chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Incontro con Inaciu Galán, attivista della lingua asturiana

Foto di Inaciu Galán usata su licenza.

Come parte della nostra attuale serie che mette in evidenza il lavoro degli attivisti che promuovono le lingue europee minoritarie e regionali negli spazi digitali, vogliamo presentare Inaciu Galán (@inaciugalan), che promuove la lingua asturiana [en, come tutti i link successivi, salvo diverse indicazioni] parlata nelle Asturie, comunità autonoma situata nel nord-ovest della Spagna. Secondo Ethnologue, questa lingua a rischio di estinzione è parlata da circa 100.000 parlanti madrelingua e da altre 250.000 persone che la utilizzano come seconda lingua.

Rising Voices (RV): Parlaci di te e del tuo lavoro legato a questa lingua.

Inaciu Galán (IG): I am a journalist and teacher and I have taken my activism in favor of the Asturian language and the rights of its speakers to all areas of my life. I have worked as an editor, radio and television presenter, disseminator of the Asturian language in networks, I have published research on the history of Asturian.

In 2011, together with Víctor Suárez, I helped to launch the Iniciativa pol Asturianu Foundation, an NGO that works to achieve the recognition of the rights of Asturian speakers in all the territories where it is a traditional language. On May 6th – Asturian Literature Day, I will be appointed as a member of the Academy of Asturian Language.

Inaciu Galán (IG): Sono giornalista e insegnante e ho esteso il mio attivismo a favore della lingua asturiana e dei diritti dei suoi parlanti a tutti i settori della mia vita. Ho lavorato come editor, presentatore televisivo e radiofonico, divulgatore della lingua asturiana in rete e ho pubblicato delle ricerche sulla storia di questa lingua.

Nel 2011, insieme a Víctor Suárez, ho contribuito a dare avvio a Iniciativa pol Asturianu Foundation [ast], una ONG che lavora per ottenere il riconoscimento dei diritti dei parlanti di lingua asturiana in tutti i territori in cui questa è una lingua della tradizione. Il 6 maggio, Giornata della letteratura asturiana, verrò nominato membro dell'Accademia della lingua asturiana.

RV: Qual è lo stato attuale della tua lingua online e offline?

IG: Our language has a major problem of the breakdown of generational transmission and a lack of recognition of rights, but it has a very active community behind it that has been working hard for half a century to achieve the survival of the language. The presence in social networks, but also in schools, etc. is very wide and varied.

IG: La nostra lingua ha un grande problema di rottura della trasmissione generazionale e un mancato riconoscimento dei diritti, ma dietro a essa c'è una comunità molto attiva che ha lavorato sodo per mezzo secolo per ottenerne la sopravvivenza. La presenza sui social network, ma anche nelle scuole e così via, è davvero ampia e variegata.

RV: Quali sono le tue motivazioni per vedere la tua lingua presente negli spazi digitali?

IG: I wish I didn't have to be an activist, but I had to because of the situation of my language. The digital sphere makes it possible to reach a lot of people in a simple way and to do so with the younger generations in mind. That is why, among the initiatives I started, there is PlayPresta, a space to create and disseminate spaces for YouTubers and podcasters in Asturian.

IG: Vorrei non essere diventato un attivista, ma ho dovuto farlo a causa della situazione della mia lingua. La sfera digitale permette di raggiungere tante persone in modo semplice e di farlo tenendo a mente le nuove generazioni. Ecco perché, tra le iniziative che ho lanciato, c'è PlayPresta [ast], creato per dare spazio a youtuber e conduttori di podcast in lingua asturiana.

RV: Descrivi alcune delle difficoltà che impediscono alla tua lingua di essere utilizzata appieno online.

IG: The lack of recognition of the language means that it is not the vehicular language of the main social networks. Although thanks to the voluntary work of many people, we have many free software tools in Asturian, there is still a long way to go. The framework conditions users of a minority language in a diglossic situation.

IG: Il mancato riconoscimento della lingua significa che essa non è la lingua di comunicazione dei principali social network. Nonostante abbiamo molti software gratuiti in asturiano grazie al lavoro volontario di molte persone, c'è ancora tanta strada da fare. Questo contesto costringe i parlanti di una lingua minoritaria a una situazione di diglossia.

RV: Quali atti concreti pensi che si potrebbero fare per incoraggiare i giovani a imparare la tua lingua o continuare a usarla?

IG: For almost forty years Asturian has been in schools, but in a voluntary and very precarious way, with only a few hours of instruction, centers where it is difficult to receive the subject and a very unstable situation for the teachers who teach it. If we were able to generalize the subject and give it a greater timetable, we would have many opportunities. But it is not enough, we need to create attractive content for young people, in the form of audiovisuals, music, applications, games. We need to make the language useful for future employment, loved by speakers, and fun for life.

IG: Per quasi quarant'anni la lingua asturiana è stata presente nelle scuole, ma in modo volontario e molto precario, con solo poche ore di insegnamento, centri in cui è difficile fare lezione e in una situazione davvero instabile per i docenti. Se fossimo in grado di estendere la materia e ampliare l'orario, avremmo più opportunità. Ma non è abbastanza: dobbiamo creare contenuti accattivanti per i giovani sotto forma di prodotti audiovisivi, musica, applicazioni, giochi. Abbiamo bisogno di rendere la lingua utile per un futuro impiego, amata dai parlanti e divertente per la vita.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.