chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Palestina: proteste per i nuovi limiti d'accesso a Internet imposti da Paltel

Basta muri - No alle limitazioni su InternetPoche settimane fa, Paltel (il Gruppo Palestinese di Telecomunicazioni) ha lanciato un nuovo servizio ADSL  (“Doppia velocità”) che secondo il sito ufficiale [in] mira a “incrementare gratuitamente la velocità e ridurre i costi migliorando la qualità del servizio”. Tuttavia la nuova policy ADSL di Paltel ha scatenato un'ondata di proteste online da parte degli utenti nella Cisgiordania [it] e a Gaza a causa delle limitazioni che verranno poste alla velocità dell'accesso a Internet.

Mohammad N. Khatib è stato uno dei primi blogger palestinesi a intervenire sul tema nel proprio blog 3X-W=WWW. Nel post “Internet in Palestine – It just keep getting worse!” [in] Khatib scrive:

“Allora le voci erano vere! Hadara (Paltel) il maggior provider di servizi internet palestinese sta impegnandosi al meglio per rendere internet sempre più costoso. E’ già esoso e lento, e adesso la grande sorpresa è che è limitato!

Adesso avrai un limite mensile sul download! Se hai una connessione ADSL da 512 KB, avrai un limite di 10 GB di download al mese. Se superi i 10 GB, la connessione diventerà a 64 KB fino a fine mese! L'utente potrà comprare fino ad un extra di 6 GB (pacchetti da 2, 4 o 6 GB) for 12 NIS (circa 3,5 dollari USA) per ogni 2 GB!“

Ibrahim Jabour pubblica sul blog clickontech [ar] un resoconto su questo tema rovente per la Palestina:

“في شهر ديسمبر 2009 تفاجئ المشتركين بقرار من شركة الاتصالات الفلسطينية بأن الخدمة سوف تنتقل إلى نظام الحصص مع مضاعفة السرعة, بحيث يكون لكل مشترك حصة معينة من نقل البيانات شهرياً وإن نفذت يتم تخفيض السرعة سرعة تعادل سرعة الاتصال الهاتفي القديم وقد أدى هذا القرار إلى ازدياد استياء المواطنين . وبالفعل طبقت الشركة هذا القرار منذ بدأ شهر يناير

- وسيم سنجر – طالب جامعي يقول بأنه تفاجئ بعد مرور 10 أيام فقط من شهر يناير عندما وجد أن سرعة التصفح لديه شبه معدومة , فسارع إلى الاتصال بالدعم الفني الخاص بالشركة ليجد أنه قد تجاوز الحد المسموح له من نقل البيانات , وأكمل مستطرداً بأن أغلب دراسته وأبحاثه في الجامعة تتطلب وجود اتصال انترنت في البيت , والآن مع هذه القيود التي وضعتها شركة الاتصالات سوف يلاقي صعوبات جمة في البحث عن المعلومات المطلوبة

Nel dicembre 2009, i clienti sono stati scioccati dall'annuncio di Paltel sul fatto che il servizio sarebbe passato ad un sistema a quote con doppia velocità, a significare che ogni cliente ha una quota fissa per mese, e quando viene consumata, la velocità di connessone viene ridotta ad un livello equivalente al vecchio dial-up. Quest'annuncio ha fatto crescere la frustrazione degli utenti. L'azienda ha messo in atto la decisione all'inizio di gennaio.

Waseem Sanger, studente universitario, è rimasto scioccato quando, dopo solo 10 giorni dall'inizio di gennaio, ha scoperto che la sua velocità di connessione era quasi nulla. Ciò lo ha spinto a chiamare il supporto tecnico di Paltel, solo per scoprire che aveva superato il limite di download. Ha aggiunto che la maggior parte dei suoi studi universitari e delle ricerche richiedono una connessione internet a casa. E adesso, con le limitazioni imposte da Paltel, avrà parecchie difficoltà nel reperire le informazioni che gli servono

Su Facebook, molti i gruppi creati da utenti palestinesi arrabbiati, che hanno lanciato un movimento di protesta contro la nuova policy di Paltel.

Avete raddoppiato…ma avete distrutto
La campagna contro la decisione di Paltel di limitare il download

Questi gruppi di Facebook fanno parte delle campagne online [in] contro la decisione di Paltel; le bacheche di questi gruppi sono colme di espressioni di malcontento scritte dai membri palestinesi, e contengono raccolte di firme contro la decisione. Esistono anche spazi di discussione sull'argomento, dove molti hanno minacciato di lanciare manifestazioni di protesta nelle strade e di invitare al boicottaggio dei servizi di Paltel. Alcuni di loro vanno oltre e suggeriscono che i clienti palestinesi dovrebbero passare da Paltel a fornitori israeliani.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.