chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Video: le molte facce del terremoto in Cile tramite i filmati online della gente

Santiago dopo il terremoto, foto di pviojo, licenza CC

Santiago dopo il terremoto (foto di pviojo,
con licenza Creative Comons)

Verso la fine di questa prima giornata, sono diventati sempre più numerosi i video [in spagnolo] del devastante terremoto di magnitudo 8.8 che ha colpito il Cile alle 3:30 ora locale [in]. Il sisma, colpendo ben oltre la terraferma con ampi movimenti tellurici, ha generato anche uno tsunami per il quale è scattato l'allerta in tutto il Pacifico e che ha costretto diverse nazioni a prepararsi per le onde che potrebbero sommergerne le spiagge.

Diversi i video girati durante il terremoto, come questo su YouTube. Il filmato inizia con l'inquadratura di un computer in una stanza e, mentre tutto trema, si sente anche un rombo; poi se ne va la corrente e rimane tutto buio, si sentono solo le voci di di un uomo e di una donna. Si capisce che è l'uomo a riprendere con la telecamera, cercando nel contempo di calmare la donna.

Il video successivo è stato ripreso dall'utente di YouTube ikonsento durante una delle scosse di assestamento:

Ikonsento ha cominciato a filmare pochi minuti dopo la prima scossa, caricando online questo video che ne mostra gli effetti sulla sua casa: il modo in cui i mobili sono prima scivolati sul pavimento per poi rovesciarsi in giro testimonia la potenza del terremoto:

Anche il filmato che segue è stato realizzato alcuni minuti dopo il terremoto, come anche questo dove due uomini appena arrivati in Cile subiscono l'esperienza del sisma e decidono di lasciare l'edificio in cui stavano e andare in strada per un po’. Una volta ripristinata la luce nell'edificio, fanno ritorno alla palazzina i cui residenti sono tutti raccolti nell'atrio, e mentre fanno rientrano nell'appartamento, cercano di valutare l'entità dei danni: tubi dell'acqua rotti e crepe nei muri.

Con l'arrivo dell'alba, sempre più gente è scesa in strada per rendersi conto danni tutt'intorno.

Netprox si trovava in viaggio lungo l'autostrada, ed è riuscito a passare a malapena sotto un cavalcavia crollato.

Anche Rafael Vial è uscito in strada e ha filmato un ponte distrutto a Llaillay, ripreso grazie al suo cellulare su Qik.

In molte zone del Cile le comunicazioni  sono interrotte e diventa più difficile mettersi in contatto con i propri cari per assicurarsi che siano tutti salvi. Questa coppia di ragazze ha sfruttato YouTube caricandovi un video nel quale informano amici e famiglia che va tutto bene, e raccontano qualcosa di quanto hanno visto e sentito sul terremoto:

Altri cercano di aiutare diffondendo informazioni preziose su cosa sia meglio fare per avere maggiori probabilità di restare in vita sotto un edificio che sta crollando. Come ad esempio in questo video, diffuso subito dopo il terremoto. La teoria del “Triangolo della Vita” [in] stabilisce sostanzialmente che il posto più sicuro dove nascondersi durante una scossa non è sotto qualche mobile, bensì a fianco di un armadio grande e pesante: in questo modo, se l'armadio viene schiacciato da quanto vi cade sopra, non collasserà sulla persona nascosta sotto. Al contrario, si potrà trovare rifugio nello spazio creatosi a lato dell'armadio. Questo video promozionale, che è stato adattato e tradotto in spagnolo, spiega perchè nascondersi sotto i tavoli o nei vani delle porte non sia una buona idea.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.