passo con il crescente numero di animali bisognosi di cure a causa dell'abbandono (intenzionale o per altre ragioni) di cani, in particolare. Dato che il centro di salvataggio non pratica l'eutanasia sugli animali ma fa affidamento sulle adozioni, ha dovuto trovare altre alternative, così ha puntato il suo sguardo all'estero.

Si è rivelata essere un'impresa abbastanza impegnativa, ma con il supporto di un gruppo di volontari, diverse compagnie locali e il veterinario del governo, si è riusciti a portare a termine il lavoro.

In un post su Facebook, l'MBAH ha notato che è stato “rincuorante vedere le risposte dalla comunità imprenditoriale e dai giamaicani di tutti i ceti sociali, per la prima migrazione di massa di cani” dal paese:

This group of travellers is not made up of specially-reared pure-bred dogs. Far from it. They have all come from desperate situations on the streets of our nation. They are the injured, the abused, the traumatized, the starving, the neglected, the forgotten — the ones covered in mange and eaten away by maggots. […] We heal their wounds, both the physical and the emotional ones, and we take the time to teach them to trust humans again.

We give them dignity. Royal Caribbean Terriers — not mongrels.

We find them forever homes.

And they shine!

We are so proud of them and we hope that this has been a real eye-opener and game-changer for all those Jamaicans who have been accustomed to treat dogs with cruelty rather than kindness, and who have seen them only as something to bark when strangers arrive.

Questo gruppo di viaggiatori non è composto da razze rare, pregiate di cani. Assolutamente no. Tutti loro arrivano da situazioni disperate vissute sulle strade della nostra nazione. Loro sono i feriti, traumatizzati, maltrattati, affamati, abbandonati, i dimenticati — coloro che sono coperti di scabbia e mangiati dai vermi. […] Noi curiamo le loro ferite, sia fisiche che psicologiche e ci prendiamo il tempo di insegnare loro a fidarsi di nuovo degli uomini.

Gli diamo una dignità. I Royal Caribbean Terrier — non meticci.

Gli troviamo una casa per la vita.

E tornano a risplendere!

Siamo così orgogliosi di loro e speriamo che ciò possa essere d'esempio per tutti quei giamaicani che sono stati abituati a trattare i cani con crudeltà piuttosto che con gentilezza, e che gli hanno sempre visti solo come qualcosa da far abbaiare quando arriva un estraneo.

Muri, il primo salvataggio in Tobago ad essere trasferito all'estero dalla ONG Venus: Doggess of Love. Foto per gentile concessione di Elspeth Duncan, usata previa autorizzazione.

Anche se è probabile che questa sia stata la più grande spedizione di salvataggio di cani mai fatta da questa regione, non è la prima volta che i meticci dei Caraibi sono stati trasferiti all'estero. Elspeth Duncan, fondatore dell'organizzazione non governativa, con base in Tobago, Venus: Doggess of Love, fin dal 2016, continua a trovare una casa in altri paesi ai cani salvati. Il primo cucciolo che viaggiò verso un altro paese fu Muri, un “Tobago Terrier” che trovò la sua sistemazione definitiva in Massachusetts, negli Stati Uniti. Si stima che lei da allora ha trovato casa a trenta cani e a una coppia di gatti presso famiglie che vivono all'estero, dagli Stati Uniti all'Europa.

In un'intervista telefonica con Global Voices, Duncan ha detto che gli amanti degli animali dei paesi più sviluppati trovano questi cani intelligenti, amorevoli e resilienti, e sanno adattarsi senza problemi alle nuove condizioni climatiche e alla nuova vita. L'ONG di Duncan è stata recentemente contattata dal Canada perché ci sarebbe stato spazio per ospitare quaranta cani, ma con le attuali restrizioni di viaggio per il COVID-19 in Trinidad and Tobago è difficile ed esageratamente dispendioso trasportare quei cani.

Il costo per trasferire un cane all'estero, includendo il biglietto aereo, la gabbia di trasporto e le iniezioni va da 5000 a oltre 10.000 dollari del Trinidad e Tobago (corrispondenti a 735 e 1500 dollari statunitensi), a seconda della destinazione e delle procedure richieste. I costi di viaggio dalla Giamaica alle zone a nord dell'arcipelago, sarebbero probabilmente meno eccessivi.

Duncan ha visto comportamenti verso gli animali simili a quelli descritti dal MABH. In Tobago, dice, i cosiddetti “cani marroni” sono così comuni che tendono ad essere trascurati e vengono percepiti dalla cultura del posto alla stregua di cavalli da lavoro. “I cani devono tenere alla larga le persone”, ci spiega, “I gatti devono cacciare i ratti per meritarsi il pasto. Gli animali non sono visti come da compagnia”.

Il prima e dopo, foto di Bonnie, un “Tobago Terrier” che Elspeth Duncan ha adottato dopo essere stata testimone dello stress subito dal cane per essergli stato rubato un suo cucciolo dalla strada. Bonnie adesso vive in New England, dove ha vinto premi per l'agility e ha recentemente completato un corso di addestramento canino. Foto per gentile concessione di Duncan, usata previa autorizzazione.

Questo è un aspetto chiave nel cambiare il comportamento diffuso nei Caraibi, verso i cani randagi e i meticci. Duncan trova affascinante che ogni volta che presenta sulla pagina Facebook di Venus: Doggess of Love un'adozione avvenuta all'estero, sono tante le persone che esprimono amore e ammirazione per quello stesso cane che se avessero trovato per strada non avrebbero nemmeno notato.

“Spesso penso”, ci racconta, “che ciò che le persone osservano in quelle foto va oltre la grande vita che questi animali adesso vivono. È la connessione che si viene a creare tra loro e i loro padroni. Finché non riusciremo a vedere gli animali come compagni di vita come queste persone fanno, la nostra attitudine verso di loro non cambierà”.

Come faceva notare un giamaicano su Twitter, ammettendo l'esistenza di una vastissima popolazione di cani randagi in Giamaica e di molti casi di abusi:

I cani marroni giamaicani sono rozzi per la maggior parte, ma restano fedeli e addestrabili avendo tantissimo potenziale, proprio come i loro simili — tutto ciò di cui hanno bisogno è amore senza pregiudizi. (C'è anche un parallelismo con le persone).

Nel frattempo, alcuni dei cani giamaicani che si sono stabiliti nelle loro nuove case hanno la loro pagina Instagram. In Giamaica, sta nascendo il piacere di salvare i cani. Ci sono già diversi Giamaicani che hanno animali salvati sul posto, tra cui una fashion designer e un famoso deejay.

Tuttavia, il paesaggio locale rimane pieno. A novembre 2020, per esempio, c'è stato un caso importante di un ragazzo che ha riportato ferite gravi a causa di un attacco da parte di un cane. Nonostante il cane in questione presumibilmente apparteneva a qualcuno che faceva parte della comunità del ragazzo, l'attacco è avvenuto in uno spazio pubblico, alterando la percezione della gente che lo ha inteso come cane randagio.

A quel tempo, il parlamento giamaicano emanò Il Dogs (responsabilità degli attacchi) Act, assieme al ministero della giustizia che colse l'occasione per ricordare ai giamaicani che dovrebbero tenere i loro cani sotto controllo.

A livello locale, lo sforzo per educare le persone a proposito dei diritti degli animali e ai benefici reciproci nel trattarli come animali domestici continua.

Christine Francois amante degli animali del Trinidad e Tobago, per esempio, ha recentemente lanciato il podcast Tall Tails, che si concentra sui diritti degli animali e sui benefici della loro compagnia, e Elspeth Duncan ha fatto un pluripremiato cortometraggio, Venus and Magnet, che racconta l'amicizia tra specie diverse. Secondo lei, è solo un'altra manifestazione del motto di Venus: Doggess of Love — l'amore cambia le vite.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.