chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Marocco: una prospettiva diversa su Faiza Silmi

Torniamo sul caso di Faiza Silmi, la donna marocchina a cui è stata negata la cittadinanza francese per via di opinioni e comportamenti personali (incluso, fra l'altro, quello di indossare il niqaab, un tipo di velo che copre tutto il viso).

Il blogger marocchino …xoussef [fr] propone un punto di vista alquanto diverso:

Pour moi c'est limpide, la société française est majoritairement contre le Niqaab, le voile, la barbe et les convictions religieuses et politiques dont ce sont les signes extérieurs (qu'importe qu'ils aient tort ou raison c'est un autre débat). La société Française estime que ces convictions religieuses et politiques sont incompatibles avec les valeurs de leur république. Bref, si les français étaient consultés par référendum sur l'octroi de la nationalité française à cette Lalla Faiza et ses semblables, je parie ce que vous voulez que le non l'emporterait…

Mi sembra chiaro, la maggior parte della società francese è contro il Niqaab, il velo, la barba e altri simboli esteriori che rappresentano il credo religioso e le politiche ad essi associati (che sia giusto o sbagliato, è un altro discorso). La società francese considera tali credenze religiose incompatibili con i valori della propria repubblica. In breve, se ai francesi venisse chiesto con un referendum se concedere o meno la cittadinanza francese a Lalla Faiza [princpessa del Marocco] e ai suoi compatrioti, scommetto che il “no” prevarrebbe…

Spiegando meglio più avanti:

…Dans le cas de cette dame,qui n'est pas née en France et dont les parents ne sont pas français, l'octroi de la nationalité est un privilège et non un droit. D'ailleurs, qu'elle veuille devenir française tout en niant le droit de vote aux femmes par exemple me dépasse, et qu'elle ait espéré une réponse positive avec de telles réponses et un tel comportement encore plus.

…Nel caso di questa donna, che non è nata in Francia ed i cui genitori non sono francesi, la nazionalità è un privilegio e non un diritto. D'altronde non capisco perchè, per esempio, voglia diventare francese e allo stesso tempo negare il diritto di voto alle donne, né tanto meno capisco come potesse sperare in un riscontro positivo date le sue azioni e il suo comportamento.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.