chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il figlio del dittatore Ferdinand Marcos vuole diventare il nuovo presidente delle Filippine

I manifestanti condannano la terribile eredità lasciata dal governo Marcos. Foto di Karapatan.

Ferdinand “Bongbong” Romualdez Marcos Jr., 64 anni, anche conosciuto semplicemente come Marcos Jr., BBM, o Bongbong, è il secondogenito e unico figlio maschio di Ferdinand Marcos Sr., dittatore delle Filippine e bandito di fama mondiale [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], e della ex First Lady Imelda Romualdez Marcos.

Marcos Jr. è stato il favorito in parecchi sondaggi tenutisi prima delle elezioni, il che potrebbe dare nuovamente la possibilità a lui e alla sua famiglia di riottenere il potere politico dopo esser stati spodestati a causa di un'insurrezione popolare nel 1986.

La carriera politica di Bongbong

Bongbong Marcos. Foto Flickr del Public Attorney's Office (NCR) Training, (CC BY-NC-SA 2.0)

Nel 1980, Bongbong divenne il Vice Governatore della provincia di Ilocos Norte che ha gestito senza nessun tipo di opposizione sotto la direttiva del partito di suo padre, il Kilusang Bagong Lipunan. All'epoca, il padre governava le Filippine applicando la legge marziale. Bongbong Marcos ha ricoperto l'incarico di Governatore di Ilocos Norte fino al 1983, anno in cui la sua famiglia fu spodestata a causa di un'insurrezione popolare (EDSA I). Dunque, nel febbraio 1986, egli fuggì nelle Hawaii dopo esser stato esiliato.

All'inizio del 1985, suo padre si autodichiarò presidente del consiglio della Philippine Communications Satellite Corp (Philcomsat), società di telecomunicazioni, il che potrebbe essere considerato come un esempio lampante di “capitalismo clientelare”. Nel 1982, tenuto conto che Marcos rappresentava di fatto l'unico ponte tra le Filippine e Intelsat, il network mondiale di satelliti, il governo vendette le quote di maggioranza ai compari di Marcos, benché fossero molto redditizie. Gli investigatori del governo filippino scoprirono in seguito che il Presidente Marcos aveva acquisito il 39.9% delle quote della società tramite dei prestanome— per un valore complessivo di circa 19,95 milioni di dollari. Questa operazione permise al padre di nominare il figlio Bongbong presidente del consiglio di Philcomsat all'inizio del 1985. Di conseguenza, Bongbong riceveva uno stipendio che “andava dai 9.700 ai 97.000 dollari al mese” benché si recasse in ufficio di rado.

Il 4 novembre 1991, dopo la morte di Ferdinand Marcos Sr., sopraggiunta nel 1989 alle Hawaii, la Presidente Corazon Aquino concesse ai restanti membri della famiglia Marcos, tra cui anche Marcos Jr., di ritornare nelle Filippine per rispondere a diverse accuse.

Ottenere di nuovo prestigio politico

Da allora, la famiglia Marcos ha lanciato una campagna sistematica per riabilitare il suo buon nome della famiglia e per ritornare al potere.

Imelda Marcos ha concorso nel 1992 alle presidenziali, ma fu battuta da Fidel Ramos — una figura chiave per l'estromissione dei Marcos. Tuttavia, nel 1995, Imelda Marcos vinse un seggio nella giunta della sua città natale, Leyte, dove i suoi famigliari avevano esercitato a lungo un'influenza politica. Nel 1998, Imelda provò nuovamente a concorrere per le presidenziali, ma fallì un'altra volta.

Dal 1992 al 1995, Bongbong Marcos fu eletto delegato del Congresso del secondo distretto di Ilocos Norte. Nel 1998, concorse e vinse nuovamente le elezioni per la carica di governatore della stessa provincia. Dopo nove anni, ritornò al suo ruolo precendete di membro del congresso dal 2007 al 2010 e, in seguito, divenne il Senatore delle Filippine con il Partito Nazionalista delle Filippine, dal 2010 al 2016.

Imee Marcos, sorella maggiore di Bongbong Marcos, rappresentò invece, dal 1998 al 2007, il secondo distretto di Ilocos Norte, con tre mandati consecutivi. Nel 2019 è diventata senatrice.

I resti del vecchio dittatore Ferdinand Marcos Sr. arrivarono nelle Filippine oltre sette anni dopo la cacciata dei Marcos. Ma, i resti poterono essere sepolti nel cimitero di Libingan ng mga Bayani (cimitero degli eroi) solo il 18 novembre 2016, pochi mesi dopo l'assunzione dell'incarico da parte del Presidente Rodrigo Duterte. La Corte Suprema confermò la decisione presa nel 2016 di permettere la sepoltura dei resti dell'ex presidente nel cimitero di Libingan ng mga Bayani. In effetti, l'alleanza della famiglia Marcos con il presidente Duterte si è rivelata, senza alcun dubbio, un fattore decisivo.

Marcos Jr. ha concorso per il ruolo di Vice Presidente delle Filippine nelle elezioni del 2016, ma è stato battuto dalla deputata Leni Robredo. In seguitò, lo stesso Marcos Jr. denunciò gli esiti delle elezioni direttamente al Tribunale per le Elezioni Presidenziali, accusando e affermando la presenza di brogli elettorali, tuttavia tale richiesta fu archiviata.

Riabilitare il buon nome dei Marcos

Secondo quanto riportato, pur di riabilitare il buon nome della famiglia, i Marcos avrebbero cercato di avvicinarsi alla Cambridge Analytica Ltd., società britannica di consulenza che si descrive come “una agenzia mondiale che gestisce le elezioni”. La società è anche molto nota per il suo coinvolgimento nello scandalo Facebook-Cambridge Analytica.

Un'ulteriore prova dello sforzo sistematico condotto da parte della famiglia Marcos per manipolare l'opinione pubblica e riconsiderare l'eredità lasciata dal vecchio dittatore è rappresentata dal gran numero di pagine Facebook e di account creati nelle Filippine, inclusi anche account collegati direttamente al Presidente Rodrigo Duterte e a Imee Marcos, account che erano stati eliminati dal famoso social network per aver violato le politiche di spam e i criteri di autenticazione.

La campagna elettorale di Bongbong Marcos porta avanti l'idea che “il figlio non dovrebbe essere responsabile dei peccati del padre” e che decenni di discordia dovrebbero ora cedere il passo a un futuro di unione e prosperità.

Opposizione al ritorno dei Marcos

Nonostante il vantaggio di risorse della famiglia Marcos (per lo più beni ricavati da azioni illecite), attacchi al negazionismo, l'uso effettivo dei social media per influenzare il pubblico e un significativo ritorno al potere, la sua candidatura presidenziale di Marcos Jr. deve far fronte a incredibili ostacoli.

Il principale è rappresentato da un alleato, Sara Duterte, sindaco della città di Davao, figlia dell'attuale presidente. Duterte è in cima ad ogni sondaggio elettorale e, di conseguenza, Bongbong gli è solo secondo. Dato che Sara è la figlia del presidente Duterte, sa approfittare bene delle risorse e dell'influenza del presidente in carica. Benché il sindaco si stia muovendo cautamente riguardo alla propria candidatura per le presidenziali, potrebbe pensare di cambiare strategia prima della scadenza per la presentazione delle candidature, prevista per il 15 novembre. Una successione dei Duterte nella carica presidenziale tutelerebbe sicuramente l'attuale presidente Duterte da una possibile accusa per “crimini contro l'umanità” dinanzi alla Corte penale internazionale, visti i numerosi casi di criminalità in corso.

La crescente coalizione d'opposizione contro le famiglie Duterte e Marcos è una forza con cui i candidati dovranno fare i conti.

La Vice Presidente Leni Robredo, nonché principale rivale alle presidenziali, vuole chiaramente fermare l'attività dei Marcos e dichiara, inoltre, che ha intenzione di evitare che si vada a creare un governo fantoccio del regime del Presidente Rodrigo Duterte.

Il Senatore Manny Pacquiao, un campione di boxe in otto differenti classi di peso e anch'egli candidato alle presidenziali, ha affermato che la popolazione chiede alla famiglia Marcos di ridare a chi di diritto i miliardi di dollari ricavati da beni illeciti. Il campione ha aggiunto poi che se sarà eletto presidente, riaprirà tutte le inchieste contro i Marcos e verificherà la provenienza di tutti quei beni illeciti che saranno recuperati dall'agenzia governativa Presidential Commission on Good Government.

L'ex legislatore Neri Colmenares, che è stato torturato durante la presidenza dei Marcos per essere stato un attivista, ha scritto riguardo alla necessità comune di impedire il ritorno dei Marcos:

…impedire la restaurazione dei Marcos e salvare la nazione dalla catastrofe degli ultimi cinque anni.

Siamo fiduciosi che una coalizione possa essere ancora possibile tra coloro che si oppongono alla presidenza dei Duterte o dei Marcos.

L'opposizione alla presidenza dei Marcos è sostenuta da una forte base legale. Il 25 febbraio 2013, l'allora presidente Benigno Aquino III firmò la legge della Repubblica n. 10368, altrimenti nota come “Human Rights Reparation and Recognition Act of 2013″. La legge riconosce l'obbligo morale e legale dello Stato di intervenire dinanzi a casi palesi di violazione dei diritti umani commessa dal regime dell'ex presidente Ferdinand E. Marcos, durante gli anni in cui è stata applicata la legge marziale, dal 21 settembre 1972 al 25 febbraio 1986, e anche un mese prima e dopo tale periodo. La normativa, dunque, riconosceva per la prima volta la violazione da parte del regime dei diritti civici, politici ed economici del popolo.Karapatan,un'alleanza fondata da sostenitori dei diritti umani, ha aggiunto:

In the same way that the struggle of the people did not end with the downfall of the Marcos dictatorship, the campaign to stop Marcos and Duterte from returning to and staying in Malacañang continues, as a way to do justice for the Filipino people of the martial law generation and all other generations after Duterte.

La gente non ha ancora finito di battersi contro il regime dei Marcos, allo stesso modo continua la campagna per impedire un ritorno al potere dei Marcos e dei Duterte nel palazzo presidenziale di Malacañang. Questo è il modo che abbiamo per chiedere giustizia per i filippini che sono stati vittime della legge marziale e per tutte le generazioni che verranno dopo la presidenza di Duterte.

Storie recenti Citizen Media

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.