chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La morte di un famoso gangster rivela fratture nella società giamaicana

Filo spinato attorno al muro di una prigione in Giamaica. Foto di Christina Xu su Flickr, CC BY-SA 2.0.

Verso le 14:00 Del pomeriggio dell'11 ottobre, gli spari risuonarono a Elletson Flats, St. Andrew, una zona residenziale relativamente tranquilla alla periferia di Kingston, la capitale della Giamaica. Durante l'incontro, secondo il resoconto della polizia, hanno intercettato un'auto nella quale viaggiava il trentacinquenne Christopher Linton, un rinomato leader di una banda nota come “Dog Paw”. Quando gli è stato chiesto di uscire dall'auto, Linton lo ha fatto e presumibilmente ha aperto il fuoco sugli agenti. Gli hanno sparato [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] durante lo scambio e poi è stato dichiarato morto in ospedale.

La Commissione Investigativa Indipendente della Giamaica (INDECOM), afferma che ci sono stati 101 omicidi extragiudiziali da parte delle forze di sicurezza fino al 12 ottobre, e un totale di 115 nel 2020, sta ora esaminando l'omicidio, su cui c'è stato molto interesse pubblico.

Linton era stato scarcerato sei mesi fa, dopo che una condanna a 15 anni per arma da fuoco, inflitta nel 2013, era stata ribaltata dalla Corte d'Appello. Secondo quanto riferito, un alto ufficiale di polizia ha affermato che Linton non ha mantenuto la sua promessa di avere un'influenza positiva sul suo rilascio: “Ha semplicemente continuato il suo percorso criminale”. Mentre cercava di ristabilirsi nell'area, la sua carriera criminale ha dovuto affrontare sfide. Linton è stato ferito in una sparatoria lo scorso giugno e uno dei suoi soci è stato ucciso dai rivali ad agosto.

Alla sua morte, iniziarono a emergere ulteriori dettagli sulla vita di Linton e sui modi in cui si intersecava con l'ambiente privilegiato dei quartieri alti, a solo un paio di chilometri da dove era cresciuto a Tavern, St. Andrew, vicino all'Università delle Indie Occidentali. città universitaria. Alcuni erano già noti, tra cui la relazione di Linton con Leah Tavares-Finson, figlia di un politico di spicco ed ex Miss Mondo, con la quale ha avuto un figlio, ora di 10 anni. L'ereditiera, che è coinvolta nella scena musicale, e si crede abbia avuto un altro figlio con un noto deejay di dancehall, ha postato sulla sua pagina Instagram che le sarebbe mancato il “suo Paw Paw Bear” Linton, lasciando che un commentatore osservasse seccamente su Twitter:

Quindi questa è la prova che tutte le società della Giamaica si mescolano e si mescolano in un modo o nell'altro. I ricchi e i famosi, la legge e i criminali #DogPaw

Questa connessione con la Giamaica della classe media e alta va, tuttavia, molto oltre e più in profondità. Dopo la morte di Linton, l'ambientalista e scrittrice pluripremiata Diana McCaulay ha parlato di lui in un'intervista radiofonica. Il suo primo romanzo, Dog-Heart pubblicato nel 2010, raccontava le lotte di un ragazzo povero e della sua famiglia, e gli sforzi sinceri di alcune donne dei quartieri alti per salvarlo da una vita criminale. L'ispirazione per quel personaggio è stata “Dog Paw”, che McCaulay ha incontrato quando aveva solo otto anni. Ha aiutato lui e i suoi tre fratelli a frequentare una prestigiosa scuola preparatoria a Kingston. Uno dei suoi fratelli è stato arrestato e ucciso durante una rissa in prigione nel 2005, cosa che McCaulay ha suggerito potrebbe aver spinto Linton a “prendere una strada diversa” e l'ha portata a concludere che la società, compresa lei stessa, lo aveva deluso.

La reazione dei social media all'intervista radiofonica è stata generalmente antipatica, con un utente di Twitter che ha commentato che molti giamaicani provenienti da ambienti simili avevano fatto meglio:

La tua scusa per il fallimento della società di Dog Paw Linton è ingenua e miope. Che dire dei tanti giovani uomini e donne provenienti dalla stessa estrazione sociale che hanno fatto della loro vita dei successi? Nessun corpo ci deve vivere, io devo assumermi la responsabilità personale.

Un altro ha visto l'intervista come affascinante per un criminale:

@cliffnationwide Ieri ho ascoltato con stupore mentre facevi il tuo servizio sul famigerato Dog Paw.

Non ho visto alcun beneficio in quel segmento se non per glorificare un uomo cattivo e la cattiveria. Vedo altri che cercano di fare più “wikidness” per ottenere una funzionalità su @NationwideRadio quando vengono rimossi.

Altri erano più compassionevoli. Cosa poteva essere diventato Linton, e cosa è andato storto nella sua vita dopo che gli era stata data l'opportunità di rimediare?

Non si tratta di celebrazione, si tratta di riflessione, potrebbe qualche intervento aver cambiato l'esito, quindi avrebbe potuto essere qualcun altro. Ci sono alcuni adorabili ragazzi là fuori che potrebbero diventare la prossima zampa di cane. Spero che possiamo salvare quei ragazzi vedendo cosa è andato storto qui.

Un giornalista si domandava:

Come si è evoluto un bravo giovane cristiano in ‘Dog Paw'? Dai primi resoconti Christopher Linton era un giovane tranquillo, ben educato, che andava in chiesa (pre-adolescente), che era molto obbediente a sua madre. Cosa è successo lungo la strada?#DogPaw

Mentre McCaulay conosceva Linton solo come un ragazzo con un grande potenziale, un altro ha twittato che la sua vita è tipica di molti giovani giamaicani il cui potenziale viene buttato via a causa della negligenza della società:

Vedere ragazzi promettenti cadere nel dimenticatoio perché letteralmente abbandonati dalla società continua a essere una tragedia. Spesso vediamo solo i mostri che diventano, ma mai quando la società oscura la loro luce.

C'era un lato più gentile in Linton? Una testata giornalistica ha riferito:

#StarNews: Un ex agente correzionale ha detto che il temuto gangster, Christopher Linton, a volte piangeva da solo nella sua cella all'Horizon Adult Remand Centre.

Secondo un avvocato che lo rappresentava, Linton aveva un lato più sensibile, scriveva poesie e canzoni mentre era in prigione.

In un sincero commento finale su Facebook, Diana McCauley ha risposto alle critiche evidenziando la propria mancanza di consapevolezza delle sfide adolescenziali di Linton:

I know I might get further dragged for this, but given that I was born in Kingston and have lived my entire life here […] I had NO IDEA of the scale and scope of the hurdles facing a child like Christopher Linton until I witnessed them. And that's why I came away from the experience with a feeling that we – that I – had failed him and many like him. By ‘we’ – I mean his parents, his first school, NOT his prep school, his high school, the church, the police, the state in general, and the trap of my own attitudes and prejudices, which are common among my social class.

This is not to eulogize him or downplay the suffering he caused, nor say the pain of his victims does not matter, nor do I seek to remove agency from him – it is also true that he was given opportunities many have not had and still chose the criminal path. I just think there should be no rejoicing at his death and there are two truths here – that our society failed a young man of great potential AND he caused untold pain and suffering.

So che potrei essere ulteriormente criticata per questo, ma dato che sono nata a Kingston e ho vissuto tutta la mia vita qui […] Non avevo IDEA della portata e della possibilità di ostacoli che un bambino come Christopher Linton deve affrontare finché non ho li ha testimoniati. Ed è per questo che sono uscita dall'esperienza con la sensazione che noi – che io – avessimo deluso lui e molti come lui. Per “noi” intendo i suoi genitori, la sua prima scuola, NON la sua scuola elementare, il suo liceo, la chiesa, la polizia, lo stato in generale e la trappola dei miei atteggiamenti e pregiudizi, che sono comuni tra la mia classe sociale.

Questo non è per elogiarlo o minimizzare la sofferenza che ha causato, né dire che il dolore delle sue vittime non ha importanza, né cerco di rimuovergli il libero arbitrio – è anche vero che gli sono state date opportunità che molti non hanno avuto e hanno ancora scelto il percorso criminale. Penso solo che non ci dovrebbe essere gioia per la sua morte e ci sono due verità qui – che la nostra società ha deluso un giovane di grande potenziale E ha causato indicibili dolori e sofferenze.

Questa non è la prima volta che un leader di una banda giamaicana è diventato una sorta di “celebrità”, facendo titoli drammatici, con profili intensificati, quasi glamour nei media. Forse il più famoso è stato “Rhygin” – vero nome Vincent Ivanhoe Martin – che è diventato il soggetto dell'iconico film di Jimmy Cliff The Harder They Come.

Mentre la polizia tiene d'occhio chiunque si metta nei panni di Linton, la sua morte sembra particolarmente commovente: nonostante le opportunità che gli sono state date, la sua situazione è tipica di molti giovani intrappolati in comunità povere con poche speranze.

Storie recenti Caraibi

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.