chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La giovane stella del cricket del Camerun, Maeva Douma, porta lo sport femminile a un altro livello

Maeva Douma, la giovane campionessa di cricket del Camerun. Immagine ottenuta dalla Federazione di Cricket del Camerun, usata con licenza.

Il 12 settembre 2021 Maeva Douma, 16 anni, ha fatto la storia [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione, ndt] del cricket internazionale a Gaborone, Botswana, durante le qualificazioni per la Coppa del Mondo Africa Twenty-20 (T-20) femminile dell'International Cricket Council (ICC) tra il suo paese, il Camerun, e l'Uganda.

Douma ha brillantemente respinto quattro battitori ugandesi, stabilendo un nuovo record di cricket durante la sua prima apparizione sulla scena mondiale. Questa è stata la prima volta che Douma ha preso una palla in una partita internazionale ed è giusto dire che ha lasciato il segno raccogliendo cinque wickets contro l'Uganda.

Ha utilizzato una forma controversa ma legale di eliminazione chiamata Mankading, che ha più volte diviso il mondo del cricket nel corso degli anni. Prende il nome dal leggendario lanciatore indiano Vinoo Mankad e consiste in una tecnica di eliminazione che entra in gioco quando un battitore all'estremità non attaccante lascia la posizione di crease prima che la palla abbia lasciato la mano del lanciatore. Sebbene impopolare e contestato, Mankading è considerato legale dalle norme internazionali di cricket.

Douma non è solo considerata un elemento fondamentale della squadra nazionale, ma è diventata un'ispirazione anche per molti giovani a casa. La sua vittoria ha già posto sotto i riflettori il nascente cricket femminile del Camerun, che si trova tra l'Africa occidentale e centrale.

“Ammaliata” dal cricket

La maglia della nazionale di cricket di Douma è ben visibile al centro della sua stanza. È circondata da quelle del suo gruppo con il suo numero 9 preferito decorato su di esse. La presenza di altre attrezzature sportive come una palla, una mazza e un casco offre l'immagine della vita di qualcuno che è nato per giocare a cricket. Ma non è questo il caso.

Quando Douma era piccola, non ha mai pensato di poter essere destinata a giocare a cricket e che avrebbe detenuto un record internazionale a soli 16 anni. Nata in una famiglia di sette persone, i suoi genitori alla sua stessa età avevano avuto un percorso sportivo esemplare. La madre giocava a pallamano e a basket, mentre il padre praticava arti marziali miste. Veder loro praticare sport l'ha motivata a realizzare ciò che i suoi genitori non hanno potuto raggiungere a causa della mancanza di opportunità. Dopo la morte del padre nel 2005, Douma sembra averne ereditato il dono e ha iniziato a essere all'altezza delle aspettative.

Douma, che ha mosso i primi passi in questo sport solo nove mesi fa, all'età di 15 anni, vive in un quartiere di appassionati di cricket. È in questo tipo di ambiente che l'astro nascente ha imparato il mestiere da suo fratello maggiore che la chiamava spesso come riserva per la sua squadra amatoriale.

“Ero affascinata dal modo in cui la gente giocava a cricket nel quartiere e ho deciso di giocare anch'io”, ha detto Douma in un'intervista a Global Voices.

Il momento che ha fatto la storia del cricket

Anche Douma è rimasta sorpresa dal suo risultato alla partita di settembre.

“All'inizio ero davvero stupita, ma poi sono stata molto orgogliosa di me stessa perché ora detengo un record internazionale di cricket”, ha detto. “Devo questo successo al mio allenatore e a tutti coloro che mi hanno ispirato a giocare a cricket”.

Ha inoltre dichiarato: “Ho notato che era difficile battere l'attaccante. Così ho deciso di cercare un'alternativa. Mi sono reso conto che ogni volta che correvo per lanciare la palla, il non-attaccante usciva dal crease. Ed è così che ho deciso di eliminarli”.

Non è facile fare quattro Mankading in un inning. La prima volta potrebbe trattarsi di un errore. La seconda  semplice disattenzione da parte della squadra avversaria. Ma quattro Mankad richiedono ritmo, precisione ed energia. 

Una brillante combinazione di abilità e audacia è valsa a Douma l'attenzione internazionale, che spera possa catapultarla in una promettente carriera. “Non ho mai creduto di essere in grado di mettere fuori gioco i battitori come il mio eroe [Chris Benjamin, un giocatore di cricket sudafricano]. Penso di poter eccellere molto in questo sport e forse un giorno brillare”, ha detto. 

Ma la stella del cricket ha ancora gli occhi puntati sulla sua educazione. “Di solito mi alleno dopo la scuola e prendo i miei libri. Normalmente ci alleniamo nei fine settimana e solo ogni tanto durante la settimana”, ha raccontato Douma a Global Voices.

Le imprese di Douma l'hanno resa la star della squadra, della famiglia e del quartiere. “La mia speranza è che Maeva benefici di un tutoraggio adeguato che la aiuti a praticare di più questo sport da parte della federazione e di altri organismi competenti. Spero che il suo talento non si perda. A 16 anni è solo una bambina e può andare molto lontano”, ha commentato a Global Voices Djoh Christine Limoungue, la madre di Douma.

La COVID-19 minaccia il debutto internazionale del Camerun

Dopo mesi di intensa preparazione, la squadra nazionale femminile di cricket del Camerun è partita per il Botswana per prendere parte alle qualificazioni per il 2021 della ICC Women's T-20 World Cup Africa.

Era la prima competizione internazionale per la squadra di cricket camerunese. Tuttavia, il loro entusiasmo per il torneo di qualificazione a 11 nazioni è stato stroncato quando una giocatrice – la migliore della selezione – è risultata positiva al Covid-19 all'arrivo a Gaborone.

L'intera squadra è stata messa in quarantena per cinque giorni. La situazione ha avuto un effetto negativo sulla loro preparazione, sia fisicamente che psicologicamente. Molte delle giocatrici sono giovanissime e viaggiavano per la prima volta.

Victor Agbor Nso, presidente della Federazione di Cricket del Camerun, ha raccontato a Global Voices: “Non abbiamo potuto svolgere le sessioni di allenamento normali che dovevamo. Abbiamo lasciato l'isolamento e la quarantena per giocare senza allenamento, stigmatizzati e traumatizzati. Nonostante le difficoltà, siamo arrivati al torneo con il nostro leggendario spirito combattivo e abbiamo dato il meglio di noi”.

Non è stato il tipo di debutto che il Camerun aveva immaginato fin dall'inizio. La squadra si è classificata in fondo al gruppo B, dove ha dovuto affrontare nazioni importanti come Namibia, Uganda e Nigeria. Hanno perso tutte e quattro le partite, ma si sono concentrati sugli aspetti positivi della loro partecipazione. 

“È stata una grande esperienza piena di alti e bassi”, ha detto Nso. “La preparazione è stata fatta senza il sostegno del governo e la nostra partecipazione non è stata facile. Abbiamo lasciato il Camerun per Gaborone: la fortuna non ha brillato dalla nostra parte”.

Nonostante il risultato, il Camerun era sotto i riflettori. La squadra si è resa conto che la formazione che aveva ricevuto in patria era una delle migliori nonostante le limitate possibilità e risorse che aveva a disposizione.

James Solefack, addetto allo sviluppo e capo allenatore della squadra maschile, ha anche sottolineato in una chiacchierata con Global Voices che “non è stato facile per noi preparare le ragazze per quella competizione. Al nostro piccolo livello, insegniamo alle ragazze le regole. Non prendiamo le cose alla leggera da queste parti. La nostra formazione è graduale. Insegniamo loro il cricket dalla base”.

Vede la possibilità per il cricket femminile di crescere. “Se viene data la possibilità al Camerun di prendere tempo e prepararsi molto bene negli anni a venire, avremo delle giocatrici ben preparate e di talento per il paese”, ha detto.

Come sta andando il cricket in Camerun

La squadra femminile di cricket del Camerun. Immagine ottenuta dalla Federazione di Cricket del Camerun, utilizzata con licenza.

Il cricket è considerato una nuova disciplina per molti in Camerun, ma si è notevolmente sviluppato da quando è stato introdotto nel paese più di un decennio fa. Secondo Nso, presidente della federazione di cricket, la sua popolarità sta crescendo, con più di 7.000 bambini provenienti dalle diverse dieci regioni che ora sono appassionati giocatori di questa disciplina.

Tuttavia i club delle regioni colpite dalla crisi anglofona non possono partecipare alle competizioni organizzate dalla federazione di cricket a causa del conflitto.

“Abbiamo scuole a Douala, Yaounde, nel Nord Ovest e nel Sud Ovest, anche se la crisi socio-politica ha rallentato il lavoro. Queste sono le roccaforti del cricket. Abbiamo atleti che possono potenzialmente corrispondere al talento di Maeva in futuro”, ha detto Nso.

“Abbiamo fatto molti passi avanti. Quando abbiamo iniziato, le persone non avevano fiducia in noi. Abbiamo ricevuto molte critiche. Dicevano che il cricket non può prosperare in Camerun”, ha spiegato. “E io ho detto loro che sono andato in giro per il mondo, ho visto cosa stanno facendo gli altri paesi. Oggi godiamo dell'ammirazione mondiale”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.