chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La transizione della Tanzania: dal Presidente Magufuli alla Presidente Hassan

Quando il Presidente John Magufuli ha preso potere nel 2015, l'avanzamento della Tanzania non poteva avvenire abbastanza velocemente. In foto, lo slogan del partito CCM di Magufuli, “Hapa Kazi Tu”, “Qui si lavora duro”, rappresentato su un cappello verde e giallo, i colori del partito. Foto di Pernille Baerendtsen, utilizzata previa autorizzazione.

In tutta la Tanzania migliaia di persone si stanno affollando in stadi, aeroporti e sui bordi dei marciapiedi per vedere di sfuggita il defunto Presidente John P. Magufuli mentre il suo corpo viene trasportato in aereo in vista di una settimana di cerimonie in suo onore [en, come i link seguenti salvo diversa indicazione]: da Dodoma, la capitale, fino all'isola di Zanzibar, Mwanza e infine Chato, dove si trova la sua casa sul lago Victoria e luogo in cui verrà sepolto.

Il 17 marzo, Magufuli è stato dichiarato morto all'età di 61 anni in un discorso tenuto alla TV nazionale dall'allora vice-presidente Samia Suluhu Hassan. Il discorso ha messo fine a settimane di speculazioni sul suo stato di salute e sul luogo in cui si trovasse. Si presume che sia morto per una condizione cardiaca cronica:

Annuncio della morte del Presidente della Repubblica Unita della Tanzania.

La morte improvvisa di Magufuli ha lasciato i tanzaniani e altri a speculare sul futuro della politica e del potere nella nazione dell'Africa orientale.

Venerdì, Hassan ha prestato giuramento come sesta presidente della Tanzania, entrando nella storia come la prima presidente donna del paese, la prima presidente nata sulle isole semi-autonome di Zanzibar e la prima donna musulmana della Tanzania a ricoprire un ruolo di spicco.

Secondo la costituzione della Tanzania, Hassan concluderà il resto del mandato quinquennale di Magufuli fino al 2025.

In un breve video clip [sw] ampiamente diffuso sui social media, Hassan scioglie ogni dubbio sulla sua abilità da donna di governare:

For those who have doubts that this woman will be able to be the president of the United Republic of Tanzania I would like to say to you that this person standing here is the president. [applause]  … I would like to repeat that this person standing here is the president of the United Republic of Tanzania, [and] happens to be a woman.

A tutti coloro i quali dubitano che questa donna sia in grado di essere presidente della Repubblica Unita di Tanzania vorrei dire che la persona in questione è la Presidente. [applausi]… vorrei ripete che la persona qui presente è la Presidente della Repubblica Unita di Tanzania [e] si dà il caso che sia proprio una donna.

Mentre alcuni tanzaniani piangono Magufuli ed elaborano questo improvviso cambiamento, molti altri hanno positivamente accolto Hassan.

Il politico dell'opposizione Zitto Kabwe, leader del partito ACT Wazalendo, trova speranza nella storia di attivismo di Hassan e nel suo lavoro come “membro della società civile”.

Una bella storia quella della presidente @SuluhuSamia raccontata in 20 minuti e condivisa da lei stessa. Dice di essere stata un’ “attivistà”. Era una funzionaria pubblica. Grazie Chambi per avermi fatto vedere questo video. Ascoltatelo tutti.

Mentre Hassan, chiamando all'unità e alla calma durante la transizione, è comunemente conosciuta come una consensus-builder, Magufuli era noto come “il bulldozer“, un soprannome che si era inizialmente guadagnato quando era Ministro del Lavoro, grazie alla sua efficienza nel far costruire strade.

Il ricordo di Magufuli

Un Kanga in onore del defunto John Magufuli, il quinto presidente della Tanzania morto il 17 Marzo 2021. In Swahili “Buriani baba yetu mungu akulaze pema / Tutakukumbuka daima shujaa wetu,”, in italiano “Addio Padre, che Dio ti benedica. / Non dimenticheremo mai il nostro eroe”.

Molti tanzaniani (e africani) ricordano Magufuli sui social media “nel bene e nel male”:

Il Bene e il Male di Magufuli sono ugualmente innegabili. Ciò significa che l'eredità che ci lascia è complicata e preziosa allo stesso tempo. I pro-Magufuli e gli anti-Magufuli non andranno mai d'accordo e il dibattito andrà avanti per anni.

Magufuli ha guadagnato popolarità nei primi istanti della sua presidenza per la sua solida promessa anti-corruzione. I suoi sforzi per promuovere grandi progetti infrastrutturali e l'industrializzazione hanno alimentato il desiderio di molti tanzaniani di essere autosufficienti dopo decenni di dipendenza dagli aiuti internazionali.

Lo scorso aprile, per esempio, Magufuli ha rifiutato un prestito dalla Cina di 10 millioni di dollari per il progetto di un “mega-porto”, affermando: “solo un ubriaco accetterebbe dei termini simili”.

In foto, il kanga che ha sostenuto il presidente Magufuli prima delle elezioni dell'anno scorso. Si legge: “Uliahidi Umetenda Tunatushukuru”, in swahili, “Tu hai promesso e rispettato e noi ti ringraziamo”, in italiano. Illustra i successi di Magufuli nella costruzione di strade (barabara), aerei (ndege), ponti (daraja) e treni moderni (reli ya kisasa). Foto di Pernille Baerendtsen, utilizzata previa autorizzazione.

Il suo obiettivo anti-corruzione è altresì piaciuto al pubblico occidentale. Infatti, i media hanno inizialmente accolto positivamente le sue idee.

Alcuni ricordano Magufuli come un “vero statista africano” e panafricano il quale metteva l'Africa al primo posto. Altri lo ricordano come un presidente “populista” che ha promosso il nazionalismo sopra ogni cosa:

Ho visto la Tanzania piangere John #Magufuli. Abbiamo denunciato i suoi modi autocratici, il suo populismo e deriso la sua inclinazione non scientifica, ma chiaramente, fra le persone comuni, il tipo era abbastanza popolare.

Tuttavia, Magufuli ha applicato un governo di stampo autoritario durante il quale i diritti umani e la libertà di parola hanno ampliamente sofferto.

Negli ultimi sei anni, Human Rights Watch, Amnesty International, Committee to Protect Journalist, Global Voices e altri hanno costantemente monitorato il deterioramento nei confronti delle protezioni dei diritti civili e umani.

Tra il 2020 e il 2021, la Tanzania è scesa di sei posti nella classifica di Freedom Housedropped che misura la democrazia e la libertà.

Nel gennaio 2019, quando in parlamento si è discusso della Political Parties Act portando a una restrizione dei partiti di opposizione, l'entrata di un gufo in parlamento è stata interpretata come un cattivo presagio.

L'amministrazione di Magufuli ha spesso usato legislazioni come la Electronic and Postal Communication (Online Content) (EPOCA), o il Cybercrimes Act per reprimere le voci dell'opposizione e il dissenso pubblico. I regolamenti modificati nel 2020 proibivano ai cittadini di condividere informazioni pubbliche “che potrebbero causare caos o disordine pubblico” e “contenuti con informazioni circa un focolaio di una malattia mortale o contagiosa” senza l'approvazione del governo da parte di alti funzionari.

I cittadini non potevano parlare del terremoto che ha scosso la regione costiera l'anno scorso, figuriamoci parlare della pandemia che li ha raggiunti mesi dopo.

Inoltre, all'inizio di marzo, almeno quattro persone sono state arrestate per aver twittato sulla presunta malattia del presidente durante le due settimane di speculazioni selvagge sui luoghi e lo stato di salute di Magufuli stesso.

‘Quindi è morto di Covid?’

Secondo quanto riferito, Magufuli è morto per complicazioni cardiache, un problema per il quale era stato in cura per 10 anni. Ma la sua morte improvvisa ha lasciato molti a chiedersi se fosse eventualmente morto per COVID-19.

Per molti, non ultimo il pubblico occidentale, Magufuli sarà ricordato per il suo approccio negazionista nei confronti della COVID.

La Tanzania ha inizialmente imposto restrizioni e linee guida per frenare la diffusione del virus, ma Magufuli ha ripetutamente denunciato i lockdown come una maggiore minaccia per l'economia piuttosto che per il virus.

Il defunto presidente ha apertamente respinto la guida internazionale sui protocolli di salute pubblica relativi all'indossare mascherine, al mantenere le distanze sociali e ai vaccini, esortando i cittadini a usare la preghiera e i rimedi erboristici [sw].

Ad aprile dell'anno scorso, dopo avere bloccato la pubblicazione dei dati relativi alla COVID-19, ha poi insistito affermando che la preghiera fosse riuscita a sconfiggerlo. Poco dopo, ha dichiarato la Tanzania “COVID-19 free“.

Anche se è impossibile dire esattamente come la COVID-19 abbia colpito la Tanzania, il virus non è sicuramente sparito.

Quando una nuova ondata si è presentata a gennaio, molti tanzaniani hanno condiviso testimonianze sui social media dichiarando di essersi ammalati con sintomi simili a quelli portati dal Coronavirus. Tuttavia, si sono riferiti a tali sintomi scrivendo nimonia mpya [swa], ovvero “la nuova polmonite” o “problemi di respirazione”, consapevoli che riferirsi direttamente al virus avrebbe inevitabilmente portato ad aspre pene nei loro confronti.

Nonostante ciò, Magufuli ha ribadito la sua posizione anti-vaccinazione in un discorso tenuto dalla sua casa di Chato, il 27 gennaio:

If the white man was able to come up with vaccinations, he should now have found a vaccination against AIDS; he would now have found a vaccination against tuberculosis; he would now have found a vaccination against malaria; he would now have found a vaccination against cancer.

Se i bianchi fossero realmente in grado di creare i vaccini, ora ne avrebbero trovato uno contro l'AIDS; avrebbero trovato un vaccino contro la tubercolosi; avrebbero trovato un vaccino contro la malaria; avrebbero trovato un vaccino contro il cancro.

Questa è stata una notevole differenza rispetto al predecessore di Magufuli, il presidente Jakaya Kikwete, che ha servito come ambasciatore globale per l'immunizzazione all'inizio del 2016.

Il mese scorso, Magufuli ha finalmente ammesso che il suo paese aveva un problema con il coronavirus, esortando i tanzaniani a indossare mascherine prodotte in loco. Evidentemente, la morte del vicepresidente di Zanzibar Seif Sharif Hamad ha piegato l'intransigenza di Magufuli. Anche diversi funzionari di alto livello dell'élite politica vicini all'ex presidente sono morti per la malattia.

Mentre folle di persone continuano a riunirsi per rendere omaggio al defunto presidente, la sua morte ha portato anche un po’ di sollievo.

Poco dopo la morte di Magufuli, la scrittrice Elsie Eyakuze si è fatta avanti sui social media per parlare apertamente di come è stato vivere la pandemia in Tanzania con un presidente che ha mostrato ostinato disprezzo per il Coronavirus.

In un lungo post su Twitter, ha scritto:

Eccoci. Per la vera storia che non sono riuscita a raccontare per troppo tempo. #thread. Nel marzo del 2020, la pandemia da Covid19 ha iniziato a dilagare in tutto il mondo. Non ha risparmiato la Tanzania. Ma nell'aprile del 2020 abbiamo fermato tutti gli sforzi pubblici per arrestare la sua diffusione nel paese.

In uno dei suoi ultimi tweet, chiede:

“Ma quindi è morto di Covid”. Si, è così. Lui, lei, loro. I tanzaniani. E così molte altre persone. Ma non è di loro che si vuole parlare, giusto? Loro non sono “La Storia”.
È proprio così. Un amico si tiene in contatto. “Si può?” Beh, posso metterla sul personale? “Per favore, fallo”.
Lo farò. Domani.

In una lettera aperta a Magufuli, Eyakuze sottolinea l'incoerenza delle idee di Magufuli, ma applica anche l'empatia di cui Magufuli stesso, a volte, sembrava peccare e lo perdona.

I tanzaniani stanno facendo i conti con la complessità e la gravità della morte di Magufuli e con l'eredità che ha lasciato, con un occhio di riguardo al futuro.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.