chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Tunisia: le dimostrazioni pacifiche si tramutano in violenti scontri

In Tunisia non si placano le proteste per invocare riforme politiche immediate e le dimissioni del Primo Ministro Mohammed Ghannoushi. Per una grossa fetta della popolazione tunisina, la sola destituzione dell'ex Presidente Ben Ali non pare sufficiente e l'obiettivo è quello di rovesciare l'intero regime e di troncare ogni legame con il passato. Venerdì 25 febbraio circa 100.000 dimostranti [en, come gli altri link in questo articolo tranne ove diversamente indicato] sono scesi nelle strade della capitale Tunisi per manifestare contro il Governo ad interim guidato da Ghannoushi.

Tunisi, manifestanti

Tunisi: manifestanti davanti alla sede del Ministero dell Interno nella centralissima Avenue Habib Bourguiba. Foto di Khaled Nciri

I manifestanti non sono disposti a fidarsi di Ghannoushi [it], che in passato si è dimostrato un fedele alleato di Ben Ali occupando posizioni di spicco nel suo governo a partire dal 1989 e arrivando a ricoprire, dal 1999, la carica di Primo Ministro, ruolo che mantiene ancora oggi. Nella notte di venerdì 25 febbraio, quella che era iniziata come protesta pacifica si è improvvisamente trasformata in violento confronto tra polizia e dimostranti. Non è ancora chiaro cosa abbia scatenato gli scontri, ma è certo che le forze di sicurezza hanno usato gas lacrimogeni e sparato proiettili in aria per disperdere i manifestanti che si erano riuniti nella Avenue Habib Bourguiba, nei pressi del Ministero dell'Interno.

Tunisi, agenti antisommossa disperdono i manifestanti

Tunisi: gli agenti antisommossa hanno usato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti. Foto di Khaled Nciri

Human Rights Watch (@hrw) può solo confermare l'uso di gas lacrimogeni:

Negli ultimi 90 minuti, HRW è stato testimone dell'uso di gas lacrimogeni da parte delle forze dell'ordine nei confronti dei manifestanti davanti al Ministero dell'Interno

Il Ministero dell'Interno [ar], attraverso la sua pagina Facebook, ha rilasciato un comunicato secondo cui i manifestanti hanno tentato di fare irruzione all'interno della sede:

عداد غفيرة من المتظاهرين عمدوا عشية يوم الجمعة إلى مهاجمة مقر وزارة الداخلية بشارع الحبيب بورقيبة بالعاصمة حيث القوا كميات كبيرة من الحجارة على مبنى الوزارة ومحيطها…
وحاول أعوان قوات الأمن الداخلي ووحدات الجيش الوطني تفريق المتظاهرين عبر إطلاق النار في الهواء وإلقاء القنابل المسيلة للدموع لكن المتظاهرين واصلوا بإصرار محاولاتهم اقتحام مبنى الوزارة.

Venerdì sera un numero cospicuo di manifestanti ha deliberatamente tentato di irrompere nella sede del Ministero dell'Interno nella Avenue Habib Bourguba, a Tunisi, scagliando pietre in quantità contro l'edificio e le aree adiacenti. Le forze di sicurezza e l'esercito hanno tentato di disperdere i manifestanti sparando proiettili in aria e usando gas lacrimogeni ma i dimostranti non sono arretrati e hanno perseverato nel tentativo di entrare nel palazzo ministeriale.

Aggiornamento: Il Ministero dell'Interno ha riferito che negli scontri sono rimasti feriti 21 agenti di polizia e ci sono stati anche ingenti danni materiali a negozi, a un supermercato e a una stazione di polizia.

Una blogger tunisina è stata testimone diretta degli avvenimenti dalla sua finestra e descrive così la situazione [fr] sulla Avenue Habib Bourguiba:

C'est le K-O à l'Av H.Bourguiba. C'est la 1ère fois que je vois ça (par ma fenetre). C'est pire que se qui s'est passé le 14 Janvier. Les manifestants ont tout brulés, meme le centre de police près de l'Hotel Africa (Le 7ème). On a secouru des jeunes qui fuyaient la police et d'autres étouffés par les bombes lacrymogènes

È il caos nella Avenue Habib Bourguiba. Non ho mai visto niente di simile prima (dalla mia finestra). È anche peggio di quello che è successo il 14 gennaio. I manifestanti hanno bruciato tutto, anche il commissariato di polizia accanto all'Hotel Africa (settimo distretto). Abbiamo soccorso i giovani che scappavano dalla polizia e altri intossicati dai gas lacrimogeni.

Kais (@KaisEG) [fr] scrive:

Ça brule devant le ministère de l'interieur… (Source:mes yeux)

C'è un incendio davanti al Ministero dell'Interno… (Fonte: i miei occhi)

Mathieu Von Rohr, (@mathieuvonrohr) corrispondente estero di DER SPIEGEL scrive:

È triste vedere come una protesta pacifica sia degenerata in violenza a Tunisi. Lo sconforto delle persone è comprensibile ma questo non aiuta.

Aggiunge:

Adesso alcuni teppisti stanno vandalizzando negozi sulla strada principale di Tunisi

Gli scontri non hanno causato morti ma solo un ferito grave.

Vlademir Yebanov (@VlademirYebanov) [fr] riferisce:

encore du sang sur l'avenue bourguiba.. un blessé grave vient d'etre hospitalisé maintenant

Ancora sangue sulla Avenue Bourguiba… un ferito grave è stato ricoverato in ospedale in questo momento

Julien Collinet (@jcollinet) [fr], un giornalista di Canal + paragona gli scontri a una guerra:

Ambiance de guerre sur l'avenue Bourguiba

Clima di guerra su Avenue Habib Bourguiba

Nicola Beau, giornalista e scrittore francese, nel suo blog descrive [fr] Avenue Habib Bourguiba, sabato mattina, dopo gli scontri di venerdì notte:

” On ne reconnait plus notre Tunisie”? Ce matin samedi, un spectacle de désolation, avenue Bourguiban au centre de Tunis, où tout a été saccagé. Des casseurs? des provocateurs? Ou des jeunes en colère contre l'incapacité du pouvoir actuel à prendre simplement la parole? Une certitude, les forces de l'ordre n'ont pas fait dans le détail. Des jeunes se sont réfugiés, affolés, dans les chambres d’ hôtels. La peur était revenue.

“La nostra Tunisia, la riconsociamo ancora”. Questo sabato mattina, uno spettacolo di desolazione, Avenue Bourguiba al centro di Tunisi, dove tutto è stato saccheggiato. Dei teppisti? Dei provocatori? O dei giovani in collera per l'incapacità dell'attuale Governo di comunicare con loro? Una certezza: le forze dell'ordine non sono andate per il sottile. Dei giovani si sono rifugiati in camere d'albergo in preda al panico. E’ tornata la paura.

Questo post fa parte dello speciale di GVO sulle rivolte in Tunisia, in inglese e in italiano.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.