chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La Cina si impegna a migliorare le condizioni dei fattorini. L'arresto di un attivista dei lavoratori suggerisce il contrario.

Chen Guajiang, fattorino e organizzatore, sta affrontando 5 anni di prigione per un litigio Screen catturato da HK citizen news.

Il 27 aprile, il vice capo del dipartimento delle relazioni di lavoro nell'ufficio delle risorse umane e della sicurezza sociale di Pechino, Wang Lin è apparso sul canale televisivo della città [zh] lavorando come fattorino. Dopo un turno di 12 ore, Lin è riuscito a guadagnare solo 41 yuan (meno di 6,5 dollari).

Anche Meituan, un'app cinese per la consegna di cibo con 290 milioni di utenti attivi [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], ha rilasciato rapidamente una dichiarazione pubblica, promettendo di migliorare il suo sistema di assegnazione degli ordini, creare un canale per i reclami dei lavoratori e fornire loro vacanze extra.

Dopo la sua trovata nel programma televisivo, che mira a mostrare come i funzionari di Pechino si preoccupino dei cittadini, Wang ha riferito che il suo dipartimento era in procinto di negoziare con le principali app di consegna dei miglioramenti sulle condizioni di lavoro degli addetti alle consegne.

A pochi giorni dalla festa dei lavoratori, il video di Wang su una moto per le strade di Pechino è diventato virale sui social media cinesi, con molti utenti che lo hanno commentato via Weibo.

Un utente chiamato “Xiao-hei-ye-zhi-jing” (小黑夜之睛), che si è presentato come fattorino, ha detto [zh] che le condizioni di lavoro dei fattorini non cambieranno a meno che le autorità non garantiscano che le piattaforme li assumano come dipendenti e offrano un'assicurazione per i loro addetti alle consegne di prima categoria. Per quanto riguarda i lavoratori flessibili, egli sostiene che dovrebbero essere in grado di scegliere i loro ordini piuttosto che essere obbligati ad accettarli. Inoltre, ha suggerito che le autorità governative impongano una paga minima per ordine e obblighino le piattaforme a regolarla in base alla distanza, al peso e alle dimensioni degli articoli consegnati.

Con la pandemia della COVID-19, i servizi di consegna sono cresciuti esponenzialmente in tutto il mondo. Non è diverso in Cina dove,secondo un recente rapporto [zh] della China Central Television nel 2019 il settore impiegava più di 10 milioni di addetti alle consegne. Il numero è solo in crescita da quando una piattaforma di servizi di consegna ha rivelato che in soli due dei mesi nel mezzo della pandemia, circa 580.000 nuovi addetti alle consegne si sono registrati nella sua piattaforma.

In tutto il mondo, come in Cina, i fattorini svolgono un lavoro pericoloso e lavorano per molte ore. Tuttavia, come lavoratori autonomi, non godono dei diritti dei dipendenti, come un salario minimo, assicurazione sanitaria e ferie pagate.

Il settore cinese delle consegne di cibo ha visto 45 scioperi nel 2019, secondo un rapporto dell'organizzazione del lavoro China Labour Bulletin.

Il programma televisivo di Pechino suggerisce che il governo cinese è ben consapevole di questi problemi. Ma in passato, le autorità hanno punito gli addetti alle consegne che hanno tentato di parlare e protestare per ottenere condizioni migliori.

L'arresto di un attivista degli addetti alle consegne

Nel luglio 2019, il fattorino di Pechino Chen Guojiang [zh] ha aperto un gruppo WeChat chiamato “delivery rider exchange” con i suoi colleghi lavoratori. Tre mesi dopo, il gruppo ha organizzato uno sciopero. Chen è stato arrestato e detenuto per 26 giorni.

La detenzione non ha fermato l'attivismo sindacale di Chen. Nel dicembre 2019, ha organizzato una “coalizione di fattorini”, che entro il 2021 si è evoluta in una rete di 16 gruppi WeChat con un totale di 14.000 membri.

Il 25 febbraio di quest'anno, Chen è stato nuovamente arrestato dopo aver divulgato che un sistema di bonus lanciato dalla piattaforma Ele.me durante il Nuovo Anno Lunare era fraudolento. In un video, Chen ha dimostrato come l'app ha smesso di assegnare gli ordini ai fattorini una volta che stavano per raggiungere l'obiettivo stabilito.

Il 2 aprile, la famiglia di Chen ha ricevuto la notifica ufficiale che egli sarebbe stato accusato di “aver causato liti e provocato problemi”. Dovrà affrontare fino a cinque anni di reclusione.

In Cina, i lavoratori delle consegne lottano contro un sistema truccato

Un eccellente rapporto di @supchinanews e @ZixuWang_News sulla detenzione dell'addetto alle consegne / attivista Chén Guójiāng (# 陈国江) e su cosa significa per i lavoratori nella fiorente gig economy cinese

L'arresto di Chen non ha impedito ad altri fattorini di organizzare scioperi. Durante le sessioni dei due congressi di marzo, alcuni scioperi su piccola scala in risposta all'abbassamento delle tariffe di consegna per ordine da parte del gigante dell'e-commerce Meituan hanno avuto luogo in diverse città cinesi, tra cui Linyi, nella provincia dello Shandong, Shenzhen, nella provincia del Guangdong, e Tongxiang nello Zhejiang.

La tirannia dell'algoritmo

Lo sfruttamento degli addetti alle consegne ha catturato l'attenzione pubblica in Cina nel settembre 2020, quando la rivista Renwu, affiliata allo stato, ha pubblicato una storia investigativa [zh] su come l'algoritmo di Meituan puniva ingiustamente i lavoratori.

L'indagine ha rivelato che la paga per ordine di un fattorino è determinata da un sistema complesso che tiene conto del numero medio di ordini che il lavoratore prende al giorno, la puntualità, la valutazione dei clienti e le lamentele dei clienti.

Il tempo minimo di consegna richiesto, secondo il pezzo, è determinato in base a “condizioni ottimali” – tempo asciutto, poco traffico, e che il ristorante finisca la preparazione del cibo in tempo. I percorsi di guida suggeriti a volte vanno anche contro le regole del traffico.

Si è scoperto che quando un cliente presenta un reclamo, cosa che accade spesso quando l'ordine è in ritardo, il lavoratore è soggetto a una multa che può valere un'intera giornata di guadagno. La punizione peggiore è la cancellazione totale dell'account dall'app.

I rapporti del governo della città di Shanghai mostrano che nei primi due trimestri del 2019, il settore delle consegne è stato coinvolto in 325 incidenti stradali, ovvero più della metà [zh] dei 570 casi totali.

Di fronte alle critiche dell'opinione pubblica, le principali piattaforme cinesi di consegna del cibo hanno da allora adeguato il loro algoritmo per fornire qualche minuto di flessibilità sui tempi di consegna. Tuttavia, hanno mantenuto altre regole, come un bonus mensile per i rider che effettuano un gran numero di ordini e la classifica dei lavoratori in base alle prestazioni. Sono tutte progettate per assicurarsi che i lavoratori assicurino una consegna veloce – a spese della loro stessa sicurezza fisica.

L'11 gennaio, una protesta [zh] in risposta al suicidio del fattorino Liu Jin, nel Jiangsu, ha catturato nuovamente l'attenzione pubblica. Il lavoratore di 47 anni ha tentato di togliersi la vita dopo che la piattaforma di consegna ha detratto 5000 RMB (circa 770 dollari) dal suo reddito. Era gravemente ustionato e in ospedale ha detto a sua sorella che “era così stanco che non voleva più vivere”.


La causa numero uno del suicidio è la depressione non curata. La depressione è curabile e il suicidio è prevenibile. È possibile ottenere aiuto da linee di supporto confidenziali per i suicidi e coloro che sono in crisi emotiva. Visita Befrienders.org per trovare una linea di assistenza per la prevenzione del suicidio nel tuo paese.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.