chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Afghanistan: prigioni, povertà e politica

Mentre l'amministrazione Obama ha annunciato [in] che invierà altre 17.000 truppe in Afghanistan per affrontare la nuova ondata di resistenza, i blogger locali continuano a discutere delle sfide che ogni giorno devono affrontare gli afghani, tra cui il carcere femminile, le condizioni di povertà e le tensioni politiche.

Baktash Siawash, giornalista e blogger con base a Kabul tratta[in] delle difficoltà della vita delle donne in prigione. Il blogger scrive:

Prigioni femminili: al momento, 10 donne, con 8 figli di età compresa tra i 6 e i 10 anni, sono recluse nella Provincia Settentrionale di Kunduz. Quella che chiamano prigione [consiste di] due stanze, minuscole e oscure, con un gabinetto. Quella di Pul-e-Charkhi[in] è la più famosa del Paese, e si trova nella provincia di Kabul, la capitale: ma nemmeno a Kabul le donne godono di buone condizioni. Ai giornalisti non è nemmeno permesso di visitare il braccio femminile di Pulcharkhi.

Afghancorner, blogger afghano residente negli Stati Uniti scrive [in] che l'Afghanistan è nel caos, e che esisterebbero tensioni con il governo degli Stati Uniti. Il blogger aggiunge:

In un'intervista con David Frost di Al Jazeera, il Presidente Hamid Karzai affronta diverse questioni legate all'Afghanistan (i talebani, i pachistani, le prossime elezioni presidenziali, o il rapporto del suo governo con Obama). È il caso di ricordare come la comunità internazionale abbia espresso preoccupazione sulla corruzione dilagante, e le critiche di Obama al governo Karzai per le carenze gestionali e di leadership. Nella sua ultima intervista, Karzai ammette che i rapporti con l'amministrazione Obama non sono dei migliori.

Christian Bleuer, dottorando australiano scrive [in] nel post Ghosts of Alexander [Fantasmi di Alessandro] che Jennifer McCarthy, studentessa per il dottorato di ricerca a Londra, ha deciso di vivere per un mese con lo stesso budget di un afghano, per diffondere consapevolezza sulla situazione e raccogliere fondi. La ricercatrice racconterà quest'esperienza nel suo blog.

In Afghanistan, non tutto è triste e tetro: Thruafghaneyes, blogger locale, ci parla [in] di Mirwais Mohsen, uno dei primi amanti del pattinataggio sul ghiaccio, sport appena sbarcato a Kabul.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.